Giugno 15, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati scoprono il cranio di un predatore gigante molto prima che esistessero i dinosauri: ScienceAlert

Gli scienziati scoprono il cranio di un predatore gigante molto prima che esistessero i dinosauri: ScienceAlert

I dinosauri sono famosi per essere i predatori più terrificanti della preistoria, ma un teschio appena scoperto fa luce su una temibile bestia che dominava la Terra 40 milioni di anni prima che le prime “terribili lucertole” arrivassero sulla Terra.

Un fossile di 265 milioni di anni rinvenuto in Brasile rivela il più grande carnivoro del suo tempo, uno che vagava per la giungla alla ricerca di creature sfortunate da rosicchiare.

“Questo animale era una bestia dall’aspetto strano e doveva aver suscitato grande paura in qualsiasi cosa attraversasse il suo cammino.” Lui dice La paleontologa di Harvard Stephanie Pierce.

Un teschio fossilizzato quasi completo Pampafonus pikai È stato scoperto lungo circa 36 cm (14,2 pollici) con ossa scheletriche nelle vicinanze San Gabriele Nel sud del Brasile.

Pampafonos Si inserisce nel ramo iniziale dei terapsidi Testa allargataun importante gruppo di animali terrestri grandi e generalmente temibili che un tempo prosperavano T-Rex E colleghi. Non tutti i dinosauri però erano carnivori Pampafonos Certo che lo era.

“L’animale aveva zanne grandi e affilate adatte ad afferrare la preda.” Lui dice Felipe Pinheiro, paleontologo dell’Università Federale di Pampa (UNIPAMPA) in Brasile.

“I suoi denti e la struttura del cranio suggeriscono che il suo morso fosse abbastanza potente da masticare le ossa, proprio come le iene dei nostri giorni.”

Pampafonos Ha vissuto alla fine Permianoprima dell’evento di estinzione di massa – il più grande mai avvenuto – che spazzò via l’86% di tutte le specie animali sulla Terra.

READ  Le figure spettrali dei Pilastri della Creazione appaiono nella nuova immagine del telescopio Webb

“Il fossile è stato ritrovato nelle rocce del Permiano medio, in una zona dove le ossa non sono molto comuni, ma riservano sempre piacevoli sorprese”. Lui dice Primo autore Matthews A. Costa Santos, paleontologo dell’UNIPAMPA.

Fossili di altri decapodi sono stati precedentemente trovati in Russia e Sud Africa, ma… Pampafonus pikai È l’unica specie conosciuta del Brasile e il team afferma che si tratta di un fossile ben conservato”.Rivela nuovi caratteri precedentemente sconosciuti di questa specie“, poiché nel 2008 è stato ritrovato un teschio più piccolo.

“Alla ricerca di qualcosa di nuovo Pampafonos “Il teschio dopo molto tempo è stato estremamente importante per aumentare la nostra conoscenza dell’animale.” Lui dice Santos, “che in precedenza era stato difficile distinguere dai suoi parenti russi”.

Ricostruzione tecnica Pampafonus pikai. (Marcio Castro)

Pampafonos Sicuramente non è stato un compito facile. Questi animali erano enormi ad un’altezza di 3 metri (10 piedi) e avevano un peso massimo stimato a 400 chilogrammi (882 libbre).

Nell’ultimo decennio la stessa Regione ne ha fornito prova PampafonosPotenziale preda in entrata Piccoli rettili Rastodonte E il Anfibio enorme Konjokovia. Dimensioni enormi Pampafonos Fa sembrare entrambe le creature degli snack.

Pampafonos “Ha svolto lo stesso ruolo ecologico dei grandi felini moderni”, ha detto Pinheiro Lui dice. “Era il più grande predatore terrestre che conosciamo del Permiano del Sud America.”

Non è stata solo la sua taglia a farlo Pampafonos spicca. I loro teschi erano densamente costruiti, come molti decapitani, guadagnando al ramo il suo nome appropriato, che in greco significa “testa terribile”.

Cranio di un nuovo esemplare di Pampaphoneus biccai
Cranio di un nuovo esemplare di Pampaphoneus biccai. (Felipe Pinheiro)

Nuove informazioni rivelate dall’analisi di questo cranio portano i ricercatori a credere che la mascella attualmente non identificata provenga da una versione più grande e più povera di Pampafonus pikai. Il team afferma che sono necessari più fossili per confermare l’ipotesi, ma ciò potrebbe significare che la terribile testa che hanno appena studiato non appartiene nemmeno a un adulto.

READ  Il rischio di malattie cardiache aumenta con l'isolamento sociale e la solitudine: dai numeri

“La sua scoperta è fondamentale per fornire uno sguardo sulla struttura sociale degli ecosistemi terrestri prima della più grande estinzione di massa mai vista”, ha detto Pearce. Lui dice. “Una scoperta straordinaria che dimostra l’importanza globale dei reperti fossili del Brasile.”

La ricerca è stata pubblicata in Giornale zoologico della Linnean Society.