Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

COVID a Washington: sono stati registrati cinque decessi storici per il virus Corona oltre a 8.770 nuovi casi

L’Australia ha registrato 8.777 nuovi casi di coronavirus durante la notte e cinque decessi legati al virus: tre donne e due uomini.

Il ministero della Salute ha comunicato che ci sono 258 persone contagiate dal coronavirus in ospedale, di cui nove nel reparto di terapia intensiva.

I cinque decessi sono storici e risalgono al 15 aprile. Queste morti includono una donna di 50 anni, un uomo di 60 anni, un uomo e una donna di 80 anni e una donna di 90 anni.

I numeri dei test PCR sono rimasti quasi gli stessi da giovedì, con 1.2015 tamponi che hanno rivelato 3.691 casi confermati.

I restanti 5086 erano test antigenici rapidi auto-riferiti positivi.

I casi attivi totali nel paese sono 42.613. L’Australia ha registrato 329.457 casi dall’inizio della pandemia di COVID-19.

Secondo un rapporto COVID pubblicato da WA Health la scorsa settimana, i casi, i ricoveri e i ricoveri in terapia intensiva dello stato seguono tutti molto meno da vicino rispetto al precedente modello Omicron dell’amministrazione.

La modellazione in WA durante la settimana terminata il 17 aprile prevedeva fino a 3.768 ricoveri e 452 pazienti COVID sarebbero stati ricoverati nell’unità di terapia intensiva. Tuttavia, il numero di ricoveri ospedalieri governativi ha raggiunto solo 852 la scorsa settimana con 33 ricoverati nell’unità di terapia intensiva.

Si stima che sarebbero stati registrati fino a 355.487 casi, un salto dai 329.457 casi già registrati a Washington finora.

Del totale dei ricoveri ospedalieri dell’Australia occidentale per COVID-19 tra il 4 e il 17 aprile, il 32% non era stato vaccinato. La popolazione dell’Australia occidentale non vaccinata rappresenta meno del 2% della popolazione dello stato.

READ  Il tetto di un magazzino americano è crollato con dentro gli operai durante la tempesta

Il resto del periodo di riferimento era costituito da una prima dose (5% dei ricoveri ospedalieri), una seconda dose (24%) e più di due dosi (39%).