Settembre 24, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le ossa antiche confermano che i primi antenati umani camminavano eretti

Quello che potrebbe essere il più antico antenato umano conosciuto, un uomo scimmia di nome Sahelanthropus tchadensis Secondo un nuovo studio, che visse in Africa circa 7 milioni di anni fa, camminava eretto per la maggior parte del tempo.

I risultati suggeriscono che la capacità di camminare in posizione eretta – nota come camminare su due gambe – si è verificata molto presto nell’albero genealogico umano e rafforzano l’idea che potrebbe essere un segno distintivo evolutivo del nostro lignaggio.

“La nostra conclusione è che abbiamo, molto probabilmente, caratteristiche legate alla locomozione bipede SahelantropoHa detto Frank Gay, paleoantropologo dell’Università di Poitiers e ricercatore presso l’agenzia scientifica francese CNRS, uno degli autori dello studio.

Jay e colleghi studiano, Pubblicato mercoledì sulla rivista Naturesulla base di una rivalutazione di tre ossa fossilizzate degli arti – il femore della coscia e due dell’ulna dell’avambraccio – rinvenute nel deserto del Ciad all’estremità meridionale del Sahara più di 20 anni fa.

un unico teschio di Sahelantropo Un individuo, chiamato Toma, che significa “speranza di vita” nella lingua locale di Daza, è stato trovato nello stesso sito e da allora si è discusso se fosse il nostro antenato. Ma il nuovo studio rafforza il suggerimento che lo fosse.

I ricercatori credono Sahelantropo Vissero solo pochi milioni di anni dopo l’ultimo antenato comune degli umani moderni – che camminano anche eretti – e degli scimpanzé che non lo fanno.

Sebbene il motivo per cui i nostri antenati abbiano iniziato a camminare su due gambe sia molto dibattuto dagli scienziati, è possibile che camminare su due gambe abbia portato a cervelli più grandi per controllare meglio ora gli arti anteriori liberati, che poi si sono evoluti in mani umane.

READ  Uno studio britannico ha scoperto che il COVID-19 è collegato a un "effetto significativo e dannoso" sul cervello
Mappa 3D di contrasto dello spessore del guscio del femore (da sinistra a destra) di Sahelanthropus, un essere umano esistente, uno scimpanzé e un gorilla (nella vista posteriore). Frank Jay / Palivoprim / Centro nazionale per la ricerca scientifica / Università di Poitiers

È stato suggerito che camminare in posizione eretta sia più efficiente dal punto di vista energetico rispetto all’arrampicata e che i primi ominidi hanno dovuto affrontare un clima mutevole che doveva essere flessibile nel trovare cibo.

Si ritiene che le capacità intellettuali avanzate, come l’uso di strumenti, il linguaggio e il pensiero astratto, siano arrivate molto più tardi.

“Tutto quello che sappiamo a questo punto è che la camminata bipede si è evoluta molto prima dell’allargamento del cervello e dell’uso degli strumenti”, ha detto il paleoantropologo Johannes Haile-Selassie, direttore dell’Institute of Human Origins dell’Arizona State University, che non è stato coinvolto nell’ultimo studio.

Una caratteristica distintiva del cranio di Toma è che il foro del midollo spinale è posto di fronte a fori simili nelle scimmie che non camminavano erette, indicando che il loro cranio era sopra la colonna vertebrale, piuttosto che di fronte ad essa.

Alcune precedenti valutazioni delle ossa degli arti dal sito suggerivano che potessero provenire da altri individui – sottolinea Jay. Sahelantropo Forse dopotutto non camminava eretto.

Ma l’ultimo studio rifiuta quell’idea sulla base di una serie di test scientifici che includevano la biometria e le scansioni a raggi X interne.

confronto di file Sahelantropo Ossa Con le ossa di altre scimmie estinte e di esseri umani moderni, così come le ossa di scimpanzé, gorilla e oranghi – i nostri parenti viventi più stretti – i ricercatori hanno stabilito che le specie antiche potrebbero aver camminato eretto per la maggior parte del tempo.

READ  Stati classificati in base alla percentuale di residenti vaccinati: 12 aprile

Le ossa del braccio, tuttavia, indicano Sahelantropo Può anche arrampicarsi sugli alberi, sia in modo bipede – usando le braccia per stabilizzarsi, come gli esseri umani moderni – sia in modo quadrilatero, in cui gli arti anteriori lo aiutano a sopportare il suo peso.

L'umanità si è separata dal gruppo degli scimpanzé durante l'ultimo Miocene, probabilmente tra 10 e 7 milioni di anni prima del presente.  Questa differenza ha portato a forme abbastanza distinte: le ossa degli arti, ad esempio, mostrano differenze associate specificamente alla locomozione a quattro zampe degli scimpanzé e alla locomozione bipede degli esseri umani rimanenti.
L’umanità si è separata dal gruppo degli scimpanzé durante l’ultimo Miocene, probabilmente tra 10 e 7 milioni di anni prima del presente. Questa differenza ha portato a forme abbastanza distinte: le ossa degli arti, ad esempio, mostrano differenze associate specificamente alla locomozione a quattro zampe degli scimpanzé e alla locomozione bipede degli esseri umani rimanenti.
Frank Jay / Palivoprim / Centro nazionale per la ricerca scientifica / Università di Poitiers

lo studio indica Sahelantropo È infatti il ​​più antico antenato umano conosciuto, anche se è possibile che non siano state ancora trovate specie ancestrali precedenti, ha affermato Guillaume Daver, professore associato di paleoantropologia all’Università di Poitiers e autore principale dello studio.

In futuro potremmo trovare ominidi più vecchi [human ancestors] Resti che mostrano forme bipedi… ma potremmo anche trovare resti di ominidi più vecchi che non mostrano bipedismo”, ha detto.

I risultati lo indicano anche Sahelantropo I ricercatori hanno scritto che probabilmente vivevano in un ambiente in cui camminare con due piedi per terra e arrampicarsi sugli alberi era benefico, come praterie miste, foreste e palmeti, sebbene il sito nel Ciad settentrionale dove sono stati trovati i fossili sia un deserto arido oggi.

Un’indicazione che Sahelantropo Uno degli antenati umani era che il cranio di Toma aveva canini relativamente piccoli.

Questo è qualcosa che si vede in altri antenati umani e umani moderni, ma non in altre scimmie moderne, e gli scienziati ritengono che possa essere un segno di ridotta aggressività.

READ  Un'enorme e misteriosa esplosione scoperta nello spazio profondo stupisce gli scienziati

Lo studio suggerisce che la deambulazione eretta e i canini più piccoli si siano sviluppati nello stesso periodo, ha affermato Jin Sawa, professore di paleoantropologia all’Università di Tokyo, anch’egli non coinvolto nello studio.

Ciò può essere dovuto al fatto che camminare in posizione eretta si è evoluto dal bisogno di portare cibo ad amici e parenti, che era esso stesso un adattamento sociale a livelli inferiori di aggressività interpersonale. “Questo potrebbe essere stato all’alba delle nostre origini”, ha detto Suwa in una e-mail.