Agosto 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Eventi (Reuters) – La carenza di persone e materiali potrebbe rallentare la transizione energetica – CEO di Enel

L’amministratore delegato e CEO del Gruppo Enel Francesco Starace posa durante l’evento Reuters Breakingviews Predities 2018 a Milano, Italia, 31 gennaio 2018. REUTERS/Alessandro Garofalo/File Photo

MILANO (Reuters) – Il principale limite al ritmo della transizione energetica per i principali fornitori di energia come la più grande utility europea Enel (ENEI.MI) è la mancanza di personale e materiali di base, ha detto a Reuters l’amministratore delegato Francesco Staras. .

Il gruppo italiano è la più grande società di energia rinnovabile quotata al mondo misurata in base alla capacità installata e prevede di spendere 150 miliardi di euro (178,76 miliardi di dollari) dei propri soldi per quasi triplicare la propria capacità di proprietà a 120 gigawatt e ridurre le emissioni di carbonio dell’80% entro il 2030.

In un’intervista alla Global Energy Transition Conference di Reuters, Staras ha affermato che mentre sarebbe possibile finanziare un piano di transizione più rigoroso, i vincoli di capacità renderebbero difficile una crescita più rapida.

“Il vero limite sono le persone… e la mancanza di materie prime”, ha detto. “Quante persone puoi radunare e formare… per farlo bene, motivarle e mantenerle tutte?”

Ha affermato che la forte crescita mentre l’economia globale si riprende dalla pandemia ha causato colli di bottiglia nella fornitura di alcune materie prime e di attrezzature specializzate per l’industria delle energie rinnovabili.

“Oggi se vuoi turbine eoliche per la consegna del 2022 non ne troverai, forse per il 2024”, ha detto.

A maggio, l’Agenzia internazionale per l’energia ha avvertito di un’incombente discrepanza tra gli obiettivi globali di emissioni nette di carbonio e la disponibilità di minerali critici come litio, rame e cobalto necessari per sviluppare reti elettriche, turbine eoliche e sistemi di stoccaggio dell’energia.

READ  Le emissioni globali hanno raggiunto il record con la spesa pubblica per l'energia pulita marginale

Starace ha affermato che Enel in genere acquista materiali con due o tre anni di anticipo e ne acquista di più quando il COVID ha colpito per la prima volta per coprire le interruzioni della catena di approvvigionamento, quindi la società non è interessata per ora.

“Ma se ci vuole più tempo (per la catena di approvvigionamento) per adattarsi, allora sì, potrebbe influire”, ha detto.

Ha affermato che la pandemia ha fornito una finestra sul futuro nella misura in cui le reti in molti paesi si basano più sull’energia rinnovabile di quanto non lo fossero in passato. I sostenitori dell’energia a carbone e gas hanno sostenuto che l’energia solare ed eolica dipendono da condizioni meteorologiche instabili e che i combustibili fossili sono necessari per garantire gli approvvigionamenti.

Il COVID ha cambiato le cose perché i sistemi energetici stanno assorbendo più energia eolica e solare senza essere interrotti.

“Era come vivere tre anni in un anno”, ha detto. “Sappiamo che il futuro è sicuro e sappiamo che possiamo viverci bene”.

Staras ha affermato che gli Stati Uniti, l’Europa e l’America Latina sono state aree chiave di attenzione per Enel. Ha detto che il Sud-Est asiatico e l’India saranno mercati in crescita in futuro.

Alla domanda su cosa potrebbero fare i governi per consentire la transizione, ha affermato che devono concentrarsi sull’implementazione delle tecnologie disponibili piuttosto che sprecare tempo e denaro per sviluppare ciò che non è stato dimostrato finora.

“Non si fanno sempre film di fantascienza”, ha detto. “Pensa alle tecnologie che abbiamo ora e spingile al massimo”.

Per ulteriori informazioni sugli eventi Reuters: Conferenza sulla transizione energetica globale, fare clic qui (https://reutersevents.com/events/energy-transition-global/)

READ  I panini con salsiccia italiani ancora una volta legati alla sagra italiana | Notizie, sport, lavoro

(1 dollaro = 0,8391 euro)

Lo riferisce Stephen Geokes. Montaggio di Lisa Schumaker

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.