Maggio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

A pochi isolati dalla Casa Bianca, gli studenti americani si schierano con Gaza Notizie della guerra israeliana a Gaza

A pochi isolati dalla Casa Bianca, gli studenti americani si schierano con Gaza  Notizie della guerra israeliana a Gaza

Washington DC – Applausi e cori hanno interrotto i canti di “Palestina libera” mentre dozzine di studenti della Georgetown University arrivavano ad una manifestazione nel vicino campus della George Washington University, nel cuore della capitale degli Stati Uniti.

Studenti, professori e attivisti provenienti da tutta l’area di Washington D.C. si sono riuniti giovedì per mostrare solidarietà ai palestinesi nel mezzo della guerra a Gaza e chiedere la fine di quella che chiamano complicità delle loro università nelle violazioni dei diritti umani da parte di Israele.

Gli studenti della George Washington University hanno allestito un campo di protesta nel campus, unendosi alle manifestazioni filo-palestinesi che hanno invaso le università di tutto il paese.

“Siamo qui per mostrare sostegno agli studenti della George Washington University e anche per sollevare le richieste di tutti gli studenti di Washington, ovvero il disinvestimento dalle aziende coinvolte nella produzione di armi e nell’apartheid israeliano, e la rottura dei legami con le università israeliane a causa di ciò”. “La loro complicità nel genocidio israeliano in Palestina”, ha detto ad Al Jazeera Anna Wessels, studentessa della Georgetown University.

Il campo di GW ha portato le proteste universitarie che hanno spazzato il paese in un campus situato a pochi isolati dalla Casa Bianca e dal Dipartimento di Stato.

Wessels ha sottolineato l’importanza delle proteste che si stanno svolgendo presso la sede del governo federale degli Stati Uniti, dopo che il presidente Joe Biden ha approvato pochi giorni fa 26 miliardi di dollari di aiuti a Israele.

“Se non stiamo facendo nulla a Washington, non stiamo adempiendo alla nostra responsabilità morale”, ha detto Wessels.

“Si tratta di Gaza”.

Diversi studenti e organizzatori hanno detto giovedì ad Al Jazeera di essere rimasti concentrati su Gaza e sulla Palestina, dove l’esercito israeliano ha ucciso più di 34.000 persone e dove continuano a essere scoperte fosse comuni.

READ  Perché Türkiye e Ungheria stanno attualmente impedendo alla Svezia di aderire alla NATO?

“L’intero campo è stato creato con tutti i messaggi che ruotano attorno al genocidio di Gaza e centrano tutte le richieste su Gaza”, ha detto Mimi Ziad, un’attivista del Movimento giovanile palestinese.

“Non riguarda gli studenti, riguarda Gaza, riguarda tutta la Palestina”.

Gli studenti che indossavano la kefiah si sono riuniti in un grande parco erboso costellato di tende attorno a una statua di George Washington, il primo presidente americano.

“George Washington dice che la Palestina è libera”, si legge su uno striscione di carta affisso sulla statua.

I manifestanti hanno alzato la voce in modo uniforme al ritmo di tamburi in sostegno dei palestinesi, denunciando le violazioni di Israele.

“Gli studenti si uniscono, non saranno mai sconfitti”, hanno cantato, mentre le bandiere palestinesi sventolavano accanto a striscioni che chiedevano un cessate il fuoco permanente a Gaza.

Gli organizzatori studenteschi, indossando gilet gialli e rosa, hanno diretto il traffico all'interno della manifestazione e hanno distribuito bottiglie d'acqua alle persone.

“È bello stare con altre persone che vedono la realtà che vediamo noi e condividono la nostra rabbia e frustrazione e condividono anche l'energia per risolvere il problema”, ha detto Elliot Colla, un membro della facoltà di Georgetown che si è unito alla protesta a Georgetown.

Molti manifestanti hanno affermato che spingere le università a disinvestire da Israele potrebbe avere un impatto tangibile sul conflitto, poiché il boicottaggio del Sud Africa ha contribuito a porre fine all’apartheid all’inizio degli anni ’90.

L’attività universitaria intorno a Gaza è stata al centro della politica americana negli ultimi giorni.

