Maggio 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Potrebbe esserci una nuova forza nel vino italiano?

Potrebbe esserci una nuova forza nel vino italiano?

Il gruppo vinicolo italiano di proprietà privata Argea ha grandi progetti per i prossimi anni, che potrebbero renderlo uno degli attori più importanti non solo in Italia ma in tutto il mondo. Sarah Nish Esplorare.

Argea è già sulla buona strada per diventare una forza da non sottovalutare.

Creato quando il gruppo vinicolo italiano Mondodelvino SPA si è fuso con il gruppo di private equity Clessidra nel 2021 per formare un nuovo “supergruppo”, Argea ha lavorato silenziosamente verso il suo obiettivo di diventare il “leader del vino italiano” (settore privato) negli ultimi anni . Anni.

Al momento della fusione, Mondodelvino possedeva già un portafoglio di marchi di vino italiani che coprivano più regioni del Paese. Questi includono marchi glamour Cuvage e Acquesi (entrambi in Piemonte), Ricossa (che produce vini Barolo DOCG e Barbera DOC), Poderi dal Nespolo 1929 (Romania), Barone Maltalto (Sicilia) e Codici Masserie (Puglia).

L'influenza di Argea si è ulteriormente rafforzata quando nel 2023 ha acquisito la Cantina Zaccagnini, che produce circa 3 milioni di bottiglie di vino all'anno da 300 ettari di uve abruzzesi, in gran parte a Montepulciano. Questo è tutto ciò che manca all'imponente cartellone di regioni vinicole italiane del gruppo, afferma Enrico Gobino, responsabile della comunicazione aziendaleÈ il business delle bevandeToscana.

Missione di acquisizione

In effetti, la caccia al Terroir è in cima all'agenda di Argea per aumentare la propria quota nel vino italiano, e il gruppo sta registrando guadagni significativi.

“Non è un segreto che abbiamo cercato in Toscana”, dice Gobineau. db. “Speriamo di avere un annuncio per partecipare nella seconda metà del 2024.”

READ  Il ristorante San Jose si sposta di mezzo miglio a Little Italy, e si occupa di affari e costruzione

Secondo Gobineau sono in programma “enormi investimenti” per aumentare il già enorme fatturato del gruppo di 450 milioni di euro.

“Dobbiamo vedere un’azienda vinicola in Italia superare la soglia del miliardo di euro”, afferma.

Ma chi sono i finanziatori dietro Argia? Come hanno fatto i loro milioni?

La società di private equity Clessidra appartiene a una delle più antiche famiglie industriali italiane, che ha fatto fortuna nel cemento. Quotata alla Borsa Italiana dal 1947, negli ultimi anni l'azienda ha deciso di ampliare la propria offerta acquisendo alcune aziende italiane tra cui profumeria e prosciuttifici premium, prima di rivolgere la propria attenzione al vino.

“Il modello non è semplicemente dire: ‘Sono venuto, ti comprerò, ciao!’” insiste Gobineau, parlando della strategia dell’azienda di acquisire aziende vinicole affermate. Esiste invece un modello di business unico in cui ciascuna azienda vinicola a conduzione familiare sotto l’egida di Argea possiede una partecipazione nel gruppo.

“Argea possiede il 100% delle sue cantine e dei suoi marchi, ma non necessariamente la terra”, spiega Gobineau. Alcuni produttori italiani all'interno del gruppo hanno contratti a lungo termine con i coltivatori, piuttosto che possedere i vigneti a titolo definitivo. Così, se oggi Argea ha sotto il suo controllo circa 15.000 ettari vitati, di questi ne possiede “una piccolissima frazione”.

È qualcosa che il gruppo vorrebbe vedere cambiare.

“In Italia, la proprietà media dei vigneti è di 1,5 ettari per coltivatore, quindi ci sono molte persone diverse che possiedono un pezzo di terra molto piccolo. Come conciliare questo con il fatto che l'Italia è il più grande paese produttore di vino al mondo? ?, chiede Gobineau.

READ  L'israeliano Strauss ricorda il cioccolato dopo aver trovato la salmonella

Lo dicono alcuni viticoltori in Italia db, “Altamente orientato alla produzione e non basato sul valore”. Al contrario, altri sono “marchi di fascia alta senza ingombro”.

Argea prevede di unire i due approcci per creare “marchi su larga scala”. In questo modo, afferma Gobineau, “rimaniamo legati alle radici e all’autenticità di ogni regione vinicola, ma possiamo competere su scala globale”.

Tracciando parallelismi con i giganti privati ​​delle bevande Grupo Penaflor e Concha y Toro in America Latina, così come con E&J Gallo in California, Gobino afferma che Argea si sta avvicinando alla fine del suo piano triennale, che ha visto il gruppo trasformarsi in un “forte” Con evidente profitto”, ed è impegnata a organizzare il suo prossimo capitolo.

Quest'anno ci si può aspettare che Argea diventi più visibile nel commercio, concentrandosi sui vini friulani e campani, oltre che sui vini vulcanici italiani. Anche le espressioni a bassa gradazione alcolica saranno di fondamentale importanza per il gruppo, con 10 prodotti vinicoli a bassa gradazione alcolica tra cui rossi, bianchi e bollicine, il cui lancio è previsto nel 2024.

“Se cresciamo, l'intero ecosistema deve crescere con noi”, afferma Gobino, che è trasparente riguardo all'obiettivo di Argea di cambiare il volto del vino italiano.

Tuttavia, forse più significativa è la sua affermazione che “Argea non ha bisogno di restare in Italia”, segno che potrebbero essere previste acquisizioni internazionali.