Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il G7 tiene colloqui “strategici” nell’Italia, punto caldo del clima

Il G7 tiene colloqui “strategici” nell’Italia, punto caldo del clima
Il G7 tiene colloqui “strategici” nell’Italia, punto caldo del clima

Un attivista posiziona un ritratto del primo ministro giapponese Fumio Kishida vicino a un incendio appiccato dai manifestanti durante una manifestazione contro il G7 Clima, Energia e Ambiente tenutasi a Torino, il 28 aprile 2024 a Venaria Reale, vicino Torino. AFP

TORINO – I ministri del G7 si incontrano lunedì a Torino per i colloqui sull’ambiente e sul cambiamento climatico, con esperti che esortano i paesi altamente industrializzati a usare il loro peso politico, la loro ricchezza e le loro tecnologie per porre fine all’uso dei combustibili fossili.

L'incontro del Gruppo dei Sette nella città del nord Italia è la prima grande sessione politica da quando il mondo si è impegnato al vertice sul clima COP28 delle Nazioni Unite a dicembre di abbandonare carbone, petrolio e gas.

Ciò avviene mentre un nuovo rapporto di un istituto globale per il clima mostra che il G7 è ben al di sotto dei suoi obiettivi.

Centinaia di manifestanti hanno manifestato domenica a Torino, bruciando alcune foto dei leader del G7 che li accusavano di deludere le generazioni future a causa della crisi climatica.

Roma, che detiene la presidenza di turno del G7, afferma che vuole che Torino sia “un collegamento strategico” tra la Conferenza delle parti dello scorso anno a Dubai e la COP29, che si svolgerà a novembre in Azerbaigian.

LEGGERE: Boom del gas per l’Azerbaigian, che ospita la COP29 delle Nazioni Unite

L'obiettivo è “rendere il percorso tracciato dalla COP28 pratico, reale, concreto”, ha detto prima dell'incontro il Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica Gilberto Pichetto Fratin.

L’Italia, un punto caldo del cambiamento climatico vulnerabile agli incendi, alla siccità e al ritiro dei ghiacciai, sta mettendo “la biodiversità, gli ecosistemi e il riscaldamento dei mari” in cima all’agenda, ha affermato.

READ  La banca italiana è crollata per l'esposizione a Verdi e GFG

A Torino sono presenti delegazioni da Dubai e dall'Azerbaigian, oltre che dal Brasile, che quest'anno ospita il G20.

'Innovativo'

I ministri dell'Ambiente del G7, che comprende Canada, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti, si incontreranno per quattro sessioni di lavoro nell'arco di due giorni presso la Reggia di Venaria del XVII secolo.

Gli ambientalisti vogliono sapere come intendono mantenere gli impegni presi, come l’accordo di Dubai, di raddoppiare i tassi di efficienza energetica e triplicare la capacità rinnovabile entro il 2030.

LEGGERE: I ministri del G7 concordano di ridurre il consumo di gas e accelerare l’energia rinnovabile

I colloqui metteranno in risalto la necessità di diversificare le fonti di materiali critici fondamentali per i sistemi di energia rinnovabile, nonché il riutilizzo dei minerali, nel tentativo di fermare l’eccessiva dipendenza dalla Cina, che domina nelle tecnologie verdi.

L’Italia afferma che le terre rare e le energie rinnovabili faranno parte delle discussioni con le delegazioni africane invitate a Torino.

Canada, Francia, Germania e Regno Unito stanno spingendo per un trattato globale per ridurre l’inquinamento da plastica e si prevede che utilizzeranno il G7 per mobilitare Stati Uniti e Giappone riluttanti.

Gli osservatori del clima sperano in un aumento del sostegno ai paesi meno sviluppati nella decarbonizzazione della loro produzione industriale, con esperti che forniscono consulenza su settori particolarmente difficili, come il cemento e l’acciaio.

Potrebbero esserci impegni su più fondi per l’adattamento ai cambiamenti climatici, e l’Italia ha affermato che il G7 discuterà di modelli di finanziamento “innovativi” tra le richieste di finanziamenti più accessibili per i paesi vulnerabili.

“Osservato da vicino”

Secondo il Climate Analytics Policy Institute, insieme il G7 costituisce circa il 38% dell’economia globale ed è stato responsabile del 21% delle emissioni totali di gas serra nel 2021.

READ  Le persone più ricche d'Italia (04 gennaio 2024)

Nessun membro del gruppo è sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni esistenti per il 2030, riuscendo invece a tagliarli “nella migliore delle ipotesi di circa la metà di ciò che è necessario”, afferma un rapporto dell’istituto la scorsa settimana.

Giovedì gli Stati Uniti hanno finalizzato un vasto piano per ridurre le emissioni degli impianti a combustibili fossili, concedendo alle centrali a carbone esistenti fino al 2032 per ridurre la produzione di anidride carbonica del 90%.

Si prevede che la Francia spingerà affinché il G7 elimini gradualmente il carbone entro il 2030, ma il Giappone è riluttante a fissare una data.

La Germania – il più grande produttore europeo di gas serra – non è disposta a rinunciare al gas, così come lo è l’Italia.

Il primo ministro italiano di estrema destra Giorgia Meloni ha promesso ripetutamente di trasformare l’Italia in un hub del gas per l’Europa, cercando nuovi fornitori nel Mediterraneo e in Africa ed espandendo le infrastrutture del gas.

Luca Bergamaschi, fondatore del think tank italiano sul clima ECCO, ha messo in dubbio l’affermazione dell’Italia secondo cui il gas è essenziale per la sua sicurezza energetica e ha affermato che il suo interesse per le tecnologie nascenti come la fusione nucleare è fuorviante.

Le decisioni del G7 “hanno un grande impatto sui mercati e sulle idee e aspettative degli investitori”, e la gestione dell'Italia a Torino “sarà osservata da vicino”, ha affermato.