Maggio 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I bond italiani salgono dopo la sospensione del rating da parte di Moody's

I bond italiani salgono dopo la sospensione del rating da parte di Moody's

Apri Editor's Digest gratuitamente

Lunedì i bond italiani sono aumentati dopo che Roma ha evitato un possibile declassamento del suo rating creditizio allo status di spazzatura, in una spinta per la coalizione di governo di destra del Primo Ministro Giorgia Meloni.

Moody's ha confermato il rating investment grade del paese in un aggiornamento previsto dopo la chiusura dei mercati venerdì, e ha alzato le sue prospettive per il debito del paese da negativo a stabile.

Il conseguente aumento dei titoli italiani ha spinto i rendimenti dei titoli a 10 anni giù di 0,04 punti percentuali al 4,32%, il livello più basso dall’inizio di settembre. Lo spread tra i rendimenti dei titoli decennali italiani e tedeschi – una misura del rischio percepito nel debito italiano – attentamente monitorato si è ridotto a poco più di 1,7 punti percentuali lunedì mattina, il livello più basso dalla fine di settembre.

Lo spread, considerato un indicatore di tensione sui mercati finanziari europei, è salito nuovamente a oltre due punti percentuali in ottobre a causa delle preoccupazioni per i crescenti piani di deficit di bilancio dell'Italia e la sua debole crescita economica.

Moody's ha citato “la stabilità delle prospettive di forza economica del Paese, la salute del suo settore bancario e la dinamica del debito pubblico” poiché ha scelto di non diventare la prima grande agenzia di rating a privare Roma del suo status di investment grade.

L’agenzia ha inoltre espresso ottimismo sul fatto che la crescita dell’Italia nel medio termine sarà sostenuta dall’attuazione del programma di riforme e investimenti post-pandemia da 200 miliardi di euro finanziato dall’UE, nonostante la proposta di Roma di apportare importanti modifiche al programma.

READ  L'attività nel mercato immobiliare a Tallinn supera i record | Economie

Moody's ha valutato il debito sovrano italiano a Baa3, un gradino sopra il debito spazzatura, e ha tagliato l'outlook a negativo nell'agosto 2022 dopo l'inaspettato crollo del governo di unità nazionale guidato da Mario Draghi, l'ex presidente della Banca centrale europea, che ha spinto il Paese a mantenere elezioni anticipate. .

Tuttavia, da quando ha preso il potere poco più di un anno fa, la Meloni ha cercato di rassicurare gli investitori internazionali sul fatto che la sua coalizione di destra sarà un amministratore responsabile dell’economia italiana e perseguirà politiche fiscalmente prudenti, prendendo le distanze dalla sua precedente retorica populista anti-UE.

Il ripristino da parte di Moody's dell'outlook stabile dell'Italia rappresenta un gradito impulso per Roma in un momento in cui è alle prese con una debole crescita europea e costi di finanziamento molto più elevati a seguito di un ciclo di aumento dei tassi di interesse per combattere l'inflazione.

“È un’ottima notizia per il governo Meloni perché gli dà molto respiro politicamente ed economicamente”, ha affermato Mujtaba Rahman, amministratore delegato per l’Europa della società di consulenza Eurasia Group.

Giancarlo Giorgetti, ministro delle Finanze italiano, ha affermato che la decisione è “una conferma che, nonostante le tante difficoltà, stiamo lavorando bene per il futuro dell'Italia”.

Gli analisti di Citigroup hanno previsto in una nota ai clienti lunedì che lo spread tra i rendimenti obbligazionari italiani e tedeschi si “stringerà con sollievo” dalla decisione di Moody's e “poi si stabilizzerà a dicembre” quando il governo italiano ridurrà l'emissione di obbligazioni.

Gli analisti di Citi hanno affermato che i minori costi di finanziamento dell'Italia andrebbero a vantaggio anche delle banche italiane, riducendo i costi di finanziamento.

READ  Vodafone cede le attività italiane a Swisscom per 8 miliardi di euro

Il debito pubblico italiano è salito a oltre il 140% del suo prodotto interno lordo – il secondo più alto nell’Unione Europea dopo la Grecia – spinto dall’aumento della spesa per far fronte alle ricadute della pandemia di coronavirus e alla crisi energetica causata dall’invasione russa dell’Ucraina.

D’altro canto, la ripresa economica del Paese dopo questi shock ha perso slancio quest’anno, con il PIL che si è stabilizzato nel terzo trimestre rispetto al trimestre precedente e allo scorso anno.

Tuttavia, le prospettive per l’Italia si sono recentemente migliorate grazie ad un forte calo dell’inflazione, che è scesa al livello più basso in più di due anni in ottobre, così come alle crescenti speranze degli investitori che la Banca Centrale Europea inizi a tagliare i tassi di interesse già dal 2019. la primavera.

La banca centrale ha inoltre sostenuto i mercati obbligazionari italiani mantenendo il reinvestimento in un portafoglio di 1.700 miliardi di euro, composto principalmente da debito governativo, che aveva iniziato ad acquistare in risposta alla pandemia, nonostante le richieste di alcuni politici di porre fine a tale operazione entro la fine del prossimo anno.