Ottobre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Trump cerca di trattenere la testimonianza nella rivolta del 6 gennaio: i media

Secondo i media, l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha chiesto a quattro ex consiglieri di non collaborare con un’indagine del Congresso sulla rivolta del 6 gennaio da parte dei suoi sostenitori contro il Congresso.

I media statunitensi hanno riferito, giovedì, che l’ex presidente Donald Trump ha chiesto a quattro dei suoi ex migliori aiutanti di non conformarsi a un’indagine del Congresso sull’attacco del 6 gennaio al Congresso.

Sia Politico che The Washington Post hanno riferito che agli ex consiglieri Mark Meadows, Cash Patel, Dan Scavino e Steve Bannon è stato chiesto di non cooperare con l’indagine ufficiale della Camera sulle rivolte dei sostenitori di Trump, che i critici hanno chiamato aperta ribellione.

Gli avvocati di Trump hanno sostenuto in una lettera ai quattro che le sue comunicazioni e i suoi registri sono protetti dalla divulgazione dal privilegio esecutivo e dal privilegio avvocato-cliente.

All’epoca, Meadows era il capo dello staff della Casa Bianca. Scavino ha manipolato i social media a favore di Trump. Bannon era un ex stratega politico ed è rimasto attivo nelle operazioni repubblicane. Patel era un consigliere per la sicurezza nazionale alla Casa Bianca, che Trump ha nominato a una posizione di alto livello al Pentagono dopo aver perso le elezioni.

Gli esperti legali hanno sollevato dubbi sul fatto che Trump possa rivendicare un privilegio esecutivo sulle sue azioni nelle ultime settimane del suo mandato per impedire agli aiutanti di parlare.

La sfida di Trump potrebbe costringere la commissione a battaglie legali che potrebbero prolungare le indagini.

“Questa volta, i testimoni che infrangono la legge devono valutare le prospettive di un’azione penale”, ha avvertito.

READ  Chi sostituirà Liz Cheney come presidente della convention repubblicana?

pomeridiano / g