Maggio 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’attivista palestinese dice ripetutamente “dal fiume al mare” e sostiene che Israele dovrebbe essere trattato come la Russia nell’acceso scontro durante l’intervista a Sky News

L’attivista palestinese dice ripetutamente “dal fiume al mare” e sostiene che Israele dovrebbe essere trattato come la Russia nell’acceso scontro durante l’intervista a Sky News

Il presidente dell’Australian Palestine Advocacy Network Nasser Al-Mashni si è scontrato con il presentatore di Sky News Kenny Heatley sul conflitto tra Israele e Hamas.

L’accesa intervista si è svolta sabato, quando i due hanno discusso dell’ultima proposta delle Nazioni Unite per riconoscere lo Stato palestinese.

Al-Mashni ha affermato che la proposta era una “distrazione dall’occupazione” di Gaza e ha chiesto restrizioni per Israele mentre sopporta gli attacchi a Rafah, la città più meridionale dell’enclave palestinese.

L’attivista ha chiesto di “imporre un embargo immediato sulle armi a Israele, richiamare immediatamente il nostro ambasciatore e licenziare l’ambasciatore israeliano”.

“Ciò che dovrebbe accadere a Israele è esattamente il modo in cui è stato trattato con la Russia”, ha detto al Weekend Edition.

“È uno stato canaglia, e dovrebbe essere trattato in questo modo, e i forum internazionali come le Nazioni Unite devono affrontare il comportamento canaglia di Israele mentre viola palesemente numerose leggi internazionali e l’opinione della Corte internazionale di giustizia secondo cui sta causando un genocidio”.

Heatley ha chiesto se Hamas debba arrendersi e consegnare tutti gli ostaggi rimanenti per porre fine al “potenzialmente brutale attacco di terra a Rafah”.

Al-Mashni ha risposto: “La guerra finisce oggi quando l’Occidente rimuove la legittimità di cui gode Israele”.

“Ciò che deve accadere è che Israele rispetti le leggi internazionali e dia ai palestinesi l’opportunità di eleggere una leadership che li rappresenti…”

Il signor Heatley è poi intervenuto per rispondere all’attivista palestinese.

“L’ultima volta che eri su Sky News, non hai condannato Hamas per le atrocità assolute a cui abbiamo assistito il 7 ottobre, e non hai invitato Hamas ad arrendersi e a consegnare gli ostaggi rimanenti, cosa che, come sai benissimo, metterà fine al conflitto. .” chiese Heatley.

READ  Il Canada si impegna ad accelerare il reinsediamento degli afgani che hanno lavorato con i suoi militari contro i talebani

“Ti dico, Nasser, che non sei interessato a porre fine al conflitto o alla sofferenza della popolazione di Gaza che va avanti ormai da molto tempo”.

Al-Mashni ha risposto al presentatore di Sky News e ha spiegato le difficoltà affrontate dai civili nella Gaza devastata dalla guerra.

Al-Mashni ha detto: “Veniamo alla verità: c’è un’occupazione brutale, un assedio brutale di 2,2 milioni di persone”.

“1,4 milioni di persone vivono in tende senza cibo, gas ed elettricità da 217 giorni.

“Non si tratta di ostaggi, Israele ha un problema palestinese…”

Prima che potesse finire la risposta, Heatley ha chiesto di nuovo cosa si dovrebbe fare con gli ostaggi rimasti a Gaza.

“Devono essere rilasciati”, ha gridato Mashni. “Certamente devono essere rilasciati, ma anche ogni ostaggio palestinese deve essere rilasciato”.

“Inoltre, ogni palestinese dovrebbe godere del diritto di vivere come essere umano nelle terre dei suoi antenati.

“Dal fiume al mare… Dal fiume al mare tutti dovrebbero essere liberi, non solo pochi eletti.”

Heatley ha spiegato rapidamente che il Primo Ministro ha condannato questo slogan perché contraddiceva la politica del paese di sostenere la soluzione dei due Stati.

L’infuocato scontro arriva dopo che venerdì sera (ora locale) le Nazioni Unite hanno votato a stragrande maggioranza a favore dello Stato palestinese.

L’Australia, insieme ad altri 142 paesi, ha approvato la risoluzione, mentre nove paesi, tra cui Stati Uniti e Israele, si sono opposti.

25 paesi, tra cui il Regno Unito e l’Ucraina, si sono astenuti dal voto.

Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU avrà l’ultima parola sull’adesione, ma la mossa darà alla Palestina più “diritti e privilegi” mentre è sotto lo status di osservatore.

READ  Polemica sulla "fuga di cervelli" mentre la Malesia accoglie con favore l'elezione di Benny Wong e Sam Lim in Australia