Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Aia sostiene la condanna del genocidio contro l’ex leader serbo-bosniaco Ratko Mladic

I giudici delle Nazioni Unite per i crimini di guerra hanno confermato la condanna per genocidio e l’ergastolo contro l’ex comandante militare serbo-bosniaco Ratko Mladic, respingendo tutti i motivi del suo appello.

Mladic, 78 anni, comandò le forze serbo-bosniache durante la guerra bosniaca del 1992-1995.

È stato condannato nel 2017 con l’accusa di genocidio, crimini contro l’umanità e crimini di guerra, compreso il terrore della popolazione civile della capitale bosniaca Sarajevo durante un assedio di 43 mesi e l’uccisione di oltre 8.000 uomini e ragazzi musulmani nella città bosniaca orientale. Srebrenica nel 1995.

Era stato condannato al processo e condannato a vivere in prigione, ma aveva presentato ricorso sia contro la sentenza che contro la sentenza.

La sintesi scritta della sentenza d’appello affermava che la Camera d’appello “respinge integralmente l’appello di Mladic… rigetta integralmente l’appello dell’accusa… e conferma la condanna all’ergastolo inflitta a Mladic dal tribunale di grado inferiore”.

Il verdetto rappresenta 25 anni di processi al Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia, che ha incriminato 90 persone.

Il Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia è uno dei predecessori della Corte penale internazionale, il primo tribunale permanente per i crimini di guerra al mondo, anch’esso con sede all’Aia.

I giudici d’appello hanno detto che Mladic rimarrà in custodia all’Aia mentre sono presi accordi per il suo trasferimento in un paese dove sconterà la sua pena. Non si sa ancora quale paese prenderà.

Finora quattordici paesi europei hanno ricevuto condannati nei tribunali delle Nazioni Unite per scontare le loro condanne.

L’ex leader politico dei serbi bosniaci, Radovan Karadzic, è stato trasferito in una prigione britannica nel maggio di quest’anno.

Gli avvocati di Mladic hanno sostenuto che l’ex generale non poteva essere ritenuto responsabile di possibili crimini commessi dai suoi subordinati.

Hanno chiesto l’assoluzione o un nuovo processo.

I pubblici ministeri avevano chiesto al Comitato d’Appello di sostenere pienamente la condanna di Mladic e la condanna all’ergastolo.

Volevano anche che fosse incriminato con l’accusa di genocidio a seguito della campagna di pulizia etnica nei primi anni della guerra in Bosnia che includeva campi di concentramento che hanno scioccato il mondo.

Anche il ricorso di questa accusa è stato respinto.

Il Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia ha scoperto che Mladic svolge un ruolo di primo piano in alcuni dei crimini più efferati sul suolo europeo dall’Olocausto nella seconda guerra mondiale.

Alcuni degli 8.000 volantini commemorativi del massacro di Srebrenica sono dedicati a ciascuna delle vittime.
Il memoriale del massacro di Srebrenica ha un centro bianco per ciascuna delle 8.000 vittime.(

ABC News: David Sassi

)

Per il genocidio di Srebrenica, i giudici hanno stabilito che Mladic era assolutamente fondamentale poiché aveva il controllo sia dell’esercito che delle unità di polizia coinvolte nell’arresto e nel massacro.

La corte ha concluso che “le azioni degli imputati sono state così strumentali nella commissione dei crimini che senza di loro i crimini non sarebbero stati commessi così come sono”.

READ  La città più vivibile del mondo: Auckland vince mentre COVID cambia le classifiche mondiali | Auckland