Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’allontanamento globale dalle politiche di libero mercato preoccupa gli economisti

L’allontanamento globale dalle politiche di libero mercato preoccupa gli economisti

In un incontro fuori Parigi la scorsa settimana, alti funzionari di Francia, Germania e Italia si sono impegnati a perseguire un accordo Politica economica coordinata Per contrastare gli sforzi intensificati di Washington e Pechino per proteggere le loro imprese nazionali.

I tre paesi europei si sono uniti a un corteo di altri paesi che stanno adottando con entusiasmo politiche industriali – il termine generico per una serie di misure come sussidi mirati, incentivi fiscali, normative e restrizioni commerciali – volte a guidare l’economia.

Secondo un nuovo rapporto, l’anno scorso sono state introdotte più di 2.500 politiche industriali, quasi tre volte il numero del 2019. Nuovo studio. La maggior parte di queste sono state imposte dalle economie più ricche e avanzate, molte delle quali in passato avrebbero criticato tali tattiche.

Queste misure sono generalmente popolari in patria, ma la tendenza preoccupa alcuni leader ed economisti internazionali che avvertono che tali interventi economici dall’alto potrebbero alla fine rallentare la crescita globale.

Questo acceso dibattito emergerà sicuramente alla conferenza economica che si è aperta mercoledì a Washington, nota come conferenza annuale. Incontri primaverili Il Fondo monetario internazionale e la Banca mondiale.

“Esistono diversi modi per darsi la zappa sui piedi”, ha affermato Ayhan Kos, vice capo economista della Banca mondiale, riferendosi alla tendenza dei paesi ricchi a perseguire politiche industriali. “Questo è un modo per farlo.”

E nell’A lettera La settimana scorsa, Kristalina Georgieva, direttrice esecutiva del Fondo monetario internazionale, ha avvertito che le ragioni per un intervento del governo sono deboli, tranne che in circostanze eccezionali.

La questione se i governi debbano cercare di controllare le proprie economie, e con quanto entusiasmo dovrebbero provare a farlo, è stata oggetto di un intenso dibattito sin dalla Rivoluzione Industriale. Tuttavia, l’attuale ondata di politiche è in netto contrasto con la classica ideologia di governo del laissez-faire e dei mercati aperti che i bastioni del capitalismo hanno sostenuto negli ultimi decenni.

Questa fiducia nella superiorità delle politiche di libero mercato è stata gravemente scossa negli ultimi anni da una serie di shock globali: la pandemia, il collasso delle catene di approvvigionamento, l’aumento dell’inflazione e dei tassi di interesse, l’invasione russa dell’Ucraina e l’escalation delle tensioni tra i paesi Stati Uniti e Cina. .

READ  Il ristorante greco e italiano Portofino ottiene una nuova casa più grande a East Ridge

In molte capitali, la sicurezza, la resilienza e l’autosufficienza sono state messe in cima alla lista degli obiettivi di politica economica insieme alla crescita e all’efficienza.

Dopo anni di lamentele sul sostegno della Cina alle industrie private e statali, gli Stati Uniti e l’Europa hanno sempre più copiato il programma di Pechino, perseguendo politiche industriali multimiliardarie incentrate sulla biotecnologia e sul cambiamento climatico.

IL stato unito Ha approvato due enormi progetti di legge nel 2022 per rilanciare l’industria nazionale dei semiconduttori e il settore delle energie rinnovabili. L’Europa è passata da sola Piano industriale Green Deal L’anno scorso per accelerare la transizione energetica. Poco dopo, la Corea del Sud ha accettato Legge K-ply Per sostenere la produzione di semiconduttori.

“Qualche anno fa, quando iniziavo a ricoprire l’incarico di ministro delle Finanze, non si riusciva a pronunciare le parole ‘politica economica europea’ o ‘politica industriale europea’”, ha detto la settimana scorsa Bruno Le Maire, ministro delle Finanze francese, dopo una riunione dei ministri. incontro.

Il loro sostegno alle politiche industriali non ha impedito ai paesi occidentali di criticare le tattiche cinesi. L’anno scorso l’U.E La Cina accusata Inondare il mercato con auto elettriche economiche e sovvenzionate dal governo.

Questa settimana, il segretario al Tesoro americano Janet Yellen si è lamentato del fatto che i sussidi cinesi per l’energia verde stanno facendo fallire le aziende statunitensi ed europee.

Mercoledì il presidente Biden ha chiesto aumenti significativi di alcune tariffe sui prodotti di acciaio e alluminio provenienti dalla Cina in risposta all’afflusso di esportazioni cinesi sovvenzionate verso gli Stati Uniti.

