Maggio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Pedro Sanchez: il primo ministro spagnolo rifiuta di dimettersi, promettendo di combattere l'attacco “infondato” a sua moglie

Ronald Wittek/EPA-EFE/Shutterstock

Pedro Sanchez è entrato in carica nel 2018 dopo aver ottenuto un voto di sfiducia nei confronti del governatore Mariano Rajoy.



CNN

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha dichiarato lunedì che non si dimetterà, cinque giorni dopo aver cancellato le sue funzioni pubbliche per “considerare” se continuare in carica, in seguito all'apertura di un tribunale spagnolo. Indagini contro la moglieBegonia Gomez.

Lo ha annunciato Sanchez, socialista, in un discorso televisivo dalla sua residenza ufficiale a Madrid, in seguito ad una denuncia di corruzione contro Gomez presentata da Manos Limpias (Mani Pulite), un'organizzazione legata all'estrema destra.

“Ho deciso di continuare, se possibile con più forza, come capo del governo spagnolo”, ha detto il Primo Ministro, 52 anni.

Sanchez ha detto che intensificherà la sua lotta contro gli attacchi “infondati”, come quello contro sua moglie, che in precedenza aveva attribuito alle forze conservatrici e all’estrema destra.

“Agisco sulla base di una chiara convinzione. Oppure diciamo basta con questo deterioramento, altrimenti ci condannerà come nazione”. È una questione di dignità e ci definisce come società.

“Io e mia moglie sappiamo che questa campagna (contro di noi) non si fermerà”, ha detto, e va avanti da 10 anni.

Sanchez ha ringraziato i membri del Partito socialista spagnolo per il loro sostegno.

La decisione del Primo Ministro è arrivata lunedì dopo che l'Alta Corte Regionale di Giustizia di Madrid ha avviato un'indagine contro Gomez “con l'accusa di presunto traffico di influenza e corruzione commerciale” dopo aver ricevuto la denuncia di Manos Limpias.

La notizia dell’indagine è emersa il 24 aprile e Sánchez ha annunciato di aver sospeso i suoi incarichi pubblici fino a lunedì per “fermarsi e riflettere” su “se dovrei continuare a guidare il governo”.

READ  Guerra Russia-Ucraina: il giornalista russo della BBC Ilya Barabanov descritto come un “agente straniero”

Il Primo Ministro ha affermato in un post su X che la denuncia di Mani Pulite sembra essere basata su “presunte informazioni” pubblicate da quelli che ha definito alcuni media digitali “di destra e di estrema destra”.

Il 25 aprile, i pubblici ministeri hanno presentato ricorso al giudice contro le indagini e gli hanno chiesto di rinviare il caso, secondo l'ufficio stampa della procura spagnola.

Manos Limpias ha ammesso lo stesso giorno di essersi basata su notizie di stampa nella sua denuncia al tribunale. “Spetterà a un giudice determinare se queste informazioni stampa sono accurate o meno”, ha affermato il gruppo in una nota.

Una fonte della Procura spagnola ha poi detto alla CNN che i pubblici ministeri non hanno trovato indicazioni di un crimine che giustificherebbe l'apertura di un'indagine contro Gomez.

Venerdì, un altro gruppo associato a cause conservatrici, Hazte Oir (Fatti sentire), ha annunciato la propria denuncia alla stessa corte contro Gomez, elencando solo il presunto “spaccio di influenza” contro di lei.

Javier Soriano/AFP/Getty Images

Sanchez, qui raffigurato con la moglie alle urne lo scorso anno, ha ricevuto un altro mandato di quattro anni dopo aver ricevuto il sostegno parlamentare a novembre.

Il Partito Socialista, guidato da Sanchez, ha ottenuto ottimi risultati nelle recenti elezioni regionali nella regione basca, nel nord della Spagna. I sondaggi d'opinione prevedono anche che il partito ottenga buoni risultati nelle elezioni regionali in Catalogna del mese prossimo.

Sánchez divenne Primo Ministro nel 2018 Dopo aver vinto un voto di sfiducia contro il governatore Mariano Rajoy.

Ha vinto le elezioni generali che si sono svolte nel novembre 2019, ma non ha ottenuto la maggioranza. Ha formato un governo di coalizione con il partito di sinistra Podemos, ma ha chiesto elezioni anticipate nel maggio 2023 dopo che il suo partito ha subito gravi battute d’arresto nelle elezioni regionali e locali.

READ  I quattro fortunati vincono 1 milione di dollari ciascuno al Monday Lotto

Sanchez è riuscito a formare una nuova coalizione con una maggioranza parlamentare ristretta e ha prestato giuramento Durata quattro anni Nel novembre 2023.

Il governo di Sanchez è stato un fedele alleato dell'Ucraina, inviando carri armati, sistemi di difesa aerea e altri aiuti a Kiev.

In patria, il suo governo ha implementato un programma progressista, comprese politiche sui diritti delle donne e una legge sull'eutanasia. questi Riparazioni Ha ottenuto voti nelle aree urbane, ma il ritmo del cambiamento ha portato a reazioni negative anche in altre parti della Spagna, così come la sua disponibilità a collaborare con i partiti separatisti per le preoccupazioni sulla disgregazione del Paese.

Secondo le stime del governo, sabato circa 12.500 persone hanno riempito le strette strade attorno alla sede del Partito socialista a Madrid per chiedere che Sanchez restasse. Il governo ha detto che domenica altri cinquemila si sono riuniti davanti al Parlamento spagnolo.

Nonostante l'inizio piovoso dei lavori di sabato, si è radunata una folla enorme e si sono sentiti canti di “Pedro, resta in carica” ​​e “Pedro, ti sosteniamo” tra gli applausi entusiasti della folla enorme.

Se si dimette, la democrazia perderà. Se si dimette, tutto ciò per cui abbiamo combattuto scomparirà, non solo il progresso sociale che abbiamo realizzato in questo Paese e quello compiuto dalla comunità LGBT e da tutti i gruppi con bisogni problematici. “No, la democrazia in generale sta perdendo”, ha detto un manifestante alla CNN in spagnolo.

Pau Mosquera della CNN en Español ha contribuito al reportage.