Maggio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Buco dell'ozono: perché la fauna selvatica dell'Antartide si “scotta”

Buco dell'ozono: perché la fauna selvatica dell'Antartide si “scotta”
  • Scritto da Victoria Gill
  • Corrispondente scientifico, BBC News

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, Ogni anno appare un buco nello strato di ozono sopra l’Antartide

Per la fauna selvatica antartica, l’esposizione ai raggi nocivi del sole è aumentata negli ultimi anni, dicono gli scienziati.

Il buco nello strato di ozono, la barriera protettiva del gas nell'alta atmosfera, è presente sopra il continente ghiacciato da più di un anno.

Si ritiene che una delle principali cause della perdita di ozono sia la quantità di fumo generata dagli incendi boschivi australiani senza precedenti, alimentati dai cambiamenti climatici.

La professoressa Sharon Robinson, una biologa del cambiamento climatico, ha dichiarato a BBC News: “Quando dico alla gente che sto lavorando sul buco dell'ozono, dicono: 'Oh, non va meglio adesso?'

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, I ricercatori ritengono che la vista degli animali possa essere danneggiata dalle radiazioni ultraviolette

Gli scienziati che lavoravano in Antartide scoprirono il buco nello strato di ozono nel 1985, misurando la quantità di radiazione solare che raggiunge la Terra.

Responsabile è un ampio gruppo di sostanze chimiche che riducono lo strato di ozono, principalmente clorofluorocarburi o CFC, utilizzati come refrigeranti. Tutti i paesi hanno concordato nel 1987 di eliminare gradualmente un gruppo di sostanze chimiche che riducono lo strato di ozono. Si trattava di un accordo noto come Protocollo di Montreal ed è considerato il trattato ambientale di maggior successo della storia.

Questa perdita di ozono è specifica dell’Antartide, a causa di reazioni chimiche che si verificano a temperature molto basse e nubi atmosferiche elevate. Queste reazioni provocano la decomposizione dell'ozono, creando un buco nello strato.

L'aspetto annuale di questo cratere di solito raggiunge il picco tra settembre e ottobre, quando la maggior parte delle piante e degli animali terrestri sono nascosti al sicuro sotto il manto nevoso e gli animali marini sono protetti dall'ampio ghiaccio marino.

Fonte immagine, Vittoria Gill

Commenta la foto, Gli animali sono più vulnerabili ai raggi nocivi del sole durante l'estate antartica

Ora continua fino a dicembre, cioè l’estate in Antartide. “Questo è il momento in cui le cose diventano più esposte e vulnerabili”, ha detto il professor Robinson.

Alcuni tipi di radiazioni ultraviolette provenienti dal sole, chiamate UVB, aumentano il rischio di cancro della pelle e cataratta negli esseri umani, ma i ricercatori non sanno ancora se lo stesso vale per i mammiferi e gli uccelli antartici.

Il professor Robinson ha spiegato che qualsiasi cosa ricoperta di pelliccia e piume, come foche e pinguini, sarebbe probabilmente protetta.

“Ma forse il rischio più grande per gli animali antartici è il danno agli occhi”.

Fonte immagine, Università di Wollongong

Commenta la foto, È stato scoperto che le piante antartiche, comprese le alghe, producono i propri composti per la protezione solare

Nella loro ricerca, la professoressa Robinson e i suoi colleghi hanno passato al setaccio tutti gli studi che hanno potuto trovare sugli effetti delle radiazioni ultraviolette sulle piante e sugli animali antartici.

“E se investono energia nella protezione solare, ne investono meno nella crescita”, ha affermato il professor Robinson. “C’è sempre un costo per la protezione solare.”

Ci sono anche prove che il krill – i piccoli ma abbondanti organismi marini che costituiscono la base della catena alimentare antartica – si sposta più in profondità nell’oceano per evitare le radiazioni ultraviolette, che possono colpire balene, foche, pinguini e altri uccelli marini che se ne nutrono. .

Il professor Robinson ha dichiarato: “Sappiamo anche che il fitoplancton di cui si nutrono i krill deve produrre filtri solari per evitare danni.

Fonte immagine, Piet Harmsen/Divisione Antartica Australiana

Commenta la foto, Il krill antartico cambia il suo comportamento in risposta alle radiazioni ultraviolette

Uno dei motivi principali della longevità del buco dell’ozono è la vasta scala ed estensione degli incendi boschivi australiani del 2019 e del 2020.

Jim Haywood, professore di scienze dell'atmosfera all'Università di Exeter, ha dichiarato alla BBC News che la durata record del buco dell'ozono in Antartide negli ultimi anni è stata un “campanello d'allarme”.

“La società non può essere soddisfatta dei risultati ottenuti nell’affrontarla”, ha affermato.

Ma ci sono ancora una serie di fattori che ritardano il recupero dell’ozono, tra cui incendi e grandi eruzioni vulcaniche – particelle che alimentano le reazioni mangia-ozono che hanno già causato così tanti danni.

Il professor Robinson ha spiegato che alcuni esperimenti proposti per il raffreddamento del clima – la cosiddetta geoingegneria – suggeriscono la “formazione di nuvole” rilasciando particelle nell’atmosfera superiore.

“La cosa più importante che possiamo fare per aiutare l’Antartide è agire sul cambiamento climatico, riducendo le emissioni di carbonio il più rapidamente possibile in modo da avere meno incendi boschivi e non esercitare ulteriore pressione sul ripristino dello strato di ozono”.