Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Karsten Warholm batte il record mondiale per vincere l’oro nella finale “assoluta” dei 400 m ostacoli alle Olimpiadi di Tokyo 2020

Il campione del mondo norvegese Carsten Warholm ha battuto il suo record mondiale di 400 m ostacoli per vincere una gara iconica. Olimpiadi di Tokyo Medaglia d’oro.

Un mese dopo aver abbassato il record del mondo del 29enne, Warholm ha guidato la finale di martedì tagliando la striscia positiva in soli 45,94 secondi.

Guarda la fantastica gara nel video qui sopra

Anche la medaglia d’argento Ray Benjamin e la regista di bronzo Alison Dos Santos hanno superato il punteggio di 46,78 secondi di Kevin Young nel 1992.

Benjamin ha segnato 46,17 prima di attraversare dos Santos in un tempo di 46,72.

Il velocista delle Isole Vergini britanniche Kieron McMaster è arrivato quarto dopo aver ombreggiato Abdul Rahman Samba del Qatar, entrambi incrociati in momenti che avrebbero potuto facilmente vincere la medaglia d’oro a Rio 2016.

L’epica finale di Tokyo 2020 guidata dal venticinquenne Warholm è diventata rapidamente uno dei giochi più memorabili della storia.

“Scenderai con i 400 ostacoli di sempre”, ha detto Bruce McCavani su Channel Seven.

“E probabilmente la più grande gara che abbiamo visto alle Olimpiadi”.

Warholm mette in luce lo stesso stupefacente sguardo di stupore quando si è annunciato sulla scena mondiale con la sua vittoria ai Campionati del Mondo 2017.

Anche il secondo classificato ha potuto solo mostrare la sua delusione per così tanto tempo, sorridendo brillantemente e alzando le bandiere nazionali per celebrare le proprie imprese.

“Abbiamo appena assistito a una delle più grandi prestazioni atletiche nella storia di questo sport”, ha detto a Eurosport il campione olimpico britannico Greg Rutherford.

READ  Un rapporto degli architetti del 2018 ha rivelato che un condominio di Miami aveva "abbondanti crepe"

L’hype è iniziato nella resa dei conti alle prove olimpiche degli Stati Uniti a giugno, quando Benjamin è diventato solo il quarto uomo a rompere 47 secondi con 46,83 punti.

Presto annunciò che pensava che avesse 46 minimi.

Warholm ha risposto poche settimane dopo correndo 46,70 per battere il record mondiale stabilito anni prima della sua nascita, solo per abbassarlo di altri 0,76 secondi martedì.

Partendo dalla sesta pista, Warholm ha corso davanti ea metà strada davanti a Benjamin che ha pareggiato con un margine così ampio che la vera gara sembrava Warholm contro il tempo.

Coprendo la distanza tra gli ostacoli 13 forti passi alla volta, Warholm non si avvicinò mai a rompere quel passo.

Ha corso attraverso la linea con le braccia lì, ma non gli è costato molto.

Il Low-46 è stato un lungo sogno per la maggior parte di questi bloccanti. Ora, il tag è tra i primi 45.

Forse questa era semplicemente l’ultima carta per l’incontro femminile di mercoledì mattina a Tokyo.

Il record di Warholm arriva un giorno prima che gli americani incontrino Sidney McLaughlin e Delilah Muhammad nella finale dei 400 m ostacoli.

Hanno battuto il record mondiale femminile in ciascuna delle ultime tre gare nelle principali competizioni.