Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Francia, Germania e Italia guardano a una legge “complessiva” per ridurre il peso normativo – Euractiv

Francia, Germania e Italia guardano a una legge “complessiva” per ridurre il peso normativo – Euractiv

Lunedì (8 aprile) i ministri dell’Economia e delle Imprese di Francia, Germania e Italia elaboreranno piani per una legge radicale “esauriente” volta a ridurre la burocrazia e i requisiti normativi per le imprese. Gli industriali chiedono il turbo all’accordo industriale europeo.

Bruno Le Maire, ministro francese dell'Economia e delle Finanze, discuterà della revisione di “tutti gli standard europei” con il ministro dell'Economia tedesco Robert Habeck e il ministro dell'Economia italiano Adolfo Urso, in un incontro lunedì a Parigi.

L'incontro dei ministri avrà come slogan “Competitività, produttività e tecnologie verdi”, ha detto a Euractiv un portavoce del ministero dell'Economia tedesco, che però non ha voluto fornire dettagli su cosa si potrà concordare.

“L'Europa deve essere un continente di prosperità. Non deve essere un continente di routine”, ha detto Le Maire ai giornalisti in una conferenza stampa giovedì (4 aprile), aggiungendo che il blocco di 27 nazioni “deve […] Semplificare notevolmente le norme e gli standard europei”.

“Proporrò una direttiva globale per rivedere tutte le norme europee con l'obiettivo di semplificarle, regolarizzarle o abolirle”, ha affermato Le Maire.

Il gabinetto del ministro francese ha affermato che il senso di urgenza di Le Maire è stato condiviso “completamente” dai suoi omologhi.

Una legge “omnibus” descrive una misura che può modificare molte altre norme e unisce più soggetti. Un’altra “direttiva omnibus” dell’Ue. Approvato nel 2019 Ha affrontato i diritti dei consumatori, modificando quattro direttive relative alle pratiche commerciali sleali e alla trasparenza dei prezzi.

Concentrandosi sulle modalità legislative per ridurre i requisiti imposti alle imprese, l'incontro di lunedì sembra pronto ad allineare alcune delle priorità chiave del prossimo mandato dell'UE con… Chiamate È stato introdotto a febbraio dai principali industriali, dalle associazioni industriali e dai sindacati dei settori manifatturieri dell’UE nell’ambito del cosiddetto Dichiarazione di Anversa.

READ  Ferrero Family Acquista Jammie Dodgers Burton's Maker | Industria alimentare e delle bevande

Dichiarazione del settore Ha avanzato formalmente la richiesta di un “accordo industriale europeo” per integrare il Green Deal del blocco e ha chiesto una proposta “globale” che sia “la prima legislazione da introdurre nella prossima sessione istituzionale dell’UE”.

Tale legge dovrebbe “adottare azioni correttive su tutte le normative UE esistenti”, con l’obiettivo di “eliminare l’incoerenza normativa e gli obiettivi contrastanti”, ha affermato. […] E segnalazioni eccessive.

La Dichiarazione di Anversa invita inoltre la prossima Commissione a “nominare un Primo Vicepresidente” responsabile dell’attuazione e dell’armonizzazione degli obiettivi dell’accordo industriale, in tutte le unità e legislazioni dell’esecutivo dell’UE.



Le ONG temono un programma di liberalizzazione più ampio

La tempistica dell'incontro di lunedì non è una coincidenza, poiché i legislatori dell'UE attendono la prossima settimana un rapporto di alto livello sul rafforzamento del mercato unico da parte dell'ex primo ministro italiano Enrico Letta, che informerà le discussioni tra i leader del blocco al vertice del 17 aprile.

Il blocco ha riposto grandi aspettative sul rapporto di Letta e su una serie separata di raccomandazioni sul sostegno alla competitività che l’ex presidente della Banca centrale europea Mario Draghi dovrebbe delineare a giugno.

Tuttavia, le ONG avvertono del rischio di un allentamento degli standard normativi – ad esIn particolare il timore che la legge omnibus possa far parte di un programma di deregolamentazione più ampio.

“La proposta Omnibus, come affermato nella Dichiarazione di Anversa, rappresenterebbe una scorciatoia per l’industria per rendere la competitività una priorità più alta nella legislazione europea”, ha affermato Nina Holland, ricercatrice presso l’Osservatorio europeo delle imprese, Lioractiv.

