Giugno 12, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La città più vivibile del mondo: Auckland vince mentre COVID cambia le classifiche mondiali | Auckland

La pandemia di COVID-19 ha scosso la classifica annuale delle città più vivibili dell’Economist Intelligence Unit, spingendo Auckland in testa a Vienna, che è uscita dalla top 10 proprio come le nazioni insulari. Nuova ZelandaAustralia e Giappone hanno fatto meglio.

capitale austriaca È in cima alla lista dal 2018 E per anni Melbourne è stata in cima a un sondaggio su 140 centri urbani. L’eradicazione del Covid-19 da parte della Nuova Zelanda all’interno dei suoi confini, attraverso misure di blocco aiutate dal suo isolamento geografico, ha dato alle sue città un grande impulso.

Il rigoroso blocco della Nuova Zelanda ha permesso alla loro comunità di riaprire e dare potere ai cittadini di città come Auckland e Wellington di godere di uno stile di vita simile alla vita nel periodo pre-pandemia”, ha affermato l’Economist Intelligence Unit (EIU) in una nota.

L’EIU generalmente non pubblica la classifica completa al pubblico. L’ultima volta che Auckland è stata nella top 10 è stata nel 2017, quando è arrivata ottava, un posto che Melbourne condivide con Ginevra quest’anno. Vienna è scesa al dodicesimo posto.

A dimostrazione del vantaggio della Nuova Zelanda quest’anno, anche Wellington è entrata nella top 10, arrivando quarta dietro a Osaka che è salita di due posizioni fino alla seconda, e Adelaide che ha scavalcato le connazionali Sydney e Melbourne al terzo posto da dieci.

L’ultima classifica del 2019 dove l’anno scorso è stata cancellata.

“La pandemia di Covid-19 ha avuto un pesante impatto sulla vivibilità del mondo”, ha affermato l’EIU.

“Le città di tutto il mondo sono ora meno vivibili di quanto non fossero prima dell’inizio della pandemia e abbiamo visto regioni come l’Europa colpire particolarmente duramente”.

L’Unione europea ha faticato a lanciare la propria campagna di vaccinazione e diversi Stati membri, tra cui l’Austria, hanno imposto più blocchi di quanto sperassero, danneggiando i risultati delle loro città in termini di cultura e ambiente. Le altre quattro categorie valutate sono stabilità, assistenza sanitaria, istruzione e infrastrutture.

READ  'che cosa hai fatto?' La verità su un "cadavere" che giace nel cortile di tua madre