Aprile 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati hanno creato embrioni umani artificiali. Ora dobbiamo considerare i dilemmi etici e morali

Gli scienziati hanno creato embrioni umani artificiali.  Ora dobbiamo considerare i dilemmi etici e morali

I ricercatori hanno creato embrioni umani artificiali utilizzando cellule staminali modalità rapporti. Sorprendentemente, questi embrioni sono stati creati da cellule staminali embrionali, il che significa che non richiedono spermatozoi e ovuli.

Lo sviluppo, ampiamente pubblicizzato come una svolta che potrebbe aiutare gli scienziati a saperne di più sullo sviluppo umano e sui disturbi genetici, è stato presentato questa settimana a Boston al incontro annuale Dalla Società Internazionale per la Ricerca sulle Cellule Staminali.

La ricerca, annunciata dalla professoressa Magdalena Cernica Goetz dell’Università di Cambridge e Caltech, non è stata ancora pubblicata su una rivista peer-reviewed. Ma ernicka-Goetz ha detto all’incontro che questi embrioni simili a quelli umani sono stati creati riprogrammando cellule staminali embrionali umane.

Quindi cosa significa tutto questo per la scienza e quali problemi etici presenta?



Per saperne di più: Il primo “feto artificiale” al mondo: perché questa ricerca è più importante di quanto si pensi


Cosa hanno fatto i ricercatori?

Ciascuno di questi embrioni umani artificiali viene creato da una singola cellula staminale. Żernicka-Goetz ha descritto come il suo team ha fatto crescere embrioni artificiali fino a una fase di sviluppo chiamata “gastricolazione”, una fase appena oltre il limite di sviluppo dell’embrione umano di 14 giorni.

L’attuale limite legale per quanto tempo un embrione umano può svilupparsi in laboratorio è di 14 giorni.

Questo è approssimativamente il periodo di tempo dalla fecondazione dell’ovulo all’impianto nella parete uterina, se il concepimento è avvenuto all’interno di un utero umano.

Pertanto, agli embrioni artificiali è stato permesso – per la prima volta – di svilupparsi oltre questo punto.

All’inizio, la regola dei 14 giorni era sia un limite morale che pratico; Gli scienziati non avevano la tecnologia per mantenere in vita gli embrioni per molto più tempo.

Ma l’International Society for Stem Cell Research 2016 Linee guida È stato anche suggerito che il limite di 14 giorni fosse eticamente appropriato, poiché dopo questo punto le cellule all’interno dell’embrione iniziano a differenziarsi per formare importanti sistemi corporei come l’intestino, il cervello e i polmoni.

Società internazionale per la ricerca sulle cellule staminali Aggiornato al 2021 Linee guida Ora diciamo che dovremmo rivedere la regola dei 14 giorni, mediante un dibattito pubblico, forse per consentire in alcuni casi la ricerca sugli embrioni più tardi nello sviluppo.

da quello che era menzionato Informazioni su Żernicka-Goetz e sulla ricerca del suo team La creazione di embrioni artificiali simili a quelli umani è un progresso importante.

Sorprendentemente, inoltre, sembrano comportarsi, evolutivamente, come un feto umano in qualche modo.

Żernicka-Goetz ha riferito che i feti simili a quelli umani hanno iniziato a sviluppare una placenta e un sacco vitellino, ma non un cuore pulsante o un cervello iniziale.

Nonostante il ruolo della placenta in gravidanza e la sua importanza per la salute della madre e del feto, non sappiamo molto di questa questione vitale ma temporanea. membro.

Se la placenta potesse essere monitorata in laboratorio tramite questi feti artificiali, potrebbero derivarne preziose conoscenze.

Dilemmi morali

Tuttavia, proprio come esistono reali possibilità di acquisire conoscenza da embrioni umanoidi artificiali, esistono anche reali dilemmi etici.

Uno di questi dilemmi sorge sul fatto che la loro creazione ci allontani davvero dall’utilizzo di embrioni umani.

Robin Lovell-Badge, presidente di biologia delle cellule staminali e genetica dello sviluppo presso il Francis Crick Institute di Londra, Regno Unito, sarebbe Egli ha detto Che se questi embrioni umanoidi fossero davvero in grado di modellare lo sviluppo umano nelle prime fasi della gravidanza, non dovremmo usare embrioni umani per la ricerca.

Al momento non è chiaro se sia così per due ragioni.

Innanzitutto, gli embrioni sono stati creati da cellule staminali embrionali umane, quindi sembra che abbiano ancora bisogno di embrioni umani per crearli. Forse si farà più luce su questo quando verrà pubblicata la ricerca di Zernicka-Goetz.

In secondo luogo, ci sono domande sulla misura in cui questi embrioni simili all’uomo possono modellare lo sviluppo umano.

Attualmente, i modelli animali di embrioni artificiali simili indicano che non sono in grado di svilupparsi in un organismo completo. studi Topi e scimmie hanno finora dimostrato che gli embrioni artificiali muoiono poco dopo l’impianto nell’utero di una femmina, il che significa che non sono vitali.

Potrebbero esserci limiti significativi all’utilità di questi embrioni artificiali nell’apprendimento dei problemi dello sviluppo umano, se gli embrioni artificiali di tipo umano non sono in grado di svilupparsi in bambini umani a tutti gli effetti e non costituiscono strutture importanti del corpo come un battito cuore e cervello.

Uno dei motivi per cui i ricercatori vogliono utilizzare questi embrioni è per la ricerca sull’aborto spontaneo e sulle anomalie dello sviluppo. Questo è molto importante, ma questi embrioni sintetici saranno “abbastanza vicini” ai veri embrioni umani per rivelare risposte utili?

Gli scienziati possono ancora fare affidamento sull’utilizzo di embrioni umani se abbiamo bisogno di embrioni umani per creare questi modelli, o se ci sono domande di ricerca che questi embrioni sintetici non possono affrontare.

È moralmente ammissibile?

Questo ci lascia con l’importante questione etica se gli embrioni umani debbano essere usati per la ricerca.

Inoltre, se gli embrioni artificiali simili a quelli umani possono svilupparsi in organismi a tutti gli effetti, dobbiamo considerare se sia eticamente lecito crearli esclusivamente per il bene della ricerca.

Al momento potrebbero non essere in grado di svilupparsi oltre il limite di 14 giorni.

Gli scienziati possono decidere che questo è un problema che deve essere risolto, in parte per ragioni pratiche sui limiti della sua utilità. Gli scienziati possono quindi riparare questi embrioni artificiali in modo che possano continuare a svilupparsi. Tuttavia, ciò creerebbe un enorme dilemma etico.

Dovremmo pensare attentamente se sia etico creare organismi umanoidi solo per condurre ricerche su di essi.



Per saperne di più: I ricercatori hanno coltivato “embrioni umani” dalle cellule della pelle. Che cosa significa, ed è etico?


READ  Un aereo con 72 persone a bordo, tra cui un australiano, precipita in Nepal