Maggio 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La banca moderna per le PMI in Italia

La banca moderna per le PMI in Italia

Il mondo bancario può offrire molti percorsi professionali interessanti nel corso della vita e Corrado Passera ha sfruttato appieno le opportunità a sua disposizione. Il finanziere italiano ha svolto un ruolo importante nello sviluppo economico del Paese negli ultimi due decenni. Nell'estate del 2006 ha guidato la fusione per creare la più grande banca del paese. Intesa San Paolo.

Poi, nel novembre 2011, è entrato a far parte del governo tecnocratico di Mario Monti come ministro sulla scia della crisi del debito sovrano europeo. È stato responsabile dello sviluppo economico, delle infrastrutture e dei trasporti e ha guidato riforme per incoraggiare le start-up in Italia, il che è rilevante per il suo progetto attuale, Illimity, una banca specializzata che fornisce credito alle PMI con un forte potenziale ma finanziamenti limitati.

2018-presente: Fondatore e CEO di Illimity

2011-2013: Ministro dello Sviluppo Economico, delle Infrastrutture e dei Trasporti nel Governo Italiano

2007-2011: Amministratore Delegato di Intesa Sanpaolo

2002-2006: Amministratore Delegato di Banca Intesa

1998-2002: Amministratore Delegato di Poste Italiane

Le sue principali aree di business includono credito alla crescita, credito distressed e credito distressed, insieme a diversi progetti tecnologici che supportano le linee di servizio principali. Il punto di forza è la tecnologia cloud flessibile che contrasta con l’IT tradizionale dell’investment banking.

“Abbiamo un approccio a due livelli, in cui scegliamo un’azienda e mettiamo gli esperti bancari accanto a esperti del settore che sono ancora molto attivi in ​​quello specifico mercato”, afferma Basera. «Poi con l'azienda facciamo un piano a lungo termine e noi lo finanziamo e rimaniamo con loro finché la situazione non torna alla normalità.

“Questo è probabilmente il motivo per cui siamo in grado di crescere e competere con le banche tradizionali e di mantenere il livello di rischio molto basso”.

Forte crescita

I frutti di questo modello sono evidenti nei risultati dell’intero anno 2023 pubblicati a febbraio, che è stato un anno record o molto forte per varie divisioni. Ad esempio, la banca d’investimento ha realizzato un utile ante imposte nell’anno fiscale 23 di 10,1 milioni di euro, in crescita del 29% su base annua.

La divisione credito di crescita ha visto i prestiti netti alla clientela aumentare del 17% su base annua, nonostante i rimborsi anticipati, mentre gli utili prima delle imposte hanno raggiunto gli 80 milioni di euro, in crescita del 49% su base annua.

READ  Lo Sfizio Italian Street Food è aperto

Un aspetto che negli ultimi mesi è diventato più difficile è… L’aspetto dei crediti in sofferenza del credito in sofferenza. La banca ha deciso di abbandonare gli investimenti diretti in prestiti in sofferenza e di passare al finanziamento basato su attività. Il suo bilancio sarà ora interamente assegnato alle aziende in crescita, sviluppo o ristrutturazione.

“Abbiamo deciso di spostare il mix di investimenti verso aziende i cui interessi si stavano spostando e che non se ne andavano per questo motivo”, afferma Basera [NPL] Il mercato non è più interessante.

“Qualsiasi PMI che, a nostro avviso, abbia la volontà o la capacità di tornare a una buona performance rimane parte della nostra strategia target. Qualsiasi azienda il cui unico risultato è il recupero delle garanzie, cioè dei crediti inesigibili, non è un'area di investimento diretto per noi.”

Aggiunge che ci sono diverse ragioni per cui il lato degli investimenti diretti nel mercato dei prestiti in sofferenza non è più attraente. “Il mercato è molto più piccolo perché le banche italiane hanno ripulito i loro bilanci”, spiega. Finora hanno venduto NPL per un valore di circa 400 miliardi di euro, quindi il mercato primario è molto piccolo.

“In secondo luogo, tassi di interesse più elevati riducono notevolmente la redditività degli investimenti diretti nei portafogli NPL a causa dei costi di finanziamento.

“In terzo luogo, le normative che si applicano al nostro settore penalizzano le banche rispetto a quelle non bancarie. Quindi, per tutti questi motivi, abbiamo deciso prima di ridurre, e ora di eliminare, qualsiasi investimento diretto nei portafogli NPL e di mettere i soldi nelle settore delle situazioni speciali.

Passera vede le situazioni particolari, dette anche situazioni di turnaround – in cui le PMI hanno bisogno di una banca a causa di problemi aziendali – come un’area di “crescita esponenziale”.

Si prevede che il numero di aziende che necessitano di assistenza per la ristrutturazione da parte del settore bancario aumenterà a causa delle pressioni geopolitiche.

Dice anche che le banche come la sua sono più adatte alle aziende in transizione rispetto ai trust che possono fornire solo un supporto limitato.

