Giugno 17, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“Una scelta spaventosa”: il cupo punto di vista dell’ex segretario di Stato Bob Carr sulle conseguenze per l’Australia della lotta Biden-Trump

“Una scelta spaventosa”: il cupo punto di vista dell’ex segretario di Stato Bob Carr sulle conseguenze per l’Australia della lotta Biden-Trump

L’ex segretario di Stato Bob Carr ha definito una potenziale rivincita presidenziale tra Joe Biden e Donald Trump una “scelta estremamente spaventosa” per l’Australia, sollevando dubbi sulla stabilità degli Stati Uniti nel contesto strategico globale.

La decisione dell’attuale presidente degli Stati Uniti di annullare la tappa australiana del suo viaggio asiatico, e quindi il vertice del Quartetto a Sydney, ha sollevato dubbi sull’affidabilità degli Stati Uniti di fronte ai problemi di politica interna.

Carr ha affermato che l’annullamento è stato un segnale chiave sul fatto che non si poteva contare sul presidente per “stare lontano dai feroci combattimenti a Washington”.

“L’autorità di un presidente degli Stati Uniti negli affari mondiali a volte può essere indebolita da battaglie interne a Capitol Hill e tra Capitol Hill e la Casa Bianca”, ha detto Carr alla corrispondente australiana di Sky News Laura Jayce.

Ma l’ex segretario di Stato ha poi dato una candida valutazione del declino cognitivo di Biden nel contesto delle elezioni presidenziali del 2024.

Il concorso ha importanti implicazioni per le relazioni dell’Australia con gli Stati Uniti, a differenza dei precedenti cicli elettorali.

Washington ha riorientato la sua attenzione sulla regione Asia-Pacifico sotto il presidente Biden e ha stretto partenariati storici per la sicurezza con Canberra che hanno assicurato la posizione strategica dell’Australia per i decenni a venire.

Carr ha detto che c’erano preoccupazioni per l’Australia con il leader repubblicano, Trump, e il presidente in carica.

“Penso che abbiamo una scelta molto spaventosa qui, hai Trump e tutti i sospetti di un presidente che non riceve briefing, che si inventa le cose… che disprezza gli alleati della NATO degli Stati Uniti… e il fatto che Trump ha nella sua base un forte elemento isolazionista”.

READ  L'ex ufficiale di polizia degli Stati Uniti Derek Chauvin è stato condannato per aver ucciso George Floyd in tutti e tre i casi

e dall’altro, la sicura scelta democratica di candidarsi alla presidenza, un uomo di 80 anni che ne avrà 85 o 86 alla fine del suo prossimo mandato.

“Dovrebbe esserci un vero scetticismo sulla vulnerabilità del presidente Biden e sulla prospettiva di una Kamala Harris un po’ nervosa e relativamente inesperta che prenda il sopravvento”.

L’ex premier del New South Wales ha aggiunto che le principali preoccupazioni dell’Australia risiedono nel modo in cui la nuova amministrazione si occupa del Pacifico.

Ha detto che Canberra ha bisogno di Stati Uniti che si accontentino di un “ruolo creativo” nella regione e non di uno che sia “ossessionato dal proprio primato e dominio”.

L’abolizione del presidente ha sollevato dubbi anche sulla rilevanza della quadrupla partnership tra India, Giappone, Stati Uniti e Australia.

Ma Carr ha liquidato la relazione come nient’altro che un forum che potrebbe servire solo come deterrente secondario per la Cina in futuro.

“È un forum diplomatico, se ne è parlato, e penso che gli australiani abbiano commesso un errore… parlandone come qualcosa di più di questo”, ha detto.

“È un forum molto utile e lo sostengo e ha un segnale implicito e utile a Pechino che se il comportamento di Pechino diventa troppo assertivo, potrebbe diventare qualcos’altro.

“Ma a questo punto è un negozio per discorsi diplomatici e tuttavia molto utile in questo senso per una media potenza come l’Australia”.

Il vertice, che era previsto per la prossima settimana, è stato annullato a seguito della feroce battaglia partigiana sul bilancio Usa a Washington.

Invece, i quattro leader dovrebbero tenere un incontro improvvisato a margine del vertice del G7 a Hiroshima questo fine settimana.

READ  La guerra russo-ucraina in breve: cosa sappiamo del giorno 449 dell'invasione | Ucraina