Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I voli sono regolamentati per viaggiare nell’era del Covid

L’adattamento alle nuove esigenze dei suoi clienti e lo spostamento dell’attenzione verso le reti locali hanno fatto sì che la compagnia aerea low cost Volotea abbia avuto una stagione estiva vivace nel 2020 nonostante la pandemia di coronavirus.

Carlos Munoz, CEO e co-fondatore di Volotea, ha affermato che la crisi del virus Covid-19 ha cambiato radicalmente il modo in cui le persone viaggiano, anche se il desiderio di viaggiare rimane lo stesso.

Con sede a Castrillon, in Spagna, la compagnia aerea ha rinnovato parte della sua flotta quest’estate invece del 2023, come originariamente previsto, e la forza trainante di questa decisione è stata la necessità di aumentare la competitività in questo difficile momento.

La Grecia è una delle destinazioni più richieste in questo momento dai clienti Volotia ed è per questo che mantiene una base operativa ad Atene con due Airbus A319.

In che modo la pandemia ti ha colpito e come sei riuscito a goderti un’estate così vivace nel 2020 nonostante la situazione nel settore dell’aviazione?

L’industria aeronautica è stata gravemente colpita dalla pandemia di coronavirus. È stato senza dubbio l’anno più duro per il nostro settore. Tuttavia, abbiamo affrontato questa difficile situazione con un’ottima strategia, che ci ha permesso di vivere un’estate 2020 vivace grazie al nostro approccio locale, alla flessibilità e ai migliori standard operativi. Abbiamo ridefinito rapidamente la nostra rete (in poche settimane) con l’obiettivo di passare principalmente alle offerte locali (convertendo l’86% della rete di Volotea in collegamenti locali) in tutti i paesi in cui operiamo. L’anno scorso abbiamo trasportato 3,8 milioni di passeggeri nel corso dell’anno con il 90,7% dei posti. Quest’estate abbiamo applicato lo stesso pensiero proattivo e ci siamo concentrati sul cambiamento della nostra offerta in base alle nuove esigenze dei nostri clienti (esigenze che sono influenzate dal contesto sanitario). Abbiamo creato 106 nuove rotte (vs. pre-Covid) e aumentato la larghezza dei nostri posti del 120% rispetto al 2019. Abbiamo anche aumentato la connettività degli aeroporti della nostra rete verso le isole (in Grecia, ma anche in Italia, Spagna e Francia). Tuttavia, la variabile delta sta avendo una forte influenza e questa crescita potrebbe rallentare leggermente a settembre e nei prossimi mesi.

READ  I punti salienti dell'economia creativa nel forum online del Times

Perché ha deciso di anticipare molto prima del previsto il completamento della conversione di Volutia in una flotta di Airbus? Come ci sei riuscito in queste difficili circostanze?

Il ritmo del cambiamento della nostra flotta è accelerato a causa della crisi che abbiamo attraversato. Abbiamo terminato il cambiamento l’anno scorso, invece del 2023 come inizialmente previsto. Il driver critico è stata la necessità di aumentare la nostra competitività in questo difficile contesto. Diventando un unico operatore della flotta Airbus, Volutia beneficerà di numerosi vantaggi strategici e operativi, come una singola licenza di pilota, minori costi di manutenzione, pianificazione semplificata, monitoraggio più semplice, auditing di tutte le aree – in particolare la sicurezza – e un vantaggio di scala in rapporti con i fornitori. Oltre ad essere più efficiente dal punto di vista economico, la flotta Volotea rinnovata è anche più rispettosa dell’ambiente. Grazie alla sua grande capacità e ai motori più efficienti, il nuovo aeromobile riduce significativamente l’impronta di carbonio dell’azienda per ogni passeggero. Inoltre, grazie a “generatori di vortice” appositamente equipaggiati, la flotta di Airbus di Volutia produce un effetto fischio inferiore in avvicinamento ai Boeing 717, riducendo l’impatto del rumore nelle città e nelle basi in cui opera.

Ho aggiunto molte destinazioni dalla Grecia quest’anno. Com’è stata questa estate per il settore? Le cose stanno andando come previsto?

