Dicembre 2, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli animali parlano. che cosa significa?

Gli animali parlano.  che cosa significa?

Toshitaka Suzuki, etologo dell’Università di Tokyo e sedicente linguista animale, un giorno ha trovato un modo per distinguere le chiamate intenzionali da quelle involontarie mentre si faceva la doccia in bagno. Quando abbiamo parlato tramite Zoom, mi ha mostrato la foto di una soffice nuvola. “Se senti la parola ‘cane’, potresti vedere un cane”, ha sottolineato mentre fissavo la massa bianca. “Se senti la parola ‘gatto’, probabilmente vedi un gatto.” Disse che questo rappresentava la differenza tra una parola e un suono. “Le parole influenzano il modo in cui vediamo le cose”, ha detto. “Sembra di no.” Utilizzando studi sulla riproduzione, Suzuki ha determinato che le cince giapponesi, uccelli canori che vivono nelle foreste dell’Asia orientale e che ha studiato per più di 15 anni, Fa un suono speciale Quando incontrano i serpenti. Quando altre tette giapponesi sentirono la registrazione del suono, che Suzuki chiamò il richiamo del “lanciatore”, frugarono il terreno, come se cercassero un serpente. Ha aggiunto che si trattava di determinare se la parola “jar jar” significa “serpente” in giapponese Un altro elemento dei suoi esperimentiUn bastone lungo otto pollici, che trascina sulla superficie di un albero usando fili nascosti. Suzuki scoprì che gli uccelli di solito ignoravano il bastone. Secondo lui era una nuvola passeggera. Ma poi ha riprodotto una registrazione della chiamata del “lanciatore”. In questo caso il bastone sembrava assumere un nuovo significato: gli uccelli si avvicinavano al bastone, come per verificare se si trattasse effettivamente di un serpente. Come una sola parola, la chiamata “jar jar” ha cambiato la loro percezione.

READ  Gli astronauti finiscono di installare un pannello solare pieghevole durante una passeggiata spaziale da record

Cat Hobbiter, un primatologo dell’Università di St Andrews che lavora con le grandi scimmie, ha sviluppato un metodo altrettanto preciso. Poiché le grandi scimmie sembrano avere un repertorio di vocalizzazioni relativamente limitato, Hopayter ne ha studiato i gesti. Per molti anni, lei e i suoi colleghi hanno seguito gli scimpanzé nella foresta di Budongo e i gorilla a Bwindi, in Uganda, registrando i loro gesti e il modo in cui gli altri rispondevano. “Fondamentalmente, il mio lavoro è alzarmi la mattina e prendere gli scimpanzé quando escono dall’albero, o i gorilla quando escono dal nido, e passare la giornata con loro.” lei mi ha detto. Dice di aver registrato finora circa 15.600 casi di scambio di gesti tra scimmie.

Per determinare se questi gesti sono involontari o intenzionali, utilizza un metodo adattato dalla ricerca condotta sui neonati. Habiter cerca segnali che innescano quello che lei chiama un “risultato apparentemente soddisfacente”. Il metodo si basa sulla teoria secondo cui i segnali involontari continuano anche dopo che gli ascoltatori ne comprendono il significato, mentre i segnali intenzionali terminano quando il mittente del segnale si rende conto che l’ascoltatore ha compreso il segnale. Questa è la differenza tra il pianto costante di un bambino affamato dopo che i suoi genitori sono andati a prendere una bottiglia, e le mie suppliche di versarmi del caffè, che si fermano non appena inizi a prendere la caffettiera, spiega Habiter. Per cercare uno schema, dice che lei e i suoi ricercatori hanno esaminato “centinaia di casi, dozzine di gesti, individui diversi che usavano lo stesso gesto in giorni diversi”. Finora, l’analisi del suo team si è limitata agli scambi videoregistrati che abbracciano 15 anni Decine di gesti da scimmia Il che porta a “risultati apparentemente soddisfacenti”.

READ  Il mistero irrisolto dell'origine della vita: una nuova strategia

Questi gesti possono essere chiari anche a noi, anche se meno della nostra consapevolezza. Habiter ha applicato la sua tecnica a bambini preverbali di 1 e 2 anni, monitorandoli per registrare i loro gesti e il modo in cui influenzavano gli altri che erano attenti, “come se fossero piccole scimmie, cosa che fondamentalmente sono”, dice. Ha anche pubblicato online brevi video dei gesti delle scimmie e ha chiesto ai visitatori adulti che non avevano trascorso del tempo con le grandi scimmie di indovinare cosa pensavano significassero. L’ho trovato pre-verbale I bambini umani usano almeno 40 o 50 gesti Dal repertorio delle scimmie, gli adulti indovinavano correttamente il significato dei gesti delle scimmie videoregistrati ad un ritmo “molto più alto di quanto ci si sarebbe aspettato per caso”, hanno riferito Hobaiter e Kirsty E. Graham, un ricercatore post-dottorato nel laboratorio Hopeter, ha scritto in un articolo di PLOS Biology del 2023.

La ricerca emergente sembrerebbe suggerire che non c’è nulla di molto speciale nel linguaggio umano. Altre specie usano segnali intenzionali simili a parole proprio come noi. Alcuni, come le tette giapponesi e i chiacchieroni, sono noti per combinare segnali diversi per creare nuovi significati. Molte specie vengono trasmesse socialmente e culturalmente, soddisfacendo quello che potrebbe essere un requisito fondamentale per un sistema di comunicazione organizzato come il linguaggio. Tuttavia, rimane una verità ostinata. Le specie che utilizzano caratteristiche del linguaggio nella loro comunicazione hanno poche evidenti somiglianze geografiche o evolutive. Nonostante anni di ricerca, nessuno è riuscito a scoprire un sistema di comunicazione con tutte le caratteristiche del linguaggio in nessuna specie diversa dalla nostra.