Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le previsioni di Exxon sulla crisi climatica potrebbero aver aumentato il suo rischio legale ExxonMobil

Rivelare la profondità della conoscenza storica di Exxon della crisi climatica in corso potrebbe essere un rischio legale per il gigante petrolifero, poiché diversi stati statunitensi hanno citato in giudizio la società per presunto inganno, sostenendo che i suoi casi sono stati ora rafforzati.

documento di ricerca Pubblicato la scorsa settimana Ha scoperto che dagli anni ’70 in poi, i climatologi della Exxon hanno “correttamente e sottilmente” previsto un aumento delle temperature globali, aumentando di circa 0,2°C per decennio a causa della combustione di combustibili fossili, spesso eguagliando o superando l’accuratezza delle previsioni di scienziati esterni indipendenti.

È “sorprendente” vedere le previsioni di Exxon allinearsi così strettamente con ciò che è accaduto dopo, ha affermato Jeffrey Soprane, autore principale del nuovo studio, che è stato tratto da una combinazione di documenti interni e articoli scientifici pubblicati.

Nonostante questa consapevolezza, i dirigenti di Exxon hanno trascorso diversi decenni minimizzando o negando l’impatto sul clima delle sue pratiche commerciali, contribuendo a contrastare le azioni per ridurre l’uso di combustibili fossili e prevenire il pericoloso riscaldamento globale. Non più tardi del 2013, il CEO di Exxon Rex Tillerson ha affermato che i modelli climatici “non sono competenti” e “non sono buoni”.

Più di una dozzina di stati e comuni hanno avviato azioni legali contro Exxon, compagnie petrolifere e altre associazioni di categoria, sostenendo che nascondendo la loro consapevolezza del cambiamento climatico hanno commesso frodi o pubblicità ingannevole. Molti degli oppositori di Exxon ora credono che il loro perseguimento legale della società sia stato rafforzato dall’ultima analisi del suo lavoro di scienza del clima.

“I risultati dello studio estendono il forte record pubblico dell’inganno dell’industria dei combustibili fossili che circonda il contributo dei loro prodotti al cambiamento climatico e sono coerenti con ciò che abbiamo affermato nel nostro caso”, ha detto al Guardian il procuratore generale del New Jersey Matthew Platkin. “Questo studio aumenta la nostra determinazione a ritenerli responsabili in tribunale”.

Un portavoce di Keith Ellison, il procuratore generale del Minnesota, ha affermato che la nuova ricerca “sottolinea la necessità di ritenere gli imputati responsabili del loro inganno”.

Diverse giurisdizioni hanno rifiutato di commentare i loro casi in corso contro Exxon, tra cui Delaware, New York e Massachusetts, dove lo scorso anno la Corte suprema dello stato. La richiesta della società è stata respinta È stato perseguito per motivi politici e dovrebbe essere processato per aver violato le leggi sulla protezione dei consumatori e aver frodato gli investitori nascondendo la sua conoscenza della crisi climatica.

Rex Tillerson, allora CEO di ExxonMobil, ha dichiarato nel 2013 che i modelli climatici “non sono competenti”. Foto: LM Otero/AP

Exxon ha affermato di aver seguito la migliore scienza disponibile in un dato momento e ha negato di mentire al pubblico per proteggere il proprio modello di business. “Non credo che le aziende dovrebbero mentire e ti dirò che non lo facciamo”, ha detto il CEO di Exxon Darren Woods in un’audizione al Congresso nel 2021. Woods ha affermato che Exxon ora accetta che il cambiamento climatico sia reale e che lo sia supporti obiettivi dell’accordo di Parigi sul clima.

Il gigante petrolifero con sede in Texas ha grandi tasche per una lunga battaglia legale – a ottobre Dichiarare i guadagni trimestrali quasi $ 20 miliardi (£ 16 miliardi), più o meno pari ai profitti del gigante tecnologico Apple – e ha cercato di acquisire Calcia le sfide fuori dal tribunale Oppure farli ascoltare a livello federale, piuttosto che a livello statale, nella convinzione che ciò porterà a un risultato più comprensivo per l’azienda.

Ma alcuni esperti legali hanno avvertito che gli ultimi dettagli della conoscenza di lunga data di Exxon sul riscaldamento globale, che sono stati divulgati per la prima volta al pubblico Dai rapporti nel 2015può causare problemi all’azienda.

“L’ultimo studio fornisce ulteriori prove quantificabili e un nuovo livello di dettaglio per quanto riguarda la lunghezza e l’entità delle informazioni fuorvianti, che probabilmente presenteranno ulteriori difficoltà per lo studio in questo senso”, ha affermato Karen Hutchinson, avvocato specializzato in contenziosi commerciali presso lo studio legale britannico Stewarts . .

Alyssa Juul, vicepresidente degli affari legali presso il Center for Climate Integrity, ha affermato che Exxon ha “praticamente reso disponibili queste previsioni con incredibile precisione. A questo punto è inconfutabile”. Juul ha affermato che la ricerca aiuta a identificare “due pezzi molto importanti del puzzle” nei casi contro Exxon: che la società conosceva le cause e le conseguenze del cambiamento climatico e poi le ha nascoste e negate.

Un portavoce di Exxon ha dichiarato: “Questo problema è emerso diverse volte negli ultimi anni e in ogni caso la nostra risposta è stata la stessa: coloro che parlano di come ‘Exxon sa’ hanno torto nelle loro conclusioni”. Il portavoce ha citato il giudice di New York Barry Ostrager, che nel 2019 ha scoperto che i dirigenti di Exxon erano “uniformemente impegnati a svolgere i propri compiti in modo rigoroso e nel modo più completo e accurato possibile”.

Ma affermare che Exxon conosceva intimamente l’incombente emergenza climatica più di 40 anni fa non è una sorpresa per Ed Garvey, ora un geochimico semi-pensionato che ha lavorato alla Exxon dal 1978 al 1983, effettuando misurazioni di anidride carbonica dalle petroliere.

Garvey ha affermato che lui ei suoi colleghi scientifici della Exxon erano “molto consapevoli del problema” del riscaldamento globale durante il suo primo anno in azienda. Ha detto che la società ha impiegato scienziati di livello d’élite e ha utilizzato la tecnologia più recente per determinare le tendenze future della temperatura, quindi c’era da aspettarsi l’accuratezza della scienza.

“Molti leader scientifici di Exxon hanno visto questo come un grosso problema che potrebbe influenzare i profitti dell’azienda e avere conseguenze per il mondo intero”, ha detto Garvey. “Abbiamo pensato di portare al consiglio di amministrazione la notizia che non potevamo continuare così e che Exxon si era diversificata.

“Per noi non è mai stato messo in dubbio che l’attività umana stia causando il cambiamento climatico. È davvero riprovevole che ne fossero a conoscenza e poi abbiano detto: ‘Non c’è assolutamente bisogno di cambiare rotta’. Trovo non etico che affermino che c’è incertezza. È oltre il limite. Non posso venire a patti con questo, a parte il fatto che a loro non importava “.

READ  Scott Morrison, Anthony Albanese continuano la campagna; 55 miliardi di dollari di spese della coalizione per le sovvenzioni fanno scattare le richieste dell'ICAC;