Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia sta affrontando un’estate calda

L’Italia sta affrontando un’estate calda

Sono in corso i piani per una grande manifestazione antigovernativa a Roma il 1° giugno. La politica in Italia è eccezionalmente fratturata e richiede un’estate lunga e calda.

La celebrazione della Festa della Liberazione, organizzata a Milano il 25 aprile da 100.000 persone, ha fatto emergere divisioni nella sinistra e nel centrosinistra, con agitati manifestanti filo-palestinesi in competizione con la manifestazione ufficiale sotto la guida politica del dominante Partito Democratico.

In una situazione complicata dai provocatori con le bandiere della NATO, israeliana e ucraina, la leadership ufficiale è stata sfidata.

Come altrove in Italia, i manifestanti sono intervenuti sulla questione palestinese durante le celebrazioni del Giorno della Liberazione del 25 aprile e le sfilate del Primo Maggio. A Milano, bloccando l’arrivo del corteo ufficiale, attivisti solidali palestinesi hanno sfidato “coloro che incitano sentimenti antifascisti sostenendo o tollerando l’attacco a Gaza”.

Queste divisioni indicano un inasprimento dei dibattiti di sinistra, un fattore in gioco nella politica nazionale.

Giorgia Meloni è primo ministro dall’ottobre 2022, con Fratelli d’Italia (FdL), precedentemente marginale ma ora in ripresa, che sta stabilendo una nuova egemonia sulla destra.

Intitolare l’FdL – il successore della formazione fascista del dopoguerra – con il titolo dell’inno nazionale italiano è un aspetto del cambiamento strategico della destra italiana. Con Forza Italia del defunto magnate dei media Berlusconi notevolmente diminuita e la Lega populista di destra indebolita e i sondaggi sostengono il DdL, Meloni è la figura più potente del governo.

L’ambiguità calcolata e la retorica ricca di sfumature di Meloney hanno opportunamente confuso coloro che trovano la confusione a proprio agio.

Celebrare il 25 aprile come Festa della Liberazione in ogni piazza – una profonda divisione politica e ideologica dal Giorno della Liberazione – riformulando il discorso nazionale come un dispositivo adatto a elementi della società italiana che cercano la continuità capitalista nella politica di governo. .

READ  Kurzawa si allontana e gli Eagles puntano a una priorità in Italia

È più conveniente riformulare la FdL come un’organizzazione conservatrice e nazionalista, più o meno pienamente integrata nella politica parlamentare. A tal fine, Meloni ha concentrato i suoi sforzi, evitando attentamente di respingere la chiara eredità fascista, a partire dal predominio nella leadership del partito da parte dei veterani del Fronte della Gioventu, l’organizzazione giovanile del movimento sociale neofascista italiano. È emerso che la FdL.

La sua postura pubblica – rappresentare la presenza neofascista nella storia italiana del dopoguerra come un mero riflesso degli eventi storici – ha lo scopo strategico e ideologico di cancellare gli antifascisti che dominano la vita pubblica rappresentata dalla cerimonia di liberazione.

Va di pari passo con il tentativo di presentare la continua celebrazione della vittoria contro il fascismo come un atto che divide la nazione. Era una riproduzione dei temi comuni della reazione europea: un rinnovato anticomunismo, nazionalismo e individualismo etnico, politiche sociali patriarcali e misure repressive per controllare i conflitti sociali e di classe che caratterizzavano la moderna società italiana come tutti gli altri paesi capitalisti sviluppati.

Ma a livello economico, e nei rapporti con l’Unione Europea, la Banca Centrale Europea e Washington, il governo Maloney governa fedelmente secondo un paradigma neoliberista che include l’ortodossia economica e una continuità quasi completa con i regimi precedenti.

Questa ortodossia economica tardocapitalista – strettamente associata al predecessore della Meloni come primo ministro in Italia, Mario Draghi – è stata implementata con uno o due fioriture. Lo stimolo fiscale keynesiano del precedente governo per la costruzione e la ricostruzione è terminato e il “reddito di cittadinanza” che sosteneva il Movimento Cinque Stelle è stato abbandonato, spingendo una notevole quantità di poveri nella profonda povertà, in particolare nel sud.