Hollande ha affermato che tali richieste potrebbero essere un appello a “indebolire una lista potenzialmente lunga di leggi sociali e ambientali che, secondo loro, danneggiano la loro competitività”.

READ  È scoppiato un incendio in un ristorante italo-giapponese a Tanjong Pagar e 40 persone sono state evacuate

Tuttavia, Marco Mensink, direttore generale del Consiglio europeo dell’industria chimica (CEFIC), che ha coordinato la Dichiarazione di Anversa, ha dichiarato a Euractiv che questa “non è affatto un’agenda di liberalizzazione”, ma piuttosto una “strategia di attuazione del Green Deal”.

A suo avviso, la Commissione dovrebbe compilare un elenco degli “ostacoli pratici” che le aziende devono affrontare quando vogliono investire in tecnologie verdi, al fine di “fornire una panoramica su come integrare meglio politiche e leggi diverse e/o rimuovere questi ostacoli”. Barriere.”

“L'omnibus non è uno strumento per cambiare gli obiettivi fissati nelle leggi. Non è lì per cambiare la politica”, ha detto.

“Ma se si vuole portare a termine il Green Deal nel poco tempo che rimane, è necessario assicurarsi che le normative siano semplici e coerenti […]“E queste barriere che tutti non possono prevedere sono state rimosse”, ha detto Mensink.

Lo aveva messo in guardia il quotidiano di Anversa Promulgare una legislazione che migliori effettivamente gli incentivi per gli investimenti in tecnologie pulite – e i legislatori dovrebbero evitare che “gli obiettivi politici del Green Deal siano seguiti da regolamenti di attuazione prescrittivi e dettagliati”.

Preoccupazioni per la competitività

L’incontro avviene anche in un momento in cui le aziende europee stanno intensificando i loro avvertimenti sul virus Corona Recessione industrialeCon l’Europa che negli ultimi anni è cresciuta molto più lentamente rispetto ai rivali globali, si tratta di un ritardo La colpa è delle multinazionali Sull'aumento dei prezzi dell'energia, secondo BusinessEurope, c'è uno “tsunami” di nuove leggi che sarebbero state adottate a Bruxelles durante l'attuale legislatura.

In Carta condivisa Dopo i tagli alla burocrazia introdotti dai ministeri dell’Economia tedesco e francese in ottobre, i due paesi hanno gettato le basi per un più ampio impulso alla competitività del blocco.

READ  L'enologo italiano, Barossa, sostenuto dal miliardario, afferma "il più autentico possibile"

In particolare, il documento sottolinea che non intendono abbassare “l’ambizione politica e gli standard pertinenti” del blocco, ma si concentrano invece sulla riduzione degli oneri normativi e degli ostacoli che devono affrontare le aziende.

“Tuttavia, dobbiamo smantellare qualsiasi regola in cui l’effetto disincentivante superi il beneficio sociale”, ha aggiunto.

Il documento esorta inoltre la Commissione a sviluppare un “piano d’azione ambizioso per ridurre la burocrazia” che consentirebbe agli Stati membri di assumere un ruolo guida nella riduzione della burocrazia.

Nel marzo dello scorso anno, e successivamente nel suo discorso sullo stato dell'Unione di settembre, la presidente della Commissione Ursula von der Leyen si è impegnata a ridurre gli obblighi di rendicontazione aziendale del 25%, a cui hanno fatto seguito misure più dettagliate nel programma di lavoro della Commissione 2024, pubblicato in ottobre. . . .

L'esecutivo dell'Unione europea ha dichiarato nel suo rapporto che sta introducendo misure volte a razionalizzare le esigenze amministrative. Ad esempio, “Consolida commit sovrapposti [and] Ridurre il numero delle aziende coinvolte”.

Tra i dossier legislativi ritenuti beneficiari di revisioni e posticipazione delle scadenze, il Comitato ha citato la Corporate Sustainability Reporting Guidance, la Direttiva Contabile e il Regolamento Standard.

[Edited by Anna Brunetti/Rajnish Singh]

Scopri di più con Euractiv

Iscriviti ora alla nostra newsletter decodificata per le elezioni europee