Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I rifugiati ucraini si allontanano dalla loro terra natale per celebrare un secondo Natale mentre le celebrazioni si spostano al 25 dicembre

I rifugiati ucraini si allontanano dalla loro terra natale per celebrare un secondo Natale mentre le celebrazioni si spostano al 25 dicembre

Anche quest'anno il Natale è diverso per migliaia di rifugiati ucraini in Australia, dopo che la data è stata modificata in “allontanarsi dalla fede russa”, un secondo anno lontano da casa e dai propri cari.

Dopo 670 giorni di combattimenti da quando la Russia ha invaso l'Ucraina, i bombardamenti sono continuati, incluso un attacco di massa di droni russi sulla capitale ucraina Kiev venerdì 22 dicembre in una zona residenziale, ferendo alcune persone.

Anche il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj sta affrontando uno spostamento dell’attenzione mondiale dall’Ucraina a causa della guerra tra Israele e Hamas, con i riflettori globali puntati su Gaza.

La rifugiata ucraina Alla Storozhuk, residente a Sydney, è fuggita dal paese devastato dalla guerra con il figlio Mykola di 16 anni e la figlia Yesenia di 8 anni, un mese dopo l'invasione russa dell'anno scorso.

Alla Storozhuk è fuggita dall'Ucraina con il figlio Mykola e la figlia Yesenia un mese dopo l'invasione russa dell'anno scorso.(fornito)

Ha detto che i suoi figli erano molto turbati e delusi perché non potevano restare con il padre Oleksiy, che è un ufficiale dell'esercito e combatte in prima linea.

“È terribile, il Natale è un momento di famiglia e non vedo mio marito e i nostri figli non vedono il loro padre da quasi due anni”, ha detto Storjuk.

“All'inizio pensavamo che la guerra sarebbe finita presto e speravamo molto in questo, ma col passare del tempo – non significa che abbiamo perso la speranza – ma la nostra attesa cambia.

READ  I leader dell'Unione Europea chiedono una “tregua umanitaria” e l'apertura di corridoi di aiuti nella Gaza assediata | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

“Il nostro desiderio principale per questo Natale è che la guerra in Ucraina finisca e che la nostra famiglia si riunisca di nuovo”.

Stai lontano dalla Russia

Ci sono altri cambiamenti per la famiglia Storozhuk quest'anno, con la data del Natale modificata per allontanarsi dalla tradizione ortodossa russa di utilizzare il calendario giuliano anziché quello gregoriano.

Una nuova legislazione è stata approvata in Ucraina all’inizio di quest’anno, rendendo le festività natalizie ufficiali il 25 dicembre invece del 7 gennaio.

L'ufficiale dell'esercito ucraino Oleksiy Storozhuk la cui famiglia è fuggita in Australia mentre lui rimaneva in combattimento

La signora Storjuk ha detto che i suoi figli sono sconvolti dall'essere ancora una volta lontani dal padre, che sta combattendo in prima linea.(fornito)

Nella parte occidentale di Sydney, padre Simon Kokoj, parroco della chiesa cattolica ucraina di Sant'Andrea a Lidcombe, ha affermato che questa è la prima volta che i cattolici ucraini celebrano il Natale il 25 dicembre.

“L’abbiamo cambiato perché la Chiesa in Ucraina ha cambiato sia il cattolicesimo che l’ortodossia”, ha detto padre Chug.

“Ciò è dovuto in gran parte alla guerra e al desiderio degli ucraini di integrarsi ulteriormente nella società europea”.

All’inizio di questo mese, l’Unione Europea ha deciso di aprire i negoziati di adesione con l’Ucraina.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha accolto con favore l'accordo e lo ha descritto come “una vittoria per l'Ucraina. E una vittoria per tutta l'Europa”.

Padre Kokja ha detto che il cambiamento nella storia del Natale riguarda più lo spostamento verso l'Occidente.

“È un modo molto reale per gli ucraini di voltare le spalle all'ortodossia russa. È un modo per esprimere il desiderio del popolo ucraino di festeggiare con il mondo occidentale”.

READ  L'America afferma che il contrattacco "avanza costantemente" - DW - 01/07/2023
Andrew Mincinsky, Consiglio ucraino del NSW, sta dietro un microfono e parla ai sostenitori

Andrew Mincinsky ha detto che ad alcune persone ci vorrà del tempo per adattarsi al cambio di data.(AAP: Bianca De Marchi)

Il vicepresidente del Consiglio ucraino del NSW, Andrew Mincinsky, ha affermato che il cambiamento non è stato ancora accettato da tutti.

“La Chiesa ortodossa in Ucraina celebra il Natale il 25 dicembre”, ha detto Mincinsky.

“Ma alcuni membri della Chiesa ortodossa in Australia aderiscono ancora alla data del 7 gennaio, ma le cose cambieranno presto”.

Riconosce che il cambiamento richiede tempo per alcune persone.

“Questo è qualcosa che hanno celebrato per tutta la vita la vigilia di Natale, il 6 gennaio, e il giorno di Natale, il 7 gennaio.

“Tutti capiscono perché tutto ciò che possiamo fare per prendere le distanze dalla Russia e distinguerci è qualcosa che gli ucraini abbracceranno”.

Foto di famiglia della famiglia Storozhuks dove padre, madre, figlio e figlia sorridono

La signora Storozhuk spera che suo marito Oleksiy possa visitare l'Australia l'anno prossimo.(fornito)

La signora Storjuk ha detto che c'è un barlume di speranza che suo marito possa visitare Sydney per una vacanza di due settimane a marzo del prossimo anno.

Nel frattempo, la madre di due figli ha detto di essere grata all’Australia per aver concesso asilo alla sua famiglia e di non vedere l’ora di festeggiare il Natale come fa la maggior parte degli australiani.

“Non ci aspettavamo davvero che questo cambiasse nel corso della nostra vita e abbiamo intenzione di festeggiare il 25 dicembre come è consuetudine in Australia”, ha detto.