Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I combattenti israeliani di Hamas Rami Davidian e Mortesse Shenwald visitano l'Italia

L'ultima volta che sono partita da Milano c'era la guerra in Israele e stavo tornando con i miei figli perché mio marito era partito tanto tempo fa per rientrare nell'esercito l'8 ottobre.

Nonostante il tremore e l’ansia, desideravo tornare a casa – nella mia casa di Gerusalemme, da mia moglie, nella mia terra, tra la mia gente sofferente, piangente e ferita, anche se il mio polso batteva forte e scoppiavo in lacrime. I miei occhi e la mia aria erano tesi quando l'aereo atterrò.

Sei mesi dopo, ero di nuovo seduto su un aereo. Ero sopraffatto dall'eccitazione quando la hostess dell'El Al mi ha chiesto di raddrizzare il sedile mentre eravamo pronti per l'atterraggio. Stavo tornando in Italia, il mio paese natale, dai miei genitori, come un eroe, per essere israeliano e per aver vissuto quegli intensi mesi di guerra.

Ma ho portato con me due veri eroi che avrebbero raccontato le loro storie di coraggio e sopravvivenza a una folla affamata di ebrei italiani che desideravano ascoltare, vedere, abbracciare e ascoltare le loro testimonianze.

Eroi del 7 ottobre

Quando le ruote dell'aereo toccarono il suolo italiano, mi girai a guardare Rami Davidian, che era seduto accanto a me, ancora incredulo di essere venuto con me fino a Milano per raccontare la sua storia.

L'agricoltore israeliano Rami Davidian, che ha salvato centinaia di giovani israeliani dall'Olocausto, partecipa alla conferenza annuale del gruppo “Pesheva” a Gerusalemme il 26 febbraio 2024. Foto di Yonatan Shintel/Flash90 (Credito: Yonatan Shintel/Flash90)

Avevamo programmato da tempo una serata con la comunità ebraica italiana e lo Chabad di Milano, che stavano collaborando insieme a questo incredibile evento: “Am Essad, Lev Essat; Un cuore, un'anima.” Ho potuto vedere l'eccitazione negli occhi di Rami. Era pronto a condividere la sua storia e mostrare al mondo la forza e la resilienza del popolo israeliano.

RAMI DAVIDIAN è una celebrità in Israele e non appena ho sentito la sua storia ho capito che volevo incontrarlo. Ho preso il mio gruppo e sono andato a Moshav, vicino al confine con Gaza, dove vive con moglie e figli. Una casa bella e accogliente, piena di luce e calore, farà da cornice alla nostra intervista.

Quando Rami e io abbiamo iniziato a parlare, ho detto alla troupe di tenere la telecamera sempre accesa. Volevo catturare ogni emozione e ogni parola.

READ  Voli per Cuba: Neos collega Cayo Largo del Sur e l'Italia

Rami ha raccontato che si stava preparando a lasciare la casa nelle prime ore del 7 ottobre per partecipare alla cerimonia funebre di suo padre a Simchad Torah nella sinagoga. Quando iniziarono a suonare le sirene, la moglie lo avvertì di non andarsene perché c'erano dei razzi nel cielo. Tuttavia se ne andò e quel giorno cambiò per sempre la sua vita. Da quella mattina presto fino a tarda notte Rami si è trovato in missione per salvare quante più vite possibile.

A sua insaputa, si trovò in una situazione inimmaginabile e divenne un eroe. Quando ha sentito che un uomo del partito Supernova stava aiutando tutti a trovare o aspettare di trovare i propri figli, genitori, famiglie e persone care, Rami ha voluto il numero di telefono di quest'uomo più di ogni altra cosa.

Ha contattato suo genero nel Moshav Batish e gli ha detto di preparare i residenti a ricevere l'arrivo delle persone spaventate, ferite e depresse della festa.

Le azioni eroiche di Rami Davidian durante la missione di salvataggio non erano rare. La sua capacità di utilizzare servizi di localizzazione mobile, la sua fluidità in arabo e la sua rapidità di pensiero sotto pressione hanno salvato molte vite e hanno impedito ulteriori tragedie.

Le scene di orrore e brutalità affrontate da Rami durante la missione di salvataggio sono state scioccanti, ma il suo incrollabile impegno nel salvare vite umane non ha mai vacillato. La sua capacità di rimanere calmo e strategico in situazioni così terribili la dice lunga sul suo carattere e sulla sua forza.

Il secondo eroe che si unisce alla nostra squadra Hasbara (PR) a Milano è Mortesse Schönwald, un soldato ferito dal nemico a Gaza. La sua unità è stata una delle prime ad entrare nella Striscia di Gaza, è stato colpito da colpi di arma da fuoco e ha riportato la frattura di 11 costole. Mordechay è stato portato in ospedale, dove è rimasto per quasi tre mesi.

