Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Australia assegna 15.000 posti agli afgani nel programma di visti umanitari e familiari

La guerra in Afghanistan è stata la più lunga in Australia e l’assimilazione umana di questa portata lo riflette. Hook ha affermato che il nostro impegno nei confronti dei rifugiati afgani sarà al secondo posto dopo il nostro apporto umanitario dalla Siria e dall’Iraq.

“Il governo continuerà a monitorare i numeri di elaborazione e si riserva il diritto di aumentare il programma nei prossimi anni”.

Per saperne di più

Il signor Hook ha affermato che c’è stato un numero “senza precedenti” di domande di visto dall’Afghanistan, con il Dipartimento degli affari interni che ha ricevuto più di 32.500 domande per il programma umanitario, per conto di oltre 145.000 persone.

“In riconoscimento di questa richiesta e a sostegno della specifica conformità ai visti, sono stati istituiti team dedicati all’interno del Dipartimento degli affari interni per intraprendere l’elaborazione prioritaria”, ha affermato Hook.

Il Dipartimento darà la priorità agli ex dipendenti locali e ai loro familiari stretti, ai titolari della sottocategoria 449 e ai loro familiari stretti e a coloro che hanno legami duraturi con l’Australia, donne e ragazze, minoranze etniche, LGBT e altri gruppi minoritari identificati.

Centinaia di persone corrono al fianco di un aereo da trasporto C-17 della US Air Force mentre si muove lungo l'asfalto dell'aeroporto internazionale, a Kabul, in Afghanistan.

fonte: Verificato UGC/AAP


L’annuncio segue l’assegnazione iniziale di 3.000 posti lo scorso agosto.

È arrivato poche ore dopo Stesura di una relazione parlamentare Ciò ha messo in luce le carenze del ritiro dell’Australia dall’Afghanistan, descrivendo in dettaglio come i fallimenti delle comunicazioni e la pianificazione miope abbiano contribuito a lasciare indietro gli afgani bisognosi.

READ  Perché l'estrema sinistra e l'estrema destra non possono resistere a Putin?

Tra le sue otto raccomandazioni, il rapporto afferma che il governo dovrebbe continuare a fare “ogni sforzo disponibile” per finalizzare le domande di visto – in particolare – per gli afgani che hanno prestato servizio con le forze australiane.

“Non ci sono scuse per i ritardi burocratici quando le vite sono letteralmente a rischio”, afferma il rapporto.

‘Fumo e specchi’

L’annuncio è stato accolto con alcune critiche, con Sarah Dale, l’avvocato principale del Refugee and Advice Service (RACS), che lo ha definito “falso” e “fuorviante” perché non crea posti aggiuntivi nel programma umanitario.

Ha detto a SBS News: “Quello che è stato annunciato … è che questo è un impegno entro le quote attuali. Queste non sono sedi aggiuntive”.

“Questo non è urgente, e quindi non molto vicino al raggiungimento del nostro impegno ventennale nei confronti del popolo afghano. Né affronta un’escalation della crisi umanitaria”.

Il governo federale ha chiesto l’annuncio di ulteriori 20.000 posti nel programma umanitario australiano in aggiunta alle quote esistenti.

“L’anno scorso, abbiamo ricevuto quasi 5.000 sovvenzioni nel nostro programma umanitario, di cui il 12% di quei posti era già stato assegnato all’Afghanistan”, ha affermato.

“Senza alcun ulteriore aumento, non riconosciamo la crescita e l’escalation della crisi umanitaria in Afghanistan”, ha aggiunto.

I leader cristiani, nell’ambito della campagna “Christians United for Afghanistan”, hanno anche esortato gli australiani a “non farsi ingannare” dall’annuncio del governo federale.

Il reverendo Tim Costello, direttore esecutivo di MICA Australia, ha affermato che nel 2017 l’Australia ha aumentato la propria assunzione di aiuti umanitari in risposta ai conflitti in Siria e Iraq quando ha fornito altre 12.000 persone, oltre all’assunzione umanitaria annuale.

READ  L'Egitto conferma la perdita della città d'oro trovata a Luxor durante la missione di Tutankhamon

“Il primo ministro Scott Morrison ha ufficialmente dichiarato che non c’è limite al numero di rifugiati afgani che l’Australia può accogliere, ma c’è una miseria di 15.000 in quattro anni”, ha detto il reverendo Costello.

“L’inadeguata risposta umanitaria del governo Morrison è una vergogna per la nostra nazione. Questa non è una risposta compassionevole, è solo un inganno più sofisticato per nascondere la totale inazione del governo Morrison”.

Il fumo sale vicino all'ospedale militare nazionale Sardar Muhammad Dawood Khan dopo un'esplosione nel centro di Kabul, in Afghanistan, il 2 novembre 2021.

fonte: Reuters


Action for Afghanistan, guidata dall’Australian Afghan Advocacy Network, ha affermato che l’annuncio di Hook non indica percorsi di continuità per le persone in Australia né rivede la politica che vieta a centinaia di persone di lasciare l’Afghanistan in Indonesia.

“L’annuncio del ministro Hook di oggi non inizia a riconoscere il nostro rapporto con la guerra, il nostro impegno morale nei confronti del popolo afghano e la crescente crisi umanitaria in Afghanistan ora”, ha affermato Arif Hussain, avvocato per i diritti umani presso Refugee Advice and Casework. Servizio (RACS).

Barat Ali Bator, fotografo australiano Hazara e organizzatore dell’Asylum Seekers Resource Center (ASRC), ha definito la dichiarazione “offensiva”.

“Negli ultimi mesi, l’Afghanistan ha visto attiviste e gruppi vulnerabili come gli Hazara essere presi di mira e intimiditi dai talebani. L’Australia non può restare a guardare e non fare nulla dopo la guerra più lunga nella storia del Paese”.

Shabnam Safa, presidente del National Advisory and Advocacy Group guidato dai rifugiati, ha affermato che era giunto il momento per l’Australia di porre fine alla “dimenticanza illimitata dei titolari di visto di protezione temporanea e riunire le famiglie in modo che le persone possano andare avanti con le loro vite”.

READ  Le batterie agli ioni di litio "mantengono il fuoco acceso" su una nave mercantile in fiamme che trasporta auto di lusso

“La guerra in Afghanistan è stata il nostro intervento internazionale più lungo e dobbiamo ancora vedere tale impegno rispettato dal governo australiano.

“… finora non abbiamo visto alcuna azione concreta da parte del governo. La situazione in Afghanistan sta peggiorando, non migliorando”.

Per saperne di più

Anche il senatore verde Nick McKim si è opposto all’annuncio, definendolo “un trucco di piselli e ditali che non crea un solo nuovo posto nel programma di visti umanitari”.

“L’Australia ha la responsabilità morale di fare molto di più, data la nostra responsabilità nell’invasione e nell’occupazione dell’Afghanistan”, ha affermato il senatore McKim in una nota.

“Naturalmente più persone dall’Afghanistan hanno bisogno di protezione, ma questa dichiarazione significa che per ogni persona dall’Afghanistan a cui viene concesso un visto umanitario, chiunque da qualche altra parte che ha un disperato bisogno di protezione lo perde”.

Il senatore McKim ha affermato che il governo ha “ridotto drasticamente” gli aiuti umanitari in Australia negli ultimi anni.

“La mancata creazione di posti aggiuntivi per i cittadini afgani peggiora semplicemente le cose”, ha affermato il senatore McCim.

Il ministro deve anche confermare che ogni individuo dall’Afghanistan che ha ottenuto il 449° visto durante e dopo l’evacuazione di Kabul riceverà protezione permanente in Australia.