Ottobre 6, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Come Lytton, un villaggio canadese devastato dagli incendi, è alle prese con la resistenza del clima per il suo futuro

Un anno dopo che un incendio ha devastato il villaggio di Lytton nel Canada occidentale, i residenti, i dirigenti municipali e il governo provinciale sono alle prese con la lenta e costosa realtà di proteggere una futura comunità dal cambiamento climatico.

Il remoto villaggio si trova alla confluenza dei fiumi Fraser e Thompson nelle alte e secche montagne dell’interno della British Columbia, il che lo rende una calamita per incendi e smottamenti. Nel giugno 2021, il 90% delle strutture di Lytton è bruciato, un giorno dopo che il villaggio ha registrato la temperatura più alta mai registrata in Canada.

I funzionari ora hanno l’opportunità unica di ricostruire un’intera comunità da zero utilizzando materiali resistenti al fuoco e standard edilizi efficienti dal punto di vista energetico.

Tuttavia, i piani di mitigazione delle catastrofi a lungo termine e le ambizioni di zero netto sono contrari alla realtà dell’impazienza umana e dei limiti di rimborso degli assicuratori. I residenti bruciati – molti dei quali vivono ancora in alloggi temporanei – vogliono ricostruire le loro case e andare avanti con le loro vite.

“C’è una chiara differenza tra ciò che potrebbe essere l’ideale e ciò che è realistico”, ha detto Tricia Thorpe, 61 anni, che ha perso la sua casa nell’incendio.

Una coppia di mezza età in piedi in un cortile incompiuto davanti a un edificio principale in mattoni bianchi con un tetto blu.
Tricia Thorpe e suo marito Don Glasgow in piedi fuori dalla loro nuova casa.(Reuters: Jennifer Gautier)

“Penso che nessuno abbia problemi con la costruzione di un fuoco intelligente, ma stanno cercando di costruire un villaggio modello. Stanno parlando di energia solare [panel] marciapiedi. “

I rischi di condizioni meteorologiche devastanti stanno crescendo con l’intensificarsi dei cambiamenti climatici, aumentando l’attenzione su come sono costruite le società.

Secondo il Canadian Insurance Bureau, i danni assicurati per gravi eventi meteorologici in tutto il Canada sono stati di 2,1 miliardi di dollari canadesi (2,34 miliardi di dollari), inclusi 102 milioni di dollari canadesi per l’incendio di Lytton.

Dal 1983, le compagnie assicurative canadesi hanno registrato una media di circa 934 milioni di dollari canadesi all’anno in gravi perdite dovute al maltempo.

Enormi perdite dovute al maltempo in Canada

Il dibattito su come ripristinare Lytton mette in evidenza la realtà disordinata dell’adattamento climatico e i costi e i ritardi che le persone sono disposte a sostenere per ridurre le emissioni di carbonio e mitigare i rischi di incendio.

Nel villaggio di 300, alcune alte ambizioni sono già state accantonate a favore di una più rapida ricostruzione.

Il Lytton Council voleva adottare lo statuto degli edifici che richiedevano case a emissioni zero, ma lo ha ridimensionato a standard di efficienza energetica inferiori dopo che i residenti hanno ridimensionato.

Il villaggio ha anche pensato di seppellire tutte le sue linee elettriche per ridurre il rischio di incendio, un processo di tre anni, ma ora sta installando linee aeree temporanee per portare a termine il lavoro entro nove mesi.

Un piccolo edificio di mattoni bianchi con un tetto blu arroccato sul bordo di una montagna circondato da alberi neri carbonizzati.
Tricia Thorpe House, North Lytton. Il villaggio si trova nelle alte e secche montagne dell’entroterra della Columbia Britannica, il che lo rende una calamita per incendi e smottamenti.(Reuters: Jennifer Gautier)

“A volte sono frustrato dalla mancanza di conoscenza e dal fatto che i residenti pensano che stiamo cercando di rendere impossibile la ricostruzione per loro”, ha detto il sindaco di Leighton Jan Boldermann.

“Possiamo diventare un modello net-zero di prima generazione”.

Il signor Bolderman ha affermato che i marciapiedi con pannelli solari – pannelli solari rinforzati invece dei marciapiedi sui marciapiedi della città – e l’energia eolica possono alimentare i lampioni e gli edifici municipali.

Aprire nuovi orizzonti

Nei tredici mesi successivi all’incendio sono stati fatti pochi progressi nel restauro, con solo un quarto della proprietà ripulita da ceneri e detriti.

Il consiglio locale sta ancora finalizzando i regolamenti edilizi per la sicurezza antincendio che, secondo loro, saranno i più completi in assoluto in Canada e renderanno Lytton la comunità meglio protetta del paese.

Questi nuovi regolamenti, basati sull’esperienza del Canadian National Research Council sullo sviluppo di comunità in aree soggette a incendi, coprono tutto, dai materiali da costruzione al paesaggio e alla manutenzione, fino a ciò che può essere immagazzinato nella proprietà.

Piccole pile di materiali da costruzione giacciono tra chiazze di terra bruciate su blocchi di cemento.
Resti di case e attività commerciali un anno dopo che un incendio ha distrutto il 90% degli edifici a Lytton.(Reuters: Jennifer Gautier)

Ci sono voluti mesi per finalizzare i regolamenti e per consultarsi con la comunità.

“Sono sicuro che se avessimo appena detto, ‘Portiamo le persone a casa al più presto’ sarebbe stato più veloce, ma poi potremmo trovarci nella stessa situazione in pochi anni”, ha detto Kelsey Winter. Presidente del Comitato BC FireSmart, un’organizzazione regionale che guida l’impegno della comunità a Lytton.

“Ci è voluto più tempo di quanto molte persone vorrebbero, ma Lytton sta aprendo nuovi orizzonti”.

Altre complicazioni gli hanno impedito di riprendersi. Le inondazioni da record di novembre hanno spazzato via le autostrade locali, anch’esse chiuse a intermittenza durante l’inverno per controllare le valanghe.

Inoltre, il villaggio si trova all’interno del territorio della Prima Nazione di Nlaka’pamux e i residenti devono condurre indagini archeologiche per verificare i manufatti originali prima della ricostruzione. Anche Lytton First Nation, parte di Nlaka’pamux, ha perso dozzine di case nell’incendio del 2021.

Limiti assicurativi

Circa il 60% dei residenti di Lytton non era assicurato o sottoassicurato, il che ha portato a ritardi nello sgombero del relitto poiché i residenti e le compagnie di assicurazione hanno lottato per vedere chi dovrebbe pagare. A marzo, la provincia ha dichiarato che avrebbe fornito 18,4 milioni di dollari canadesi per coprire la rimozione dei detriti, le indagini archeologiche e la bonifica del suolo.

READ  Gli Stati Uniti battono il record giornaliero di nuovi casi di Covid