La settimana scorsa il Palestine Solidarity Camp della Columbia University di New York ha dovuto affrontare una repressione da parte della polizia e arresti, con l’amministrazione del college che ha invitato le forze dell’ordine a sedare la protesta. L'università ha ora fissato la scadenza di venerdì per sedare la protesta.

READ  Gli scienziati rivelano i segreti della rigenerazione delle piante

Ma gli studenti hanno continuato a manifestare. La loro campagna si è estesa ad altri college in tutto il paese, tra cui l'Università del Texas ad Austin (UT Austin), l'Emerson College di Boston, l'Emory University in Georgia e l'Università della California del Sud (USC), con decine di studenti arrestati anche a le istituzioni.

I manifestanti chiedono che le loro università ritirino gli investimenti delle imprese legate all'armamento dell'esercito israeliano [Ali Harb/Al Jazeera]

Accuse di antisemitismo

I politici filo-israeliani di entrambi i principali partiti hanno condannato i manifestanti e li hanno accusati di antisemitismo, un’accusa respinta dagli attivisti palestinesi per i diritti umani.

Mercoledì, il presidente della Camera Mike Johnson ha visitato il campus della Columbia University e ha accusato i manifestanti di intimidire e minacciare gli studenti ebrei. Ha anche suggerito di trattenere i finanziamenti alle università che consentono le proteste filo-palestinesi.

“Se queste università non riescono a tenere sotto controllo questo problema, non meritano i soldi dei contribuenti”, ha detto Johnson, che ha incontrato “Mike, sei disgustoso!” Ha detto saluti.

Ma i manifestanti studenteschi in tutto il Paese hanno condannato l’antisemitismo, sottolineando che molti dei manifestanti sono essi stessi ebrei. Dounia, una manifestante di GW, ha affermato che tali accuse di antisemitismo danneggiano la lotta contro l’intolleranza.

“Quando accusi qualcuno contro il genocidio di Gaza di essere antisemita, perdi il vero significato del movimento contro l’antisemitismo”, ha detto ad Al Jazeera Donia, che ha scelto di identificarsi solo con il suo nome per paura di ritorsioni.

Ha aggiunto che i sostenitori di Israele “impazziscono” e cercano di reprimere il movimento studentesco con accuse di antisemitismo perché sanno che è efficace.

“Molti della futura generazione di politici in questo paese studiano in queste università e non credono più alle loro bugie, questo è ciò che li spaventa davvero”, ha detto Dounia.

READ  L'Australia ha 45 Hornet F/A-18 che può fornire a Kiev

Mercoledì il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha commentato le proteste, descrivendole come orribili. “Le principali università sono state occupate da folle antisemite”, ha detto.

I suoi commenti hanno suscitato un rimprovero da parte del senatore progressista statunitense Bernie Sanders, che è ebreo.

“No, signor Netanyahu. “Non è antisemita o pro-Hamas sottolineare che in poco più di sei mesi il vostro governo estremista ha ucciso 34.000 palestinesi e ferito più di 77.000 – il 70% dei quali erano donne e bambini”, ha detto Sanders in una nota giovedì. .

“Come potrei avere paura?”

Zaid Abu Abbas, uno studente di 18 anni, ha detto che i manifestanti chiedevano semplicemente la tutela dei diritti dei palestinesi e ha respinto le accuse di antisemitismo come false.

Ha detto di essere incoraggiato dall'affluenza alle urne, esprimendo la speranza che le manifestazioni guidate dagli studenti possano portare un cambiamento oltre il campus.

“Siamo a Washington vicino a tutti questi edifici governativi e politici; “Non hanno altra scelta che vedere cosa stiamo facendo”, ha detto Abu Abbas ad Al Jazeera.

L’atmosfera gioiosa alla George W. University giovedì contrastava nettamente con le riprese di arresti violenti in altri campus.

Tuttavia, gli studenti intervistati da Al Jazeera hanno minimizzato la possibilità che le forze dell’ordine evacuino il campo.

Ziad, attivista del Movimento giovanile palestinese, ha detto di essere preoccupata per gli studenti, ma lei stessa non ha paura. “Come posso avere paura se sono palestinese?”