Maggio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un nuovo studio evidenzia il potenziale della tecnologia geotermica binaria in Italia

Un nuovo studio evidenzia il potenziale della tecnologia geotermica binaria in Italia
Torri di raffreddamento della centrale geotermica di Larderello, Toscana/Italia (fonte: flickr/ Giacomo Carena, Creative Commons)

Uno studio pubblicato da Reed Geotermica esamina la fattibilità dell’utilizzo della tecnologia geotermica binaria in Italia e come ciò possa essere reso possibile attraverso il sostegno politico.

Uno studio pubblicato da Rete Geotermica in collaborazione con The European House – Ambrosetti evidenzia il potenziale inespresso della tecnologia delle centrali geotermiche binarie in Italia. Tale tecnologia può utilizzare risorse geotermiche a bassa entalpia, che possono contribuire fino al 10% della produzione di elettricità del paese o al 25% del consumo di energia termica.

Il rapporto completo, ““La geotermia emissioni nalle per auxilare la decarbonizaggione e griere sviluppo in Italia” / “Geotermia a zero emissioni per accelerare la decarbonizzazione e uno sviluppo più rapido in Italia” Accedi tramite questo link.

Le centrali binarie: una risorsa inesplorata per l'Italia

Sebbene la tecnologia delle centrali binarie o ORC sia diffusa nei progetti geotermici in tutto il mondo, questo tipo di centrale non è attualmente operativa in Italia. Tutti gli impianti geotermici attivi gestiti da Enel Green Power utilizzano la tecnologia del vapore secco o flash, sfruttando l'energia proveniente dai fluidi geotermici ad alta temperatura.

Secondo lo studio, lo sfruttamento di appena il 2% delle risorse geotermiche nei primi 5 km di profondità potrebbe contribuire al 10% della domanda elettrica prevista del Paese entro il 2050. Al contrario, l’utilizzo di questa energia per il riscaldamento può contribuire fino al 25%. Consumo di calore attuale.

Inoltre, le centrali elettriche binarie consentono la reiniezione in massa di fluidi, rendendole strutture a “emissioni zero”.

READ  Cinque idee creative oltre lo sci

Ambrosetti sottolinea l’effetto moltiplicatore dello sviluppo geotermico, con 1 euro investito nel geotermico che genera altri 2 euro di valore per il resto dell’economia. La geotermia crea circa 6.131 nuovi posti di lavoro per ogni GW installato, rendendola la tecnologia verde con il più alto potenziale occupazionale.

Una vasta pipeline di progetti geotermici

I membri dell'associazione di settore Rete Geotermica hanno attualmente sviluppato 44 progetti geotermici. “Purtroppo ad oggi non è stato realizzato alcun impianto a causa dei complessi iter autorizzativi e delle insufficienti politiche di sostegno allo sviluppo di questo tipo di progetti.” Lo spiega il presidente di Rete Geotermica Fausto Batini.

Rete Geotermica è un'associazione di imprese nata dalla volontà di alcuni operatori titolari di permessi di ricerca di creare una filiera in grado di valorizzare la diffusa risorsa geotermica in Italia. Si tratta di aziende che forniscono servizi altamente specializzati nel campo dell'esplorazione (caratterizzazione geologica, geochimica e geofisica) e degli studi di fattibilità e successivi studi ingegneristici. Fanno parte dell'associazione anche i fornitori di sistemi ORC binari.

Matteo Quaia, direttore generale di Rete Geotermica e amministratore delegato di Steam Srl, ha fatto eco alla sfida della mancanza di sostegno politico. “Nonostante la liberalizzazione del monopolio sullo sviluppo delle risorse geotermiche avvenuta 10 anni fa, il conseguente enorme interesse da parte del settore privato ha portato alla realizzazione di oltre 70 progetti per una capacità di sviluppo di oltre 1,2. GW, ad oggi, non ha costruito eventuali impianti a causa di Processi di accreditamento complessi e mancanza di politiche adeguate per sostenere i suoi programmi di crescita. Alla fine, finora è un'occasione sprecata e non vogliamo rassegnarci a perderla!