“Loro concedono credito una sola volta, mentre noi siamo la banca che accompagna l'azienda durante l'intero processo. Quindi offriamo credito a breve e lungo termine insieme a piattaforme di transazione.

READ  I neolaureati cinesi devono affrontare rallentamento economico e disoccupazione

“In secondo luogo, come banca, possiamo essere più competitivi in ​​termini di costi rispetto ai fondi di credito, perché la nostra capacità di finanziare nel mercato al dettaglio rende i nostri finanziamenti generalmente più competitivi rispetto ai fondi istituzionali”.

Basera osserva che le future fonti di crescita per la banca includono ulteriori turnaround, finanziamenti per acquisizioni e finanziamenti strutturati. Altre aree potenziali sono il factoring e il finanziamento dei crediti commerciali.

Mentalità di iniziativa

Per Basera, è fondamentale che la cultura della banca rimanga imprenditoriale in modo che possa adattarsi in modi che le banche più grandi non possono.

“Stiamo cercando di essere imprenditoriali. Ciò significa che ognuno ha la responsabilità di sviluppare nuove idee e nuove cose da fare. Quindi abbiamo il nostro core business, ma tutto viene fatto attraverso un sistema IT che è diventato un business a sé stante”, ha spiega: ora stiamo vendendo i nostri servizi IT.”

“Uno dei motivi per cui abbiamo guadagnato così tanto l'anno scorso è perché abbiamo venduto alcune applicazioni tecnologiche a un'altra società, ovvero alla divisione tecnologica [of a bank] Quello che solitamente è un centro di costo per noi è diventato un centro di profitto.

Questa forza tecnologica non solo ha permesso a Illimity di aumentare i profitti, ma anche di diventare un incubatore per altre startup.

Ha creato una piattaforma informatica per l'intermediazione immobiliare, un'altra per le piccole imprese e ha unito le forze con Banca Sella per sviluppare la più grande piattaforma retail con quasi due milioni di clienti in Italia.

“Si tratta di investimenti opportunistici – non di diversificazione – e vendendone alcuni creeremo più capitale e più equità per crescere più rapidamente nelle nostre attività principali”, afferma.

“Probabilmente nessuna di queste startup sarà qui tra tre anni, ma avremo molte altre startup che abbiamo sviluppato e che saranno necessarie tra cinque anni per crescere. [the bank] E altro ancora dopo.

Lezioni di vita

Basera ritiene che le aziende meglio gestite non siano solo quelle redditizie, ma anche vantaggiose per la società a cui appartengono. Queste sono le organizzazioni che attraggono, motivano e trattengono le persone migliori a lungo termine.

READ  Dov'è la brigata di soccorso nel sud del mondo?

“Ci sono molti concetti diversi di capitalismo, c’è quello super-avido, c’è l’approccio super-no-profit”, dice.

“Il nostro motto è ‘Make money, make profit, be utili’. In inglese sembra ovvio, in italiano suona meglio perché profitto e utile sono la stessa parola.

“E il mio approccio personale che ho cercato di applicare, sia in passato che oggi, è che se costruisci un'azienda su questi principi, sarai in grado di trattenere un numero molto elevato di persone di talento.”

Ritiene inoltre che sia aumentata la percentuale di giovani che hanno a cuore la sostenibilità e altre questioni sociali: “I giovani in generale sono più consapevoli dello scopo, non solo del profitto.

“Molti di loro vogliono essere orgogliosi dell'azienda a cui appartengono, e quell'orgoglio non deriva solo dalle dimensioni e dal profitto, ma anche da ciò che danno alla comunità.”

Questo desiderio si riflette nel contesto imprenditoriale di Illimity, che non è tipico di una banca. Meno del 30% dei suoi dipendenti proviene dal settore bancario e la maggior parte proviene da altri contesti.

Anche il personale proviene da 20 nazionalità diverse e proviene da tre o quattro generazioni. Questa diversità aiuta a favorire l’innovazione ed è apprezzata dai giovani.

Un altro aspetto che aiuta i dipendenti è investire nella formazione e nello sviluppo della carriera. Pertanto il tasso di turnover dei lavoratori è molto basso e favorisce la fedeltà all'azienda.

Tutte queste iniziative sono finalizzate a sostenere l'obiettivo finale di Illimity di servire le PMI che rappresentano la spina dorsale dell'economia del Paese.

“Forniamo un servizio che sostiene gran parte dell’economia italiana”, afferma Passera [comprised of] Piccole e medie imprese.

“Offriamo tre tipi di credito per la crescita che altre banche non possono offrire. Questo è ciò in cui crediamo, questo è ciò che cerchiamo di fare, e molte aziende che avevano progetti ambiziosi, ma non riuscivano a trovare i soldi per realizzarli, sono riusciti a ottenere un finanziamento da noi e ci sono riusciti.

“In questo modo ci stiamo muovendo verso il raggiungimento dell’obiettivo e aiutando la comunità delle PMI a ottenere finanziamenti che non potrebbero ottenere dalle banche tradizionali”.