Il mercato greco è molto importante per noi. Come sapete, abbiamo una base ad Atene, dove operiamo 14 rotte – internazionali e nazionali – ma voliamo anche verso 14 isole da molte città francesi e italiane. La Grecia è solitamente una delle destinazioni estive più ambite dai nostri clienti. Purtroppo quest’anno, con i regolamenti che cambiano spesso e l’arrivo della variante Delta, le persone hanno cambiato il loro comportamento di prenotazione: all’inizio dell’estate eravamo davvero molto positivi sulle nostre vendite, ma da metà luglio abbiamo visto dei cambiamenti nel il modello di prenotazione: ancora una volta le persone tendono a rimanere di più nei loro paesi e non a viaggiare all’estero (più italiani che francesi), quindi quest’estate non andrà come ci aspettavamo.

READ  Il capo dell'Organizzazione mondiale della sanità esorta il mondo a seguire gli Stati Uniti ea rinunciare alla protezione brevettuale del vaccino Covid

La presenza della nuova variabile delta ha influito sul modo in cui le persone viaggiano o addirittura su come intendono viaggiare? Le direttive dell’UE sono cambiate costantemente a seconda della situazione COVID di ciascun paese. Quanto è possibile che una compagnia aerea si adatti a un ambiente così dinamico?

Il contesto attuale rimane impegnativo e la prevedibilità è incerta. Lungi dall’essere variabile, è l’intera crisi del Covid che ha portato a cambiamenti nel modo di viaggiare su due livelli: in primo luogo, le esigenze dei passeggeri, e in secondo luogo, i comportamenti di acquisto. Partendo dalle esigenze del pilota, sento che i nostri clienti hanno bisogno di più supporto, informazione e flessibilità: che test devo fare? Posso cambiare il mio volo se sono stato in contatto con una persona infetta prima del mio volo? Quale documento devo esibire durante la procedura di check-in se sono stato vaccinato? Ci sono molte domande e le risposte possono variare da paese a paese e di settimana in settimana. Come compagnia aerea, penso che dobbiamo rendere il più semplice possibile per i nostri passeggeri trovare le informazioni di cui hanno bisogno (ad esempio, Volutia ha creato una pagina personalizzata con informazioni sul paese per guidare i clienti), ma anche personalizzare la nostra offerta, sia in termini di destinazioni e prima Tutto in termini di flessibilità offrendo opzioni di cambio più facili. D’altro canto, assistiamo anche a un impatto significativo della crisi sui comportamenti di acquisto. La voglia di viaggiare resta, ma è cambiato il modo di farlo. Stiamo vedendo più destinazioni locali, più prenotazioni last minute e, in generale, consumatori che cercano offerte più competitive. In Volotea, come descritto sopra, abbiamo ridefinito la nostra rete dall’inizio della crisi per sviluppare la nostra offerta locale. D’altra parte, stiamo già rispondendo a nuovi comportamenti come le prenotazioni last minute o la ricerca di offerte competitive come compagnia aerea low cost.

READ  L'India trarrà vantaggio dall'accordo del G7 sull'aliquota globale dell'imposta sulle società del 15% minimo? Ecco cosa dicono gli esperti

Cosa ti aspetti dal nuovo accordo di codeshare con Aegean Airlines e hai visto i passeggeri trarne vantaggio?

Abbiamo firmato un accordo bilaterale con Aegean per commercializzare 100 rotte co-codificate sulle rotte internazionali esistenti in Italia, Francia, Spagna e Grecia. Il principale vantaggio di questo accordo sarà per i nostri clienti, poiché consente ai clienti di ciascuna compagnia di beneficiare di una rete ampliata di destinazioni. Siamo stati molto lieti di lanciare questa partnership con Aegean, una compagnia aerea europea indipendente molto rispettata con la quale condividiamo molti valori, in termini di elevata integrità operativa, esperienza del cliente e competitività dei prezzi. Questo accordo fornisce inoltre sia a Volotea che a Aegean una significativa opportunità di crescita poiché non vi è alcuna sovrapposizione in tutte le modalità scelte.

Cosa vi aspettate dai due nuovi Airbus A319 con sede ad Atene?

Dal 2015, quando abbiamo iniziato ad operare ad Atene, lavoriamo costantemente per aumentare la nostra capacità – pre-Covid, e miriamo a ripristinarla nei prossimi anni, a partire dal cambio della nostra flotta. Con l’Airbus A319 possiamo offrire un prodotto migliore, con più capienza rispetto al B717 (156 posti contro 125) e una migliore operatività. Questo perché la flotta Airbus – come detto in precedenza – ha più vantaggi. Inoltre, possiamo volare verso più destinazioni dove l’A319 ha un’autonomia di volo più lunga (3.500 km contro 2.500 km per il B717), così possiamo espandere la nostra gamma di destinazioni e iniziare a pensare a nuove rotte.