Aprile 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La tortura da parte delle forze russe in Ucraina può essere una politica statale: Nazioni Unite | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

La tortura da parte delle forze russe in Ucraina può essere una politica statale: Nazioni Unite |  Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura, Alice Gail Edwards, ha affermato che l’uso diffuso della tortura da parte delle forze russe sembra essere deliberato.

Un esperto delle Nazioni Unite ha affermato che i rapporti sull’uso diffuso della tortura da parte delle forze russe in Ucraina potrebbero indicare che i gravi abusi dei prigionieri di guerra e dei civili ucraini sono “autorizzati dallo stato” da Mosca.

La relatrice speciale delle Nazioni Unite sulla tortura, Alice Gail Edwards, ha dichiarato giovedì di essere allarmata da “rapporti e testimonianze” che sembrano indicare che le forze russe in Ucraina “infliggono continuamente e deliberatamente gravi dolori e sofferenze fisiche e psicologiche” a civili e prigionieri militari. .

“Le presunte pratiche includono scosse elettriche, percosse, incappucciamenti, finte esecuzioni e altre minacce di morte”, ha dichiarato Edwards in una nota.

“Se stabilito, potrebbe anche equivalere a un modello di tortura sanzionato dallo stato”, ha detto.

Il relatore delle Nazioni Unite ha affermato in una dichiarazione: “La coerenza e i metodi della presunta tortura indicano” un livello di coordinamento, pianificazione e organizzazione, nonché autorizzazione diretta, politica deliberata o tolleranza ufficiale da parte delle autorità superiori”.

Edwards ha detto che lei e altri esperti di diritti delle Nazioni Unite avevano espresso le loro preoccupazioni in una lettera a Mosca.

“La tortura è un crimine di guerra e la pratica sistematica o diffusa della tortura costituisce un crimine contro l’umanità”, ha affermato Edwards, avvertendo che “l’obbedienza a un ordine superiore oa una direttiva politica” non può essere utilizzata per giustificare la tortura dei prigionieri.

“Qualsiasi persona coinvolta deve essere prontamente indagata e perseguita”, ha affermato.

Coloro che sono stati presumibilmente torturati sono stati spesso detenuti in “condizioni gravemente inadeguate” in strutture gestite dalle forze russe all’interno dell’Ucraina.

READ  Gabi Pettito: l'autopsia di Brian Laundry inconcludente dopo il ritrovamento del corpo

L’esperto delle Nazioni Unite ha affermato che coloro che hanno riferito di aver subito torture russe in Ucraina hanno subito lesioni fisiche e psicologiche, inclusi danni agli organi interni, fratture e fratture ossee, nonché allucinazioni, menomazioni sensoriali, ictus ed esacerbazioni di malattie croniche.

“Più a lungo la guerra continua, più emergeranno segnalazioni di torture e altri trattamenti disumani”, ha detto Edwards, che prevede di condurre una missione conoscitiva in Ucraina entro la fine dell’anno.

“Esorto vivamente le autorità competenti a garantire che i civili e i prigionieri di guerra siano protetti e trattati con umanità in ogni momento”, ha aggiunto.