Ottobre 6, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Manoscritto Galileo: un manoscritto in una biblioteca universitaria che si ritiene sia stato scritto da Galileo è un falso, afferma l’Università del Michigan

Il documento di una pagina noto come il “Codico di Galileo” non può essere fatto risalire prima del 1930 ed è stato probabilmente scritto dal famigerato falsario italiano Tobias Necotra, Ha detto in una dichiarazione.
Successivamente è stata aperta un’indagine Nick Wilding, professore di storia alla Georgia State University, ha contattato il fiduciario dell’università, Pablo Alvarez. Wilding ha messo in dubbio la filigrana e la fonte del manoscritto e ha condiviso seri dubbi sulla sua autenticità.

“Wilding ha concluso che il manoscritto di Galileo era un falso del 20° secolo dal noto falsario Tobia Necotra”, ha detto l’università. “Dopo che i nostri esperti hanno studiato le prove più convincenti – sulla carta e la sua fonte – e riesaminato il manoscritto, siamo stati d’accordo con la sua conclusione”.

Tra gli aspetti messi in discussione da Wilding c’era la carta stessa, in particolare i caratteri monosillabici nella filigrana della carta che risalivano non prima del XVIII secolo, l’Università Egli ha detto.

La dichiarazione rilevava che Nicotra fu imprigionato per due anni nel 1934 per falsificazione, compresi i documenti Galileo.

L’università sta ora riconsiderando il ruolo del manoscritto nella sua collezione.

Prima del rapporto di falsificazione, l’università ha descritto il documento come “uno dei grandi tesori della biblioteca dell’Università del Michigan”.

Si dice che mostri osservazioni che registrano la scoperta di Galileo delle quattro lune di Giove.

La descrizione dell’università del manoscritto recita: “Questo è stato il primo dato di osservazione a mostrare oggetti in orbita attorno a un oggetto diverso dalla Terra”. “Riflette un momento cruciale nella vita di Galileo che ha contribuito a cambiare la nostra comprensione dell’universo”.

Il L’astronomo, morto nel 1642, inventò il telescopio – tra le tante altre realizzazioni – che gli permisero di scoprire che Giove ha le lune. Divenne il primo difensore dell’astronomia copernicana, che negò che la Terra fosse il centro fisso dell’universo.

Ha detto che l’Università del Michigan ha acquisito il manoscritto nel 1938 dopo che è stato lasciato in eredità alla biblioteca dall’uomo d’affari Tracy McGregor, che aveva raccolto libri e manoscritti.
L’università ha detto che quando MacGregor ha ottenuto il documento, è stato approvato dal cardinale Pietro Maffei, che era arcivescovo di Pisa e che “confronta questo foglio con la lettera della firma di Galileo nella sua collezione”.

READ  Fossili preistorici della foresta pluviale nascosti nelle rocce arrugginite in Australia

Claudia Dominguez della CNN ha contribuito a questo rapporto.