Durante il suo soggiorno, ogni volta che poteva, cominciò a suonare il violino per tutti e divenne “il violinista della vasca”. Lo zio di Mordezai era un combattente nella guerra del 2015 conosciuta come Intifada. È stato ucciso in azione e suo genero è stato aggredito e ferito quasi nello stesso posto, da qualche parte a Gaza.

READ  Saipem si aggiudica la commessa offshore E&C in Italia

Tutto è stato perfetto per la nostra serata programmata. Dopo un video mozzafiato che racconta le loro storie coraggiose, i nostri eroi sono entrati nel loro palcoscenico tradizionale. Ora che eravamo pronti per l’evento, anche se lo avevo immaginato tante volte nella mia testa, stavo andando fuori di testa.

La nostra prima destinazione a Milano è stata il ristorante Carmel Pizza, dove siamo stati accolti calorosamente, accompagnati al nostro tavolo e ci è stato offerto gratuitamente tutto ciò che volevamo dall'intero menu! Mordechay ha mangiato una bella pizza e Rami ha mangiato un vero pasto a base di spaghetti. Durante il nostro soggiorno a Milano, cibo per eroi è stato servito da tutti i locali kosher come Baghetto, Denzel e MyCafe, uno sforzo encomiabile.

Prima di salire sul palco mi guardavo allo specchio e pregavo che andasse tutto bene. L'auditorium era gremito e sbirciando dietro il sipario ho notato alcuni amici e un buon mix di italiani, Sabbatnik ed ebrei sefarditi. Tutti volevano partecipare all'evento.

Le tende si aprirono e mi sedetti sul palco dietro una scrivania, fingendo di scrivere sul mio computer e potevi sentire i miei pensieri correre nella mia testa. “Stasera fa freddo. Mi chiedo come se la passino i soldati a Gaza. Cos'è quel suono che sento? Dovrei avere paura? E se dovessi scappare? E se ci fosse una sirena? E se irrompessero in casa mia e spaventassero i miei figli?

Queste sono le domande che occupano tutti noi in questi tempi difficili. La folla era silenziosa. Ho cercato di portarli nella psiche di ogni donna che attualmente vive in Israele, nella loro paura del miluim (servizio di riserva attiva), nel dormire nei letti dei loro figli e nel sentirsi così vulnerabili e sole dal resto del mondo.

Ho finito la mia scena, mi sono messo una giacca bianca, ho controllato il mio rossetto e sono tornato sul palco, pronto per iniziare la serata e salutare tutti con unità e amore. Quando è iniziato il primo video su Rami, il silenzio nella grande sala si è trasformato in un rumore insopportabile. Quando la sua straordinaria storia giunse al termine, sembrava che nessuno potesse respirare. Sono tornato sul palco e ho presentato Rami al pubblico, che si è alzato e ha continuato ad applaudirlo. Passò attraverso la folla; Tutti volevano vederlo.

READ  Il velocista di Geelong Oisin Mullin vola in Italia per il matrimonio della sorella prima del successo contro Brisbane

Come quando il Mar Rosso si divideva, Egli passò nel mezzo e camminò sulla piattaforma, si rivolse al popolo e cominciò a piangere. Stavo trattenendo le lacrime; Non potevo parlare. Ho condotto Rami alle due sedie pronte per noi e ho provato ad avviare una piccola intervista, facendogli domande in ebraico e traducendole in italiano, ma la mia voce tremava per l'emozione.

Mortesse è poi salito sul palco per offrire una straordinaria interpretazione del passaggio più drammatico delle Quattro Stagioni di Vivaldi. Ha suscitato applausi da parte del pubblico che non lo aveva mai conosciuto come altro che un violinista di talento. Ma a tutti è stato mostrato un altro video, questa volta sulla sua straordinaria storia. Tornò sul palco, davanti al pubblico, che era, ed è tuttora, il loro violinista: un altro eroe.

Chi siamo: una nazione di eroi che provano sentimenti l'uno per l'altro, anche se non ci conosciamo. Il senso di unità e di amore provato in quella stanza in quel momento è qualcosa che non dimenticherò mai.

Possa Hashem proteggerci, restituire gli ostaggi alle loro famiglie, tenere i nostri soldati al sicuro e possiamo noi qualificarci per la manifestazione finale della vera pietà oggi.

Amen. 

La scrittrice di origine italiana vive a Gerusalemme con il marito e quattro figli. È a capo della Hadassane Productions e conduce un talk show settimanale su Arutz Sheva.