Maggio 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Macedonia del Nord vota alle elezioni che metteranno alla prova le ambizioni dell’UE Notizie sulle elezioni

La Macedonia del Nord vota alle elezioni che metteranno alla prova le ambizioni dell’UE  Notizie sulle elezioni

L’attesa vittoria del partito nazionalista VMRO-DPMNE potrebbe aumentare le tensioni con i vicini dell’UE, Grecia e Bulgaria.

I macedoni del Nord si stanno recando alle urne per esprimere il loro voto nelle elezioni parlamentari e presidenziali che potrebbero mettere alla prova le ambizioni del paese balcanico di aderire all’Unione Europea.

Il voto di mercoledì arriva dopo che Gordana Siljanovska-Davkova del partito di destra VMRO-DPMNE ha ottenuto un chiaro vantaggio nel primo turno delle elezioni presidenziali tenutesi il mese scorso. Una vittoria del partito nazionalista aprirebbe la strada alle tensioni con le vicine Grecia e Bulgaria, minacciando di avere un impatto sui già lenti negoziati di adesione all’UE.

Il percorso della Macedonia del Nord verso l’adesione all’UE è iniziato nel 2005, ma la Grecia ha bloccato i progressi per anni a causa di una disputa sul nome del paese. Questo problema è stato risolto nel 2018 quando il paese ha aggiunto la parola “Nord” al suo nome.

Tuttavia, Hristijan Mickoski, capo del VMRO-DPMNE, che guida una coalizione di 22 partiti chiamata La tua Macedonia, rifiuta di riconoscere il nuovo titolo.

Mycoski ha anche promesso di mantenere una posizione dura con la Bulgaria sulle questioni linguistiche e storiche. Questo conflitto, in cui la Bulgaria chiede a Skopje di riconoscere una piccola minoranza bulgara, ha portato Sofia a far deragliare i negoziati di adesione all’UE.

Se il VMRO-DPMNE otterrà la maggioranza alle elezioni parlamentari, Mycoski diventerà probabilmente il prossimo primo ministro del paese.

Il Partito socialdemocratico di centrosinistra al potere ripone le sue speranze nell’apertura dei colloqui con l’Unione europea e nel compiacere la Bulgaria. Ha tentato di modificare la costituzione per riconoscere la minoranza bulgara, ma non disponeva dei numeri necessari per far passare la proposta in parlamento.

READ  Le navi della Marina neozelandese sono ferme mentre i "problemi di manodopera" influiscono sulle forze di difesa

“Queste elezioni determineranno praticamente il futuro della Macedonia – se ci stiamo muovendo verso una società progressista, verso l’Unione Europea, o se stiamo tornando a un’epoca in cui soffrivamo di isolamento e conflitti etnici”, ha avvertito l’ex Primo Ministro e capo del movimento socialdemocratico Dimitar. Kovacevskij.

Populismo forte

Tuttavia, il partito di sinistra, che attualmente guida il governo e vanta la presidenza, ha faticato a riprendere l’iniziativa dopo la pesante sconfitta al primo turno delle elezioni presidenziali, dove l’agenda populista di Mycoski ha dimostrato la sua forza.

Al primo turno del 24 aprile, Siljanovska-Davkova ha ottenuto il 40% dei voti, lasciando inaspettatamente Stevo Bandrovski al lontano secondo posto con il 19,9% dei voti.

I sondaggi d’opinione indicano che il VMRO-DPMNE dovrebbe vincere le elezioni parlamentari con un doppio margine.

“La vittoria è a portata di mano ed è il risultato di tutte le sofferenze e le umiliazioni che questo governo ha portato”, ha detto Mycoskie alla folla prima del voto.

Si è impegnato a creare decine di migliaia di opportunità di lavoro e a invertire la tendenza alla debole crescita economica e all’aumento dell’inflazione. Negli ultimi due decenni la Macedonia del Nord ha perso circa il 10% della sua popolazione a causa della migrazione.

Il capo del VMRO-DPMNE ha inoltre adottato un linguaggio sempre più aggressivo nei confronti del DUI – il più grande partito albanese del Paese – sollevando preoccupazione per le fragili relazioni etniche.

Nel 2001, la NATO ha tirato fuori con successo la Macedonia del Nord dall’orlo della guerra civile durante un’insurrezione etnica albanese, promettendo una più rapida integrazione nell’Unione Europea e nella NATO.

READ  Accoltellamento a Bristol: due ragazzi di 15 anni arrestati con l'accusa di omicidio

Il paese di 1,83 milioni di abitanti ha aderito all’alleanza militare nel 2020, ma cresce l’impazienza per i suoi lenti progressi verso l’adesione all’UE.