Nel complesso, negli ultimi anni sono aumentate le valutazioni positive sulle politiche industriali. Uno riepilogo Un team di cui fa parte Dani Rodrik, economista dell’Università di Harvard, ha scoperto che “l’ultimo gruppo di documenti presenta una visione generalmente più positiva della politica industriale”, rispetto alla tradizionale “opposizione istintiva da parte degli economisti”.

READ  L’Italia sceglie UBS, Jefferies e Clifford Chance per privatizzare MPS

Giuseppe E. Stiglitz, professore premio Nobel alla Columbia University, ha fatto proprio questo Di nome La politica industriale è un “gioco da ragazzi”.

Ma molti economisti, come Kosi della Banca Mondiale, rimangono scettici e sostengono che la maggior parte delle politiche industriali alla fine ridurranno la crescita complessiva, peggiorando le cose anziché migliorarle.

In risposta all’ultima ondata di interventi, il Fondo monetario internazionale ha messo in atto una nuova serie di misure Linee guida Quando e come attuare le politiche industriali.

Il Fondo monetario internazionale ha affermato che ci sarebbero vantaggi se fosse implementato correttamente e utilizzato per affrontare insoliti fallimenti del mercato, come i rischi posti dal cambiamento climatico. Ciò significa definire chiaramente i benefici sociali, come la riduzione dei gas serra, la condivisione ampia delle innovazioni oltre confine e l’astensione dal discriminare le aziende straniere.

Ma tante analisi Si è dedicato a quanto sia facile commettere errori, allocando male o sprecando denaro, dando a potenti interessi commerciali troppa influenza sulle decisioni del governo o innescando una guerra commerciale.

“Ciò che risalta nell’attuale impennata è che si fa affidamento su sussidi costosi”, ha affermato Ira Dabla Norris, autore dell’analisi. Spesso è “combinato con altri tipi di misure discriminatorie contro le società straniere”.

Quando le misure protezionistiche distorcono il commercio globale e i flussi di investimento, “l’economia globale perde”, ha affermato. Tali politiche possono rendere la produzione più costosa, portando a prezzi più alti.

I governi intervengono nei mercati per i motivi più disparati: per prevenire la perdita di posti di lavoro, stimolare gli investimenti in un particolare settore o congelare un concorrente geopolitico.

Secondo un recente rapporto, dei 2.500 interventi introdotti lo scorso anno, la protezione delle industrie locali ha costituito la quota maggiore, seguita dalla lotta al cambiamento climatico o dal sostegno alle catene di approvvigionamento. Stare È stato condotto in concomitanza con le misure del FMI che citavano la sicurezza nazionale come motivazione e rappresentavano la quota più piccola.

READ  Dopo aver combattuto la pandemia con il nuovo proprietario, i Pastities at Buffalo Grove sono chiusi

Anche i dati Proposta Quando un paese forniva un sussidio, c’era circa il 75% di probabilità che un altro paese fornisse un sussidio simile per lo stesso prodotto entro un anno.

In ogni caso, con le crescenti preoccupazioni sulla capacità dell’Europa di competere con Stati Uniti e Cina, l’Unione Europea sembra determinata a portare avanti interventi economici più coordinati, anche se i suoi paesi membri non sono necessariamente d’accordo su nessuno di essi.

La Francia ha proposto le misure più aggressive, inclusa una disposizione per riservare metà della spesa pubblica dalla politica industriale a prodotti e servizi realizzati in Europa, mentre la Germania si è mostrata più scettica riguardo alle tendenze di acquisto dell’Europa.

Ma c’è sostegno a tutti i livelli per aumentare i finanziamenti, ridurre le normative gravose e incoraggiare il cambiamento Mercato unico Per investimenti e risparmi.

A febbraio il Parlamento europeo Concordato Per aumentare la propria capacità industriale verde e, a marzo, il cluster Normative approvate Per garantire l’approvvigionamento di materie prime di base e valorizzare la produzione locale. I membri hanno anche proposto per la prima volta una riunione congiunta Strategia industriale della difesa.

I ministri dell’economia francese, tedesco e italiano si incontreranno per sviluppare politiche volte a stimolare le tecnologie verdi e digitali prima che i leader dell’Unione Europea si incontrino quest’anno per adottare una nuova strategia. Piano strategico quinquennale.

Ora che “la politica industriale non è più un termine tabù”, ha affermato Le Maire, ministro delle finanze francese, “l’Europa deve mostrare i denti e mostrare la sua determinazione nel difendere la propria industria”.