Maggio 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Centinaia di studenti universitari furono arrestati negli Stati Uniti mentre si diffondevano le proteste contro la guerra di Gaza Notizie della guerra israeliana a Gaza

Centinaia di studenti universitari furono arrestati negli Stati Uniti mentre si diffondevano le proteste contro la guerra di Gaza  Notizie della guerra israeliana a Gaza

La polizia era in campo in forze e alcuni hanno usato irritanti chimici e scosse elettriche per disperdere gli studenti, con altre università che si sono unite al movimento.

Centinaia di studenti sono stati arrestati nelle università statunitensi mentre i manifestanti continuano a chiedere un cessate il fuoco a Gaza e il disinvestimento dalle aziende che hanno aiutato Israele nella sua guerra di quasi sette mesi contro l'enclave palestinese.

Sabato la polizia è stata dispiegata in forze nei campus universitari, alcuni utilizzando irritanti chimici e taser per disperdere gli studenti, mentre altri campus hanno assistito alle proteste contro i bombardamenti in corso sulla Striscia di Gaza e alla richiesta di porre fine agli aiuti militari statunitensi a Israele.

A Boston, la polizia ha arrestato circa 100 persone mentre sgomberava un campo di protesta presso la Northeastern University, e i post sui social media mostravano forze di sicurezza che indossavano attrezzature antisommossa e agenti che caricavano tende sul retro di un camion.

La polizia sgombra un accampamento nel campus della Northeastern University di Boston [Michael Casey/AP Photo]

In una dichiarazione su X, la Northeastern University ha affermato che l'area del campus in cui hanno avuto luogo le proteste è ora “completamente protetta” e “tutte le operazioni nel campus sono tornate alla normalità”.

La scuola ha affermato che la sua azione è arrivata dopo che “quella che era iniziata come una manifestazione studentesca due giorni fa è stata infiltrata da organizzatori professionisti non affiliati alla Northeastern”. Ha aggiunto che le persone detenute che hanno presentato una tessera scolastica valida sono state rilasciate e dovranno affrontare azioni disciplinari, non azioni legali.

Il dipartimento di polizia dell'Università dell'Indiana ha arrestato 23 persone a Bloomington, nel Midwest, mentre sgomberavano un campo di protesta nel campus, ha riferito l'Indiana Daily Student.

READ  Il secondo spiaggiamento di massa significa che 500 globicefali potrebbero morire sulle isole remote della Nuova Zelanda | balene

Dall’altra parte del paese, il dipartimento di polizia dell’Arizona State University ha arrestato 69 persone per violazione di domicilio dopo che il gruppo aveva allestito un “campo non consentito” nel campus.

Un gruppo di protesta, “la maggior parte dei quali non erano studenti, docenti o personale dell'ASU”, ha allestito il campo venerdì e ha ignorato i ripetuti ordini di disperdersi, hanno detto funzionari dello stato dell'Arizona.

Gli studenti si riuniscono per una protesta filo-palestinese, nel mezzo del conflitto in corso tra Israele e il gruppo islamico palestinese Hamas, presso l'Arizona State University
Gli studenti si riuniscono per una manifestazione filo-palestinese all'Arizona State University di Tempe, in Arizona [Liliana Salgado/Reuters]

Nel frattempo, almeno 80 persone sono state arrestate alla Washington University di St. Louis, tra cui la candidata presidenziale americana Jill Stein e il suo responsabile della campagna.

In tutti gli Stati Uniti, i leader universitari hanno tentato, senza riuscirci, di reprimere le manifestazioni, che spesso hanno visto l’intervento violento della polizia, con video emersi da vari stati che mostrano centinaia di studenti – e persino docenti – arrestati con la forza.

I manifestanti hanno chiesto la grazia per gli studenti e i docenti che sono stati disciplinati o licenziati per aver protestato. Circa una settimana fa, più di 100 attivisti filo-palestinesi sono stati arrestati alla Columbia University di New York.

Ciò che è iniziato nel campus della Columbia University si è trasformato in uno scontro nazionale tra studenti e amministratori sulle proteste filo-palestinesi e sulle restrizioni alla libertà di parola.

Negli ultimi 10 giorni, centinaia di studenti sono stati arrestati, sospesi, messi in libertà vigilata e, in rari casi, espulsi dai college, tra cui la Yale University, la University of Southern California, la Vanderbilt University e l’Università del Minnesota.

Alcune università sono state costrette a cancellare le cerimonie di laurea, mentre altre hanno visto i manifestanti occupare i loro edifici.

READ  Gli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo approvano gli spettatori domestici in mezzo alle restrizioni COVID-19 ma non è consentito cantare

Gli studenti corrono “enormi rischi”

John Hendren di Al Jazeera, in un reportage dall'Università di Princeton nel New Jersey, ha detto che “il prezzo delle proteste potrebbe essere alto” per gli studenti che occupano il campus.

“Gli studenti stanno correndo grossi rischi in queste proteste. Se violano le regole universitarie, possono essere espulsi. Qui a Princeton la retta scolastica supera i 50.000 dollari l’anno. “Per molti di loro, è l’istruzione che desiderano da tutta la vita”.

Sam Bisnow, uno studente dell’Università di Princeton, ha detto ad Al Jazeera che correre tali rischi dimostra quanto gli studenti siano “appassionati” riguardo a questo problema. “Le persone sono disposte a mettere tutto in gioco, ma sappiamo che la nostra forza è l’unione”.

Protestano le università americane
Persone in piedi vicino a un mazzo di fiori con la scritta “Palestina libera” durante una protesta presso l'Università della California del Sud [David Swanson/Reuters]

Momodou Tall era tra i quattro studenti “temporaneamente sospesi” dalla Cornell University nello Stato di New York sabato per aver tenuto un campo nel campus.

Ha detto ad Al Jazeera che gli studenti che protestavano hanno ricevuto minacce e sono stati soggetti a diffamazione, che si riferisce alla pubblicazione di informazioni personali di un individuo su Internet senza il suo consenso. Ha detto che questi studenti non hanno ricevuto alcuna protezione dalla loro scuola.

“Non crediamo più che l’amministrazione sarà un luogo sicuro per gli studenti musulmani, arabi, palestinesi e in generale per gli studenti di colore e filo-palestinesi”, ha detto Tal.

Maysam Al-Ghazali, uno degli organizzatori della protesta alla Emory University di Atlanta, ha detto che gli studenti manifestanti hanno tre richieste.

“In primo luogo, che Emory riveli tutti i suoi investimenti finanziari, in secondo luogo, che disinvesta da tutte le società israeliane e, in terzo luogo, che offra amnistia e protezione continua a tutti gli studenti che sono stati ingiustamente detenuti”.

READ  Un'enorme creatura marina, la più grande del mondo, stupisce gli spettatori in California con un primo avvistamento

Nel frattempo, le proteste universitarie contro il “genocidio” dei palestinesi a Gaza si sono diffuse nelle scuole di Canada, Europa e Australia.

Il primo campo di protesta canadese per Gaza è iniziato sabato alla McGill University di Montreal.

La CBC ha riferito che i manifestanti chiedevano che le università McGill e Concordia “ritirassero i fondi coinvolti nello stato sionista così come [cut] Rapporti con le istituzioni accademiche sioniste”.