Una richiesta di sostegno legislativo

Tra gli obiettivi della pubblicazione del rapporto c'è quello di creare consapevolezza tra gli stakeholder italiani, che porterà alla semplificazione dell'iter autorizzativo per i progetti geotermici, come avviene in gran parte d'Europa e in questioni legate alle politiche europee. Conversione di energia.

READ  Squadra Italia Euro 2020: 26 convocati in vista del torneo 2021

Ambrosetti afferma che i principali fattori che inibiscono un ulteriore sviluppo geotermico includono gli alti rischi dell’esplorazione primaria e il processo di autorizzazione eccessivamente complesso. Per superare questi problemi, il rapporto formula diverse raccomandazioni:

  • Corrispettivi incentivanti pari a 300 euro/MWh per i primi 10 anni, poi ridotti a 200 euro per i successivi 15 anni;
  • misure di riduzione del rischio per proteggere gli investitori dal rischio intrinseco di scoperta in progetti geotermici come la perforazione del primo pozzo esplorativo; E
  • Processo di autenticazione semplificato e ottimizzato.

“Abbiamo bisogno di una strategia energetica nazionale che riconosca il pieno potenziale della tecnologia geotermica a emissioni zero. Il raggiungimento di questa strategia comprende l'identificazione di obiettivi chiari per lo sviluppo geotermico come parte della più ampia strategia del settore energetico del Paese, in particolare come citato nel Piano Nazionale Integrato per l'Energia e l'Ambiente. Clima (PNIEC). Aggiunto Quaya.

“Inoltre, proponiamo di creare una Commissione geotermica nazionale per supervisionare la nostra industria geotermica e garantire un piano di sviluppo efficiente e inclusivo”.

Ripristina la vecchia gloria

Ad un certo punto, l’Italia si è classificata al 4° posto a livello mondiale in termini di capacità di energia geotermica installata. Da allora è stato spinto all'ottavo posto. Il fatto che non ci siano nuove centrali elettriche da più di un decennio, ovviamente, indica un problema sistemico più ampio.

Tuttavia, l’Italia ha le competenze tecniche e le capacità per sostenere il rilancio dell’industria geotermica locale. Paradossalmente le aziende italiane hanno contribuito in modo significativo allo sviluppo dell’industria geotermica in molti Paesi. “Fa molto riflettere il contrasto tra la stagnazione degli ultimi 10 anni in termini di nuove installazioni quando le aziende partecipanti offrono servizi di progettazione e consulenza o impianti realizzati all'estero superiori a 1 GW” Guaya ha commentato.

READ  Cunard celebra il carro della regina Anna in Italia

L’Italia è infatti ben posizionata per riconquistare la leadership nel settore geotermico. Disponiamo sia di know-how sul campo che di fornitori di centrali elettriche di fama mondiale, tra cui i fornitori ORC binari Exergy e Turboden sono i più riconoscibili. Esistono anche società di ingegneria e consulenza riconosciute a livello internazionale per entrambi i settori a monte [subsurface] e a valle [surface facilities]Tra cui grandi aziende come SLB e aziende private come Idrogeo e Sintecnica e la nostra azienda specializzata STEAM.

Di nuovo tra i primi 3?

Con oltre 1,2 GW di capacità geotermica in varie fasi di sviluppo, l’accelerazione di questi progetti potrebbe facilmente portare l’Italia nella top 3 della classifica mondiale della capacità di energia geotermica. La continua esportazione di competenze dall’Italia va a vantaggio anche del più ampio settore geotermico globale.

“Crediamo che gli sforzi di Rete Geotermica per promuovere questo ecosistema, supportando i leader del settore e promuovendo l'innovazione attraverso gli sforzi di ricerca e sviluppo, siano l'approccio giusto per realizzare appieno il nostro potenziale nazionale e riposizionare l'Italia come centro globale per la tecnologia geotermica.”

Fonte: ANSA.it E Greenreport.it