Il percorso di Draghi – Lavori alla Banca Mondiale a Washington DC; Presidente del Tesoro italiano; Un incantesimo con Goldman Sachs; Il governatore della Banca d’Italia era allora a capo della Banca Centrale Europea prima di diventare primo ministro nel governo italiano di crisi del 2021-22, rendendolo un garante del neoliberismo sotto la maschera della stabilità.

READ  L'Italia è stata eliminata dal Campionato Europeo U21 U21

Il governo Meloni ha abbandonato la precedente ambivalenza calcolata della destra italiana nei confronti di Putin e si è impegnato a sostenere a tutto campo la posizione della NATO sulla guerra in Ucraina.

Naturalmente, l’entusiasta allineamento della Meloni alla NATO riflette il sostegno all’attacco israeliano a Gaza. Il diffuso ma attivo antisemitismo convenzionale nel discorso politico italiano di destra è necessariamente attenuato al servizio di questo allineamento, che certamente converge con la pratica anti-immigrazione e islamofobica che permea la politica italiana.

A Milano polizia e carabinieri hanno arrestato giovani nordafricani.

I cambiamenti costituzionali e le nuove leggi elettorali hanno indebolito l’elemento di proporzionalità nella politica parlamentare. Allo stesso tempo, il quasi collasso dell’ortodossia economica europea del Partito Democratico ha ridotto la sua opposizione all’orientamento principale della politica del governo, lasciando la destra intrappolata in un panorama molto più ristretto di questioni sociali. Attorno ad esso i mass media milionari hanno un buy-in straordinario.

Senza alcuna sfida ai principali pilastri della politica economica, le guerre culturali sono il terreno su cui la destra vuole competere con la sinistra e tutte le fazioni del reazionario condividono presupposti.

Nella destra italiana ci sono elementi potenti che ancora aderiscono alle tradizioni protezionistiche associate agli stati capitalisti industriali storicamente deboli. Considerata la particolare importanza delle piccole e medie imprese in Italia – che affrontano problemi specifici in un’economia globalizzata – queste idee sono costantemente aggiornate e contribuiscono in qualche modo alle idee anti-UE e anti-bancarie e delle grandi imprese. Alcuni reperti sono stati rinvenuti a Lega, il cui sito si trova a nord.

La lunga ombra dell’Unione Europea

L’umore della gente non è soddisfatto dell’andamento delle cose. Le lotte industriali, sociali e politiche abbondano a ogni livello della società italiana. La situazione dei giovani è particolarmente grave quando la protesta e la repressione sono caratteristiche costanti della vita nelle università italiane.

READ  L'eredità del sacerdote italiano mostra che nel cattolicesimo il passato non è mai passato

Esiste una situazione familiare agli osservatori britannici in cui – nella politica interna, nell’economia, nella politica estera e nella guerra – è difficile garantire la profondità di unità necessaria per ottenere un cambiamento profondo o un progresso nella politica adeguatamente rappresentativa.

Ai fatti di Milano, quando il capo dell’Unione nazionale locale dei partigiani italiani ha espresso un senso di solidarietà antifascista, ha espresso l’impossibilità di conciliare l’antifascismo di principio con la guerra imperialista, il razzismo e i crimini di guerra israeliani.

L’opposizione parlamentare, il Partito Democratico e le sue frange e il Movimento Cinque Stelle – e in larga misura le confederazioni sindacali “ufficiali” – non sono riusciti a mettere in discussione o a concepire i fondamenti esistenti della politica economica ed estera. Un’alternativa.

L’estrema sinistra, che è solo debolmente rappresentata in parlamento, è una forza ribelle, anche se frammentata, mentre ci sono segnali positivi di ribellione sindacale nella base dei leader sindacali ufficiali – nonostante la chiara sensazione che l’establishment politico italiano sta esprimendo le sue politiche di austerità. L’UE rimane vincolata a questi limiti – nel quadro del Patto di stabilità.

In un’audizione parlamentare, infatti, il segretario della Federazione CGIL Christian Ferrari ha avvertito che il ritardo del governo nella pubblicazione del Documento economico e fiscale, strumento chiave per la pianificazione economica, era chiaramente destinato a diffondere “cattive notizie” solo dopo le elezioni europee.

Egli ha avvertito che i ministri stanno progettando un nuovo “accordo di stabilità”. Territorio familiare!

Blog di Nick Wright 21 Centurymanifesto.wordpress.com.