Aprile 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Quasi 200 operatori umanitari sono stati uccisi a Gaza. Questo è ciò che fanno le organizzazioni per cercare di proteggere i dipendenti

Quasi 200 operatori umanitari sono stati uccisi a Gaza.  Questo è ciò che fanno le organizzazioni per cercare di proteggere i dipendenti

Almeno 196 operatori umanitari sono stati uccisi a Gaza da ottobre, secondo le Nazioni Unite, che chiedono al governo israeliano di consentire alle agenzie umanitarie “di svolgere il proprio lavoro”.

Ciò avviene dopo che sette lavoratori della World Central Kitchen (WCK), tra cui l'australiano Lalzaoumi “Zomi” Frankcom, sono stati uccisi quando un attacco aereo israeliano ha colpito il loro convoglio.

Il capo di stato maggiore dell'IDF Herzi Halevy ha detto che lo sciopero “non è stato effettuato con l'obiettivo di danneggiare gli operatori umanitari della WCK”.

“È stato un errore seguito da uno scambio d'identità – di notte, durante la guerra, in circostanze molto complicate. Non doveva succedere”, ha detto.

Il raid mortale ha spinto le agenzie a interrompere le loro operazioni a Gaza.

Ecco uno sguardo più da vicino su come operano le agenzie in una zona di guerra e quali misure sono in atto per proteggere i lavoratori.

Le agenzie forniscono informazioni dettagliate al governo israeliano

Derek Madsen è il direttore esecutivo dello sviluppo di Anera (Assistenza americana ai rifugiati del Vicino Oriente), che lavora a Gaza da 55 anni e ha fornito più di 22 milioni di pasti durante l'attuale conflitto in coordinamento con le agenzie, tra cui WCK.

Ha detto che le agenzie umanitarie hanno fornito “informazioni molto dettagliate” al governo israeliano sul loro attraversamento, sulla loro posizione e sugli sforzi di aiuto.

“Stiamo parlando con le agenzie israeliane in previsione della consegna degli aiuti”, ha detto.

“Quando arriva, viene ispezionato approfonditamente e poi ci sono informazioni su come consegnarlo. C'è molto coordinamento.”