Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Vittoria giovanile per l’Italia « Euro Weekly News

Vittoria giovanile per l’Italia « Euro Weekly News

Gioventù vittoriosa: l’Italia rivendica la statua greca e la CEDU regola Photo credit: CC/Scotwriter 21

Getty Trust La Giovinezza Vittoriosa, creata tra il 300 e il 100 a.C., restituirà il suo prezioso bronzo greco all’Italia.

Nel 1964, un peschereccio recuperò la statua mentre pescava a strascico in acque internazionali al largo di Fano, sulla costa adriatica.

Il 2 maggio la Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) ha stabilito all’unanimità che la J Paul Getty Foundation ha agito “con negligenza o in malafede” quando ha acquistato il bronzo per 4 milioni di dollari (circa 3,7 milioni di euro) nel 1977.

Da allora è stato esposto al Getty Villa Museum di Malibu (California), anche se un tribunale italiano ne ha ordinato la restituzione nel 2010, stabilendo che era stato esportato illegalmente.

La Fondazione Getty ha impugnato la decisione, confermata dalla Corte Suprema italiana, sostenendo che i suoi diritti erano stati violati dalla campagna italiana per restaurare la statua.

L’Italia aveva “tutto il diritto” di chiedere la restituzione della statua, ha stabilito ora la Corte europea dei diritti dell’uomo.

Sebbene manchi parte della gamba inferiore della statua di 1,52 metri, è uno dei pochi bronzi greci a grandezza naturale sopravvissuti, e alcuni esperti attribuiscono il bronzo allo scultore personale di Alessandro Magno, Lisippo.

Dopo che i romani conquistarono la Grecia, la statua finì sul fondo del mare quando una nave che la trasportava in Italia si incagliò e affondò.

Il Getty Trust ha basato le sue argomentazioni proprio sull’origine della statua, sostenendo che l’Italia non aveva il diritto di rivendicare il bronzo perché era greco, non italiano, era stato ritrovato in acque internazionali e non apparteneva al patrimonio culturale italiano.

READ  Gli equipaggi cercano persone scomparse dopo che una frana di fango ha infangato le strade delle Alpi italiane.

Quando fu portata a terra per la prima volta, i pescatori avrebbero nascosto la statua in un campo di cavoli di Fano e poi nella vasca da bagno di un prete prima che fosse segretamente venduta e trasportata fuori dal paese, forse in Brasile, secondo alcune fonti.

Dopo essere riapparso a Londra nel 1969, il bronzo fu venduto all’asta di Monaco nel 1974 a un’azienda con sede nel Liechtenstein e acquistato dal Getty Trust nel 1977.

Grazie per aver dedicato del tempo a leggere questo articolo. Continua a tornare sul sito web di Euro Weekly News per tutte le ultime notizie locali e internazionali e ricorda, puoi seguirci Facebook E Instagram.