Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I colloqui per il cessate il fuoco a Gaza raggiungono una fase decisiva con la partenza della delegazione di Hamas dal Cairo Notizie della guerra israeliana a Gaza

I colloqui per il cessate il fuoco a Gaza raggiungono una fase decisiva con la partenza della delegazione di Hamas dal Cairo  Notizie della guerra israeliana a Gaza

La delegazione di Hamas lascerà la capitale egiziana e ritornerà martedì per riprendere i negoziati indiretti con Israele sul cessate il fuoco e sullo scambio di prigionieri con prigionieri.

I negoziati su un potenziale cessate il fuoco nella guerra di Gaza sono entrati in una fase decisiva quando Hamas ha ribadito la sua richiesta di porre fine all’attacco israeliano ai territori palestinesi in cambio del rilascio dei prigionieri, mentre il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha categoricamente escluso tale esito.

Domenica entrambe le parti si sono accusate a vicenda dell’impasse. Funzionari palestinesi hanno affermato che nel secondo giorno di colloqui con i mediatori egiziani e del Qatar, i negoziatori di Hamas sono rimasti fedeli alla loro posizione secondo cui qualsiasi accordo di cessate il fuoco deve includere la fine della guerra.

I funzionari israeliani non si sono recati al Cairo per impegnarsi in una diplomazia indiretta, ma domenica Netanyahu ha ribadito l’obiettivo di Israele da quando la guerra è iniziata quasi sette mesi fa: disarmare e smantellare Hamas.

Ha detto che Israele è pronto a fermare i combattimenti a Gaza per garantire il rilascio degli ostaggi ancora detenuti da Hamas, che si ritiene siano più di 100.

Netanyahu ha detto: “Ma mentre Israele ha mostrato disponibilità, Hamas rimane radicato nelle sue posizioni estremiste, la prima delle quali è la richiesta di ritirare tutte le nostre forze dalla Striscia di Gaza, porre fine alla guerra e lasciare Hamas al potere”.

“Israele non può accettarlo”, ha detto.

In una dichiarazione rilasciata poco dopo quella di Netanyahu, il leader di Hamas Ismail Haniyeh ha accusato Netanyahu di “continuare l’aggressione, espandere la cerchia del conflitto e sabotare gli sforzi compiuti attraverso mediatori e varie parti”.

READ  Accuse commerciali tra Cina e Filippine per il recente scontro nel Mar Cinese Meridionale

I media egiziani legati allo stato hanno affermato che la delegazione di Hamas che partecipa ai negoziati di tregua a Gaza ha lasciato il Cairo e tornerà martedì per ulteriori colloqui.

Ha aggiunto: “La delegazione di Hamas ha lasciato il Cairo questa sera [Sunday] Il Cairo News Channel collegato all’intelligence egiziana, citando una “fonte informata” non identificata, ha affermato che Doha andrà a Doha per tenere consultazioni e tornerà martedì per completare i negoziati “per raggiungere una tregua nella guerra con Israele”.

In un reportage da Ramallah, nella Cisgiordania occupata, Bernard Smith di Al Jazeera ha affermato che Israele insiste sul fatto che qualsiasi accordo includerà solo la cessazione dei combattimenti e non una cessazione permanente delle ostilità.

Ha detto: “Da parte degli israeliani, c’è l’insistenza sul fatto che il massimo che Hamas otterrà sarà questa tregua iniziale di 40 giorni in cambio del rilascio di 33 prigionieri israeliani e di un gran numero di prigionieri palestinesi”.

Smith ha aggiunto: “Hamas insiste sul fatto che qualsiasi accordo con Israele deve portare alla fine della guerra e al ritiro delle forze israeliane da Gaza”.

Nel frattempo, il direttore della CIA William Burns – che era al Cairo – si sta recando a Doha per un incontro di emergenza con il primo ministro del Qatar, ha detto domenica sera un funzionario a conoscenza dei colloqui.

Una fonte ha detto a Reuters che Burns si sta recando a Doha per tenere un incontro d’emergenza con il primo ministro del Qatar con l’obiettivo di esercitare la massima pressione su Israele e Hamas affinché continuino i negoziati.

Washington ha fatto pressioni su Hamas affinché accettasse l’ultima proposta israeliana.

READ  Il capo dell'OMS afferma che è "pericoloso" presumere che la pandemia si stia avvicinando alla fine, ma afferma che la "fase acuta" potrebbe terminare quest'anno

Attacco a Rafah

I colloqui avvengono in un momento in cui Israele sta preparando un attacco a Rafah, nel sud di Gaza, dove si sono rifugiati più di un milione di sfollati palestinesi.

Israele ritiene che migliaia di combattenti di Hamas siano rintanati nella città, insieme a dozzine di potenziali prigionieri.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari ha affermato venerdì che una simile incursione metterebbe a rischio la vita di centinaia di migliaia di persone e costituirebbe un duro colpo per le operazioni di soccorso nell’intera enclave.

Residenti e funzionari sanitari a Gaza hanno affermato che aerei e carri armati israeliani hanno continuato a bombardare durante la notte le aree dell’enclave palestinese, uccidendo e ferendo numerose persone.

Il braccio armato di Hamas ha rivendicato un attacco domenica vicino al valico di Kerem Shalom tra Israele e Gaza, il principale punto di ingresso degli aiuti umanitari a Gaza. L’esercito israeliano ha detto che il valico – noto agli israeliani come Kerem Shalom – è stato chiuso in seguito all’attacco missilistico.

Secondo le autorità palestinesi, almeno 34.683 persone, la maggior parte delle quali donne e bambini, sono state uccise e altre 78.018 ferite nella guerra israeliana a Gaza da ottobre.

Israele ha lanciato l’attacco dopo che Hamas aveva condotto un attacco nel sud di Israele il 7 ottobre, uccidendo almeno 1.139 persone, secondo un conteggio di Al Jazeera basato su statistiche israeliane.