Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia informa la Cina che lascerà la Belt and Road Initiative

L’Italia informa la Cina che lascerà la Belt and Road Initiative

Le bandiere sventolano al vento durante la cerimonia di apertura del Belt and Road Forum (BRF) in occasione del decimo anniversario dell’iniziativa Belt and Road, presso la Grande Sala del Popolo di Pechino, Cina, il 18 ottobre 2023. REUTERS/Edgar su Ottenere i diritti di licenza

  • L’Italia ha firmato un accordo nel 2019 in cui prevede un significativo incremento delle esportazioni
  • I vantaggi economici sperati non si sono concretizzati
  • Roma afferma di aspettarsi ancora buoni rapporti con Pechino

ROMA, 6 dicembre (Reuters) – L’Italia ha ufficialmente informato la Cina che si ritirerà dalla Belt and Road Initiative, hanno riferito mercoledì fonti governative, respingendo le preoccupazioni che la mossa possa rovinare le relazioni e danneggiare l’economia italiana.

L’Italia nel 2019 è diventata il primo e finora unico paese occidentale ad aderire al programma commerciale e di investimenti, ignorando gli avvertimenti degli Stati Uniti secondo cui ciò potrebbe consentire alla Cina di controllare tecnologie sensibili e infrastrutture critiche.

Tuttavia, quando il primo ministro Giorgia Meloni è entrato in carica lo scorso anno, ha dichiarato di voler ritirarsi dall’accordo, che il presidente Xi Jinping ha difeso, affermando che non avrebbe portato vantaggi significativi all’Italia.

L’accordo del 2019 scade nel marzo 2024 e una fonte del governo italiano ha affermato che Roma ha inviato a Pechino una lettera “nei giorni scorsi” informando la Cina che non avrebbe rinnovato l’accordo.

Non ci sono stati commenti immediati da parte della Cina.

Una seconda fonte governativa ha affermato: “Abbiamo tutta l’intenzione di mantenere eccellenti relazioni con la Cina anche se non facciamo più parte della Belt and Road Initiative”.

READ  Saipem punta a raccogliere 750 milioni di euro dalla vendita di asset

“Altri paesi del G7 hanno relazioni più strette con la Cina delle nostre, nonostante non abbiano mai partecipato alla Belt and Road Initiative”, ha aggiunto.

L’Italia assumerà la presidenza del G7 nel 2024.

Più di 100 paesi hanno firmato accordi con la Cina per cooperare su infrastrutture e progetti di costruzione della BRI da quando il programma è stato lanciato nel 2013. L’allora primo ministro italiano Giuseppe Conte sperava in guadagni commerciali quando ha firmato nel 2019, ma le aziende cinesi sembrano essere le più importanti. principali beneficiari…

Le esportazioni italiane verso la Cina lo scorso anno sono state pari a 16,4 miliardi di euro (17,7 miliardi di dollari), rispetto ai 13 miliardi di euro del 2019. Al contrario, secondo i dati italiani, le esportazioni cinesi verso l’Italia sono aumentate a 57,5 ​​miliardi di euro rispetto ai 31,7 miliardi dello stesso periodo.

Francia e Germania, i principali partner commerciali dell’Italia nell’eurozona, lo scorso anno hanno esportato quantità molto maggiori in Cina, nonostante non facessero parte della Belt and Road Initiative, modellata sull’antica Via della Seta che collegava la Cina all’Occidente.

Nel tentativo di mantenere legami strategici, il ministro degli Esteri Antonio Tajani ha visitato Pechino a settembre, e il presidente Sergio Mattarella visiterà la Cina l’anno prossimo.

La stessa Meloni ha detto di voler andare a Pechino, ma non è stata ancora fissata una data.

Nonostante facciano parte della Belt and Road Initiative, i successivi governi di Roma hanno segnalato i loro dubbi sull’accordo ponendo il veto ad alcune proposte di acquisizione o limitando l’influenza delle aziende cinesi sulle loro controparti italiane.

READ  Il serbo Vucic afferma che il modello elettrico della Fiat Panda sarà prodotto in Serbia

A giugno, il governo Meloni è riuscito a limitare l’influenza della cinese Sinochem JSC (600500.SS) sul produttore italiano di pneumatici Pirelli, utilizzando le regole del “golden power” progettate per proteggere asset strategici.

La Meloni, che guida una coalizione conservatrice, desidera migliorare le sue credenziali come leader impegnato pro-NATO, e una fonte governativa ha affermato di aver assicurato al presidente degli Stati Uniti Joe Biden all’inizio di quest’anno che l’Italia si sarebbe ritirata dalla Belt and Road Initiative.

Segnalazione di Angelo Amanti, Crispian Palmer e Giuseppe Fonte, scrittura di Giulia Segretti e Crispian Palmer, montaggio di Keith Weir e Toby Chopra.

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda