Maggio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

È morto l’uomo che ha ricevuto il primo trapianto di rene di maiale geneticamente modificato al mondo

È morto l’uomo che ha ricevuto il primo trapianto di rene di maiale geneticamente modificato al mondo

Un uomo del Massachusetts che ha ricevuto il primo trapianto riuscito al mondo di un rene di maiale geneticamente modificato è morto meno di due mesi dopo la procedura. Richard Solomon, di Weymouth, è stato sottoposto a un intervento chirurgico al Massachusetts General Hospital il 16 marzo e ha ricevuto un rene di maiale. Con 69 modifiche genetiche. Il 62enne è stato dimesso dal Mass General il 3 aprile dopo settimane di recupero e ha detto che lascerà l’ospedale “con una delle fatture sanitarie più pulite che abbia avuto da molto tempo”. Il Massachusetts General Hospital ha dichiarato in una dichiarazione di non avere alcuna indicazione che la morte di Soliman fosse il risultato del trapianto del suo ricevente. “Il team dei trapianti è profondamente rattristato dall’improvvisa scomparsa del signor Rick Solomon”, si legge nella dichiarazione del Massachusetts General Hospital. “Il signor Soliman sarà sempre visto come un faro di speranza per innumerevoli pazienti sottoposti a trapianto in tutto il mondo e siamo estremamente grati per la sua fiducia e la sua volontà di far avanzare il campo dei trapianti. Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia e ai cari del signor Soliman quelli che ricordano una persona straordinaria la cui generosità e gentilezza hanno toccato tutti coloro che lo conoscevano il mondo lo conosceva. Ci siamo sentiti – e ci sentiamo ancora – confortati dall’ottimismo che ha fornito ai pazienti. Stavano aspettando disperatamente il suo trapianto. Per noi, Rick era un uomo di buon cuore con un rapido senso dell’umorismo ed era fieramente fedele alla sua famiglia. amici e colleghi di lavoro”, si legge nella nota della famiglia. “Siamo così grati al suo team di assistenza attraverso il Massachusetts General Hospital e il generale Brigham… che hanno fatto tutto il possibile per dare a Rick una seconda possibilità. I ​​loro enormi sforzi nel condurre il trapianto hanno dato alla nostra famiglia altre sette settimane con Rick e il nostro i ricordi dureranno per sempre”. cinque anni dopo, e Suleiman ha ripreso la dialisi nel maggio 2023. Dopo aver ripreso la dialisi, Suleiman ha dovuto affrontare sintomi ricorrenti che hanno richiesto visite ospedaliere ogni due settimane per la rimozione del coagulo e le revisioni chirurgiche, un problema comune tra i pazienti in dialisi che ha notevolmente influenzato la sua qualità di vita. , ha detto Suleiman, nefrologo e specializzato nel team di trapianti presso MGH. Ha proposto un trapianto di rene di maiale, spiegando attentamente i pro e i contro della procedura. “La sua eredità sarà fonte di ispirazione per pazienti, ricercatori e operatori sanitari di tutto il mondo”, ha detto la famiglia Soliman nella loro dichiarazione. La nostra famiglia chiede rispettoso privacy mentre ricordiamo la bella anima del nostro amato Rick. Il maiale donatore è stato modificato geneticamente utilizzando la tecnologia per rimuovere i geni nocivi del maiale e aggiungere alcuni geni umani per migliorare la sua compatibilità con gli esseri umani. retrovirus suini nel suino donatore da eliminare Nessun rischio di infezione negli esseri umani e la procedura è stata eseguita secondo un unico protocollo di accesso ampliato della FDA – noto come uso compassionevole – che ha concesso a un singolo paziente o a un gruppo di pazienti malattie o condizioni gravi e potenzialmente letali accesso a trattamenti sperimentali o sperimentazioni quando non esistono opzioni terapeutiche precedenti o trattamenti simili:

READ  La perdita di idrogeno ritarda il lancio lunare di Artemis di diverse settimane

Un uomo del Massachusetts che ha ricevuto il primo trapianto riuscito al mondo di un rene di maiale geneticamente modificato è morto meno di due mesi dopo la procedura.

Richard Solomon, di Weymouth, è stato sottoposto a un intervento chirurgico al Massachusetts General Hospital il 16 marzo e ha ricevuto un rene di maiale contenente 69 modifiche genetiche.

Il 62enne è stato dimesso dal Mass General il 3 aprile dopo settimane di recupero e ha detto che lascerà l’ospedale “con una delle fatture sanitarie più pulite che abbia avuto da molto tempo”.

Il Massachusetts General Hospital ha dichiarato in una dichiarazione di non avere alcuna indicazione che la morte di Soliman fosse il risultato del trapianto del suo ricevente.

“Il team di trapianti del Mass General è profondamente rattristato dall’improvvisa scomparsa del signor Rick Solomon”, si legge nella dichiarazione di MGH. “Il signor Soliman sarà sempre visto come un faro di speranza per innumerevoli pazienti sottoposti a trapianto in tutto il mondo e siamo estremamente grati per la sua fiducia e la sua volontà di far avanzare il campo dei trapianti. Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia e ai cari del signor Soliman quelli che ricordano una persona straordinaria la cui generosità e gentilezza hanno toccato tutti coloro che lo conoscevano”.

La famiglia di Suleiman ha detto di essere profondamente rattristata dalla sua morte improvvisa, ma ha notato che si sentivano molto confortati sapendo che aveva ispirato così tante persone.

“Milioni di persone in tutto il mondo conoscono la storia di Rick. Siamo stati confortati, e lo sentiamo ancora, dall’ottimismo che ha portato ai pazienti in disperata attesa di un trapianto di organi. Per noi, Rick era un uomo di buon cuore con uno spiccato senso dell’umorismo ” Che è stato profondamente sincero con la sua famiglia, i suoi amici e i suoi colleghi”, si legge nella dichiarazione della famiglia. “Siamo estremamente grati al suo team di assistenza attraverso il Massachusetts General Hospital e il Brigham General… che hanno fatto tutto il possibile per aiutare a dare. Rick una seconda possibilità. “I loro enormi sforzi nel condurre il trapianto hanno dato alla nostra famiglia altre sette settimane con Rick, e i ricordi che abbiamo creato durante quel periodo rimarranno nelle nostre menti e nei nostri cuori”.

Solomon, che soffriva di diabete di tipo 2 e pressione alta da molti anni, al momento del trapianto di rene del maiale aveva una malattia renale allo stadio terminale. In precedenza aveva ricevuto un trapianto di rene da un donatore umano deceduto nel dicembre 2018 dopo essere stato in dialisi sette anni prima.

Il suo rene umano trapiantato ha mostrato segni di cedimento dopo circa cinque anni e Suleiman ha ripreso la dialisi nel maggio 2023. Dopo aver ripreso la dialisi, Suleiman ha dovuto affrontare complicazioni ricorrenti della dialisi per l’accesso vascolare che hanno richiesto visite ospedaliere ogni due settimane per rimuovere coaguli e revisioni chirurgiche, che sono comuni . Un problema tra i pazienti in dialisi che incideva molto sulla sua qualità di vita.

Il nefrologo e il team del Centro Trapianti dell’MGH hanno suggerito un trapianto di rene di maiale, spiegando attentamente i pro e i contro della procedura, ha detto Soliman.

“Dopo il trapianto, Rick ha detto che uno dei motivi per cui si è sottoposto alla procedura era quello di dare speranza a migliaia di persone che avevano bisogno di un trapianto per sopravvivere”, ha detto la famiglia di Suleiman in una nota. “Rick ha raggiunto questo obiettivo e la sua speranza e il suo ottimismo resterà per sempre.” La loro dichiarazione. “La sua eredità sarà fonte di ispirazione per pazienti, ricercatori e operatori sanitari di tutto il mondo. La nostra famiglia chiede rispettosa privacy mentre ricordiamo il bellissimo spirito del nostro amato Rick.”

Il rene di maiale è stato fornito dalla società eGenesis di Cambridge, nel Massachusetts, da un donatore di maiale che era stato geneticamente modificato utilizzando la tecnologia per rimuovere i geni suini dannosi e aggiungere geni umani specifici per migliorare la loro compatibilità con gli esseri umani. Il Mass General ha anche affermato che gli scienziati hanno disattivato i retrovirus suini endogeni nei suini donatori per eliminare qualsiasi rischio di infezione negli esseri umani.

READ  C'è un divario di 25 punti tra repubblicani e democratici sui vaccini antinfluenzali

La procedura è stata implementata nell’ambito di un unico protocollo di accesso esteso della FDA – noto come uso compassionevole – che ha concesso a un singolo paziente o a un gruppo di pazienti con malattie o condizioni gravi e potenzialmente letali l’accesso a trattamenti sperimentali o studi quando non esistono opzioni terapeutiche o trattamenti simili . Fuori.

Copertura precedente: