Novembre 27, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati collegano l’esercizio fisico intenso e il rischio di MND in alcune persone | ricerca medica

I ricercatori affermano che un regolare esercizio fisico faticoso aumenta il rischio di malattia del motoneurone (MND) nelle persone geneticamente predisposte alla condizione.

Scienziati in Università di Sheffield trovato una relazione causale tra l’attività fisica ad alta intensità e l’interruzione tra coloro che sono già a rischio per la malattia.

Ritengono che questo lavoro rappresenti un passo importante verso la comprensione della relazione tra l’esercizio fisico intenso, che può contribuire alla lesione del nervo motorio in alcune persone, e la malattia neurodegenerativa, che colpisce circa 5.000 persone nel Regno Unito.

“Sospettavamo da tempo che l’esercizio fosse un fattore di rischio per la MND, ma fino ad ora questa associazione è stata considerata controversa”, ha affermato il dott. Jonathan Cooper-Knock, neurologo a Sheffield. “Questo studio conferma che in alcune persone, l’esercizio intenso e ripetitivo aumenta il rischio di MND”.

Il rischio nel corso della vita di sviluppare MND è di circa 1 su 400, ma studi precedenti hanno indicato che è sei volte maggiore nei giocatori di calcio professionisti rispetto alla popolazione generale. Un certo numero di importanti atleti britannici hanno condiviso la loro esperienza con MND negli ultimi anni, tra cui Rob Burrow della Rugby League, Doddie Weir della Rugby Union e il calciatore Stephen Darby.

I ricercatori di Sheffield sottolineano che la stragrande maggioranza delle persone che fanno esercizio fisico intenso non sviluppa la MND e che il loro prossimo passo è sviluppare test che identifichino quelli più a rischio.

Scrivere sulla rivista EBioMedicinaGli scienziati hanno descritto come hanno analizzato i dati del progetto Biobank del Regno Unito, che contiene informazioni dettagliate sui geni e sullo stile di vita di mezzo milione di persone. Hanno scoperto che le persone che avevano un corredo genetico che le rendeva più propense a fare esercizio fisico intenso avevano anche maggiori probabilità di sviluppare la MND.

READ  Per evitare una reazione allergica, ha trascorso quattro ore a ricevere piccole dosi del vaccino COVID

Con un esercizio vigoroso, i livelli di attività di diversi geni associati alla condizione sono cambiati, mentre gli individui con una mutazione che rappresenta il 10% della MND hanno sviluppato la malattia prima se hanno partecipato a un regolare esercizio fisico ad alta intensità.

La professoressa Dame Pamela Shaw, direttrice dell’Istituto di neuroscienze di Sheffield, ha dichiarato: “È chiaro che la maggior parte delle persone che fanno esercizio fisico faticoso non sviluppa una lesione del nervo motorio ed è necessario più lavoro per identificare gli esatti fattori di rischio genetici coinvolti”.

“L’obiettivo finale è identificare i fattori di rischio ambientale che possono predisporre alla MND, per informare la prevenzione delle malattie e le scelte di stile di vita”.

La MND, nota anche come sclerosi laterale amiotrofica, colpisce i nervi del cervello e del midollo spinale. Con il progredire della malattia, i messaggi dai nervi vengono interrotti e alla fine smettono di raggiungere i muscoli, causandone l’irrigidimento e il deperimento. La malattia può compromettere significativamente la capacità delle persone di muovere gli arti, parlare, mangiare e respirare. Mentre circa il 10% dei casi è ereditario, il resto è causato da una complessa interazione tra geni e ambiente.