Febbraio 6, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Nuove armi da miliardi di dollari per l’Ucraina, ma non c’è ancora accordo sui carri armati

Ma Kiev afferma di aver bisogno di carri armati pesanti per respingere gli attacchi russi e riconquistare le terre occupate.

Caricamento in corso

“Non abbiamo tempo, il mondo non ha quel tempo”, ha scritto giovedì su Telegram Andrei Yermak, capo dell’amministrazione presidenziale ucraina.

Stiamo pagando il prezzo della lentezza con la vita del nostro popolo ucraino. Non dovrebbe essere così”.

Il ministro della Difesa olandese Kajsa Olungren si è detta fiduciosa di trovare una soluzione per fornire moderni carri armati all’Ucraina, ma i Paesi Bassi, che noleggiano carri armati Leopard 2 dalla Germania, avrebbero bisogno di un via libera da Berlino prima di decidere se contribuire.

Una fonte del governo tedesco ha affermato che Berlino non ha ancora ricevuto una richiesta da nessun paese per consentire la riesportazione dei carri armati. I carri armati Leopard II – la spina dorsale degli eserciti in tutta Europa e che la Germania ha costruito a migliaia durante la Guerra Fredda – sono l’unica opzione adatta disponibile in numero sufficiente secondo alcuni alleati occidentali.

I funzionari statunitensi affermano di non avere ancora in programma di inviare l’Abrams, che è visto come un consumo eccessivo di carburante per il sistema logistico teso di Kiev per fornirlo al fronte.

“guerra di annientamento”

Pistorius e Austin hanno entrambi parlato dell’importanza di sostenere l’Ucraina prima del loro incontro, ma nessuno dei due ha affrontato direttamente la questione dei carri armati.

“Questi non sono tempi normali”, ha detto Pistorius in una cerimonia dopo aver prestato giuramento come ministro, “abbiamo una guerra che infuria in Europa. La Russia sta conducendo una brutale guerra di annientamento contro un paese sovrano, contro l’Ucraina”.

READ  Involucro mondiale mentre sempre più paesi allentano le restrizioni COVID-19

Austin ha descritto la Germania come uno dei più stretti alleati di Washington e l’ha ringraziata per il suo sostegno all’Ucraina fino ad ora.

Polonia e Finlandia hanno già detto che invieranno i Panthers se la Germania toglierà il veto. In segno di crescente frustrazione, la Polonia ha indicato che potrebbe farlo anche se la Germania avesse cercato di fermarlo.

La Russia ha risposto alla prospettiva di inviare più armi a Kiev con minacce di escalation. Dmitry Medvedev, un alleato del presidente Vladimir Putin che ha ricoperto la carica di presidente dal 2008 al 2012 quando Putin ha smesso di servire come primo ministro, è stato una delle minacce più chiare di Mosca di usare armi nucleari se perde in Ucraina.

Medvedev ha detto: “La sconfitta di una potenza nucleare in una guerra convenzionale può portare a una guerra nucleare”. “Le potenze nucleari non hanno mai perso grandi conflitti da cui dipendeva il loro destino”.

Ci sono stati segnali di attrito all’interno della coalizione di governo in Germania. Il vice di Schulz, Robert Habeck, dei suoi partner nella coalizione dei Verdi, ha dichiarato proprio la scorsa settimana che la Germania non ostacolerà l’invio di Panthers in Ucraina da parte di altri paesi.

Attaccare i Panthers ai carri armati USA Abrams potrebbe spostare la responsabilità su Washington. Colin Kahl, consigliere politico senior al Pentagono, ha dichiarato mercoledì che è improbabile che i carri armati Abrams vengano inclusi nel prossimo massiccio pacchetto di aiuti militari da 2 miliardi di dollari di Washington, che sarà emesso dai veicoli corazzati Stryker e Bradley.

READ  I rifugi per animali domestici della Nuova Zelanda sono inondati di ricci di mare. La colpa è di Minecraft e TikTok? | Nuova Zelanda

“Il carro armato Abrams è un equipaggiamento molto complesso. Costoso. È difficile allenarsi. Ha un motore a turbogetto.”

L’Ucraina e la Russia facevano affidamento principalmente sui carri armati T-72 dell’era sovietica, che furono distrutti a centinaia durante 11 mesi di combattimenti. Kiev afferma che i carri armati occidentali meglio armati e protetti daranno alle sue forze potenza di fuoco mobile per espellere le forze russe in battaglie decisive.

Dopo i significativi guadagni ucraini nella seconda metà del 2022, le linee del fronte sono state in gran parte congelate negli ultimi due mesi, con nessuna delle due parti che ha ottenuto guadagni significativi nonostante le pesanti perdite nell’intensa guerra di trincea.

Yevgeny Prigozhin, comandante della forza mercenaria russa speciale Wagner che ha assunto un ruolo di primo piano nei combattimenti vicino alla città orientale di Bakhmut, ha affermato giovedì che le sue forze avevano catturato il villaggio di Klishchevka alla periferia di Bakhmut. Kiev ha precedentemente negato la caduta dell’accordo.