Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ecco cosa ha imparato finora il nuovo rover su Marte

Ecco cosa ha imparato finora il nuovo rover su Marte
Ingrandire / Il vampiro planetario Perseverance si fa un selfie utilizzando due fori modello.

È facile darlo per scontato, ma in questo momento stiamo vagando per il pianeta alieno Marte.

L’abbiamo già fatto molte volte, certo, ma rimane una delle conquiste tecnologiche più impressionanti dell’umanità. Il rover più recente che continua la nostra presenza sul pianeta rosso è Perseverance, la stella del pianeta Martedì 2020 La missione, lanciata nel luglio di quell’anno ed atterrata nel febbraio 2021.

Ora è impegnato in tournée da oltre due anni. Novità Quello che scopriamo – oltre il ruscello le immagini– Tende a presentarsi in parti separate che, in caso contrario, potrebbero essere più difficili da comunicare Seguire attentamente. Considera questo riepilogo grandangolare.

Come altri rover, Perseverance è ricco di strumenti scientifici. Contiene fotocamere di diversi tipi utilizzate nell’imaging generale e nella spettroscopia in grado di identificare i metalli. Quest’ultima funzione è completata da un ulteriore strumento radiografico. Perseverance dispone anche di uno strumento radar che penetra nel terreno in grado di rivelare strati nascosti sotto la superficie. In modo più invasivo, all’estremità del braccio robotico del veicolo è presente un trapano. Viene utilizzato per macinare punti puliti (quelli che i geologi chiamano “freschi”) per l’analisi, ma può anche estrarre piccoli campioni cilindrici Campioni di roccia– Si spera che venga recuperato e riportato sulla Terra in una missione futura.

Ma non è solo questione di rocce. Ha perseveranza tempo atmosferico Un’unità che tiene traccia delle condizioni meteorologiche e della polvere sospesa nell’aria. E ha un’amica – Elicottero creativo Ha superato significativamente il suo obiettivo di beta testing e lo è Sto ancora volando In breve, saltiamo per tenere il passo con il rover.

READ  La galassia più debole dell'universo primordiale

Questa missione è stata condotta nel cratere Jezero, che è stato scelto perché il suo bordo è ricoperto da rocce simili al delta di un fiume, suggerendo che l’acqua corrente potrebbe aver incontrato un lago qui in passato. È l’ambiente ideale per studiare la storia dell’acqua su Marte e la possibilità di vita ad essa associata. C’è solo un certo limite alla scienza che puoi fare dall’orbita. Per districare le prove forensi che rimangono qui, devi scendere a terra.

Prima tappa: il buco

I primi anni su Marte furono trascorsi esplorando il fondo del cratere Jezero. Il tipo di rocce che si potevano trovare qui era alquanto misterioso dall’orbita. C’era chiaramente della roccia ignea, proveniente dal magma vulcanico o da una pozza fusa creata dall’impatto del meteorite che ha formato il cratere. Ma alcuni si aspettavano anche di vedere rocce sedimentarie che segnavano il fondo di un lago che il cratere chiama casa.

Si è scoperto che si trattava semplicemente di basalto igneo sotto una coltre di polvere portata dal vento, e tutti i sedimenti sul fondo del lago che si trovavano qui devono essere stati erosi molto tempo fa. Potresti pensare che sia deludente – come se la tomba del faraone fosse già stata ripulita dai tombaroli – ma in realtà questo è uno dei migliori look che abbiamo mai ottenuto del substrato roccioso vulcanico di Marte. Le spedizioni hanno spesso preso di mira sacche di rocce sedimentarie prominenti, lasciando esposti solo frammenti sparsi delle rocce ignee più comuni.

I meteoriti marziani che troviamo sulla Terra, staccatisi dal Pianeta Rosso durante eventi di grande impatto, ci forniscono solo pezzi letterali del quadro generale. Se riuscissimo a riportare indietro gli otto campioni di roccia raccolti dal fondo del cratere, questa opportunità di camminare attorno a una base di roccia ignea intatta potrebbe rispondere a molte delle domande sollevate dai meteoriti.

READ  Il rapporto afferma che le maschere di stoffa potrebbero non proteggere dall'omicron

In questo caso, Il team scientifico era diviso Le rocce del fondo del cratere che hanno osservato sono divise in due strati principali. La parte superiore, chiamata Formazione Maz, sembra essere stata formata da lava. Alcune parti mostrano una struttura simile alla lava rugosa (o “simile a una corda”) che vediamo alle Hawaii. In altre aree, le rocce emergono dalla polvere rossa in poligoni piatti che ricordano i pavimenti dei giardini, o in blocchi più lunghi, grandi quanto massi.

La Formazione Séítah inferiore è distinta in termini di consistenza e mineralogia. Si distingue dall’ambiente circostante per i suoi strati sottili e i cristalli visibili e strettamente allineati. Mentre le rocce Maz contengono molto feldspato, le rocce Seta sono invece dominate dall’olivina.

Così lo chiamano i geologi.Accumulare“…l’equivalente fuso del sedimento sabbioso nella tua tazza di caffè. Poiché minerali diversi cristallizzano a temperature diverse (sì, la roccia fusa ha un punto di congelamento), minerali come l’olivina che cristallizzano precocemente possono depositarsi sul fondo di un corpo di magma e accumularsi. Sulla Terra, questo modello può essere visto nelle camere magmatiche che si sono raffreddate nel sottosuolo o in qualche lava sufficientemente spessa.