Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Come la storia della Nuova Zelanda in un milione di immagini è andata quasi perduta per sempre | Nuova Zelanda

Come la storia della Nuova Zelanda in un milione di immagini è andata quasi perduta per sempre |  Nuova Zelanda

IOÈ un'odissea inaspettata che attraversa i continenti; La storia di come l'American Photography Gallery è diventata custode di oltre un milione di fotografie che catalogano eventi significativi della storia della Nuova Zelanda, salvando i ricordi storici dalla discarica.

Le fotografie vintage, scattate da fotografi di notizie e d'arte per giornali regionali nel corso di più di un secolo e risalenti al 1841, raffigurano scene cruciali nella fondazione della moderna Nuova Zelanda – comprese proteste, disastri e trionfi nazionali – così come la vita di tutti i giorni. Immagini di significato culturale per i Maori e prime fotografie delle città mentre crescevano. Alcune sono le uniche copie conosciute di queste immagini; Per la maggior parte delle persone i negativi sono andati perduti o distrutti.

Sir Edmund Hillary e l'alpinista Tenzing Norgay sulla vetta del Monte Everest, 1953. Immagine: thefairfaxarchives.co.nz

“Non hanno mai dovuto lasciare la Nuova Zelanda”, dice Daniel Miller, proprietario e direttore della Duncan Miller Gallery di Los Angeles, che ha acquistato le immagini da una banca dopo che la società americana in suo possesso ha dichiarato bancarotta. “È la storia del paese.”

Dopo aver lottato per trovare nuovi proprietari per l'archivio completo, Miller sta vendendo le immagini online e alle istituzioni. A dicembre, ha consegnato alla Biblioteca nazionale della Nuova Zelanda una collezione di oltre 5.000 fotografie storiche della vita aborigena, una collezione che l’istituzione ha descritto come una “storia visiva ricca e toccante” – e che era quasi andata perduta per sempre.

Gli spettatori guardano dalla riva mentre il Wahine inizia ad affondare, 1968.
Gli spettatori guardano dalla riva mentre il traghetto Wahine inizia ad affondare, 1968. Fotografia: Murray Hill/thefairfaxarchives.co.nz

Tutto è iniziato più di dieci anni fa con John Rogers, un uomo d’affari americano che promise alle testate giornalistiche che avrebbe potuto salvare un secolo di foto di giornali e cimeli sportivi dell’era pre-digitale. Tra questi c'erano Fairfax Media – un'ex società di notizie australiana e neozelandese – che ha inviato milioni di foto a Little Rock, Arkansas, nel 2013; Il Rogers Photo Archive si è offerto di digitalizzare gratuitamente le immagini scomposte e di vendere gli originali a scopo di lucro.

READ  "Abbiamo capito": la polizia ha finalmente trovato una tigre che è arrivata in un sobborgo del Texas | Houston

Ma dopo che le foto iniziarono ad apparire su eBay, l'FBI fece irruzione nell'azienda e lo stesso fece Rogers Successivamente fu incarcerato per frode. Dopo che la società fallì, la banca prese le fotografie come garanzia per un prestito e Miller fu contattato da un curatore fallimentare per acquistarle.

Occupazione di Redoubt Point da parte del Comitato d'Azione Aoraki Maori, 1977.
Occupazione di Bastion Point da parte dell'Aoraki Maori Action Committee, 1977. Immagine: thefairfaxarchives.co.nz

Con molte delle immagini consegnate alla discarica, Miller ha acquistato l'archivio nel 2017, anticipando che le biblioteche nazionali in Australia e Nuova Zelanda gli avrebbero tolto le collezioni dalle mani.

Ma la Biblioteca Nazionale d’Australia voleva solo una “piccola porzione” delle immagini. La necessità di catalogare e preservare le immagini – alcune delle quali erano rovinate dalla muffa nera – ha spinto Miller ad assumere archivisti e a designare un archivio climatizzato in un progetto che dura ormai da quattro anni.

“Mi sentivo come se avessi un certo senso di responsabilità perché nessun altro si era alzato per fare qualcosa al riguardo”, dice.

In senso orario da sinistra in alto: Ghiacciaio Fox nelle Alpi meridionali, 1966;  Grotta nel ghiaccio del ghiacciaio Godley, Canterbury, 1939;  Aereo da sci sul ghiacciaio Tasman, Parco nazionale di Mount Cook, 1970;  Una veduta aerea di Lucari/Isola Bianca, 1935.
In senso orario da sinistra in alto: Ghiacciaio Fox nelle Alpi meridionali, 1966; Grotta nel ghiaccio del ghiacciaio Godley, Canterbury, 1939; Aereo da sci sul ghiacciaio Tasman, Parco nazionale di Mount Cook, 1970; Una veduta aerea di Lucari/Isola Bianca, 1935. Composito: thefairfaxarchives.co.nz

Sebbene non abbia trovato una sede diretta per l'archivio completo delle fotografie australiane, Miller da allora ha venduto le fotografie a più di 70 istituzioni australiane e continua a vendere immagini attraverso la casa d'aste locale Lawson.

Anche i proprietari degli archivi della Nuova Zelanda si sono rivelati difficili da trovare. Ma l’anno scorso, Miller ha venduto alla Biblioteca Nazionale della Nuova Zelanda 5.300 fotografie degli indigeni del paese – l’intero contenuto della collezione Maori dell’archivio – e ha consegnato le immagini a Wellington in quello che ha descritto come un rimpatrio “emotivo”.

READ  Le Prime Nazioni del Canada hanno detto che sono state scoperte 751 tombe in un'ex scuola cattolica di bambini aborigeni
Soldati neozelandesi salgono sulla passerella di una nave militare, 1940.
Soldati neozelandesi salgono sulla passerella di una nave militare, 1940. Foto: Green e Hahn/thefairfaxarchives.co.nz

La “profondità e l'ampiezza” delle immagini provenienti dai giornali di tutto il paese da oltre 70 anni le rendono “un importante taonga nazionale che ci aiuterà a raccontare le storie di Aotearoa”, afferma Jessica Moran, portavoce della biblioteca, usando la lingua Maori. Una parola per tesoro.

Miller sta ora contattando enti sportivi e altre organizzazioni nella speranza di trovare più case per le foto. Nel frattempo, la sua azienda ha creato una piattaforma di aste online per immagini della Nuova Zelanda dove sono esposte anche immagini dei principali eventi di cronaca del 20° secolo, tra cui l'affondamento del traghetto Wahine, il bombardamento della nave Rainbow Warrior e il terremoto di Napier del 1931. . Notevoli come l'aviatore Jan Batten e l'alpinista Edmund Hillary vendono per importi che vanno dagli alti NZ $ 80 alle poche migliaia.

In senso orario da in alto a sinistra: un sorriso di addio della pilota neozelandese Jane