Settembre 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il produttore di latte Lactalis Australia è stato ritenuto colpevole di aver violato il Codice di condotta dell’industria lattiero-casearia

Un trasformatore di prodotti lattiero-caseari australiano è stato ritenuto colpevole di aver violato il Codice di condotta dei prodotti lattiero-caseari, nella prima causa contro un trasformatore ai sensi del codice da quando è entrato in vigore nel 2020.

La legge regola i rapporti tra i produttori di latte e le aziende che acquistano il loro latte.

In particolare, la legge vieta le riduzioni retroattive dei prezzi del latte pagati agli allevatori e obbliga i trasformatori ad annunciare i propri prezzi prima dell’inizio della stagione di produzione del latte.

La Corte federale ha ritenuto che Lactalis Australia abbia violato la legge per non aver pubblicato i suoi accordi di fornitura di latte sul suo sito Web entro le 14:00 del 1 giugno 2020, la scadenza per la stagione di approvvigionamento 2020-21.

Lactalis era precedentemente noto come Parmalat e produce marchi caseari come Pauls Milk, Ice Cream, Ice Break Coffee e Vaalia Yogurt.

Molte mucche da latte in bianco e nero guardano con curiosità il fotografo.
Nel 2020 circa 400 agricoltori avevano stipulato un contratto con l’azienda casearia Lactalis.(ABC rurale: Kim Hunan)

Secondo i documenti del tribunale federale nel 2020, Lactalis ha acquistato 950 milioni di litri di latte, ovvero circa l’11% di latte crudo, da 400 produttori di latte in tutta l’Australia.

Il caso contro Lactalis è stato avviato dalla Commissione australiana per la concorrenza e i consumatori, che applica il codice di condotta dei prodotti lattiero-caseari.

Il giudice Roger Derrington ha ritenuto che Lactalis abbia infranto la legge pubblicando accordi che consentivano loro di “risolvere unilateralmente l’accordo in circostanze che non costituivano una violazione materiale”.

Tuttavia, il tribunale ha respinto l’affermazione dell’ACCC, Lactalis non ha pubblicizzato “autentici accordi di fornitura di latte non esclusivi richiedendo agli agricoltori di fornire almeno il 90% della loro produzione mensile di latte”.

Non la prima indagine

Mick Keogh, vicepresidente della Commissione anticorruzione, ha affermato che l’organizzazione ha anche preso provvedimenti contro diverse altre società che avrebbero violato il codice nel suo primo anno di attività.

“Erano avvisi di violazione che in genere variavano da $ 13.000 a $ 15.000 per una società non quotata e $ 60.000 circa per una società quotata e questi sono stati rapidamente risolti”, ha affermato Keogh.

Ha paragonato gli avvisi di violazione a una “multa per eccesso di velocità”.

“Ma in questo caso, i Lactalis hanno deciso di entrare in piena competizione e questo è un loro diritto, e non c’è problema”, ha detto.

“Penso che sia utile in qualche modo per il giudice interpretare la legge e prendere decisioni esattamente su ciò che è richiesto in modo che sia chiaro a tutti”.

Il signor Keogh non ha escluso un ricorso all’ACCC, ma ha anche indicato che il caso potrebbe istigare modifiche al codice in una prossima revisione.

approccio pragmatico

In risposta alla sentenza, Lactalis ha affermato di aver cercato un approccio pragmatico al lavoro con gli agricoltori ai sensi del Codice di condotta sui prodotti lattiero-caseari e di non aver cercato in alcun modo di avere un impatto negativo sugli agricoltori.

Lactalis ha affermato che valuterà attentamente la sentenza e che cerca di rispettare la legge in ogni momento.

La società ha affermato che l’ACCC non ha avanzato accuse contro di essa nelle successive stagioni di fornitura di latte.

Le sanzioni saranno decise in una prossima udienza.

READ  La peggiore epidemia di COVID-19 in Cina in due anni porta alla chiusura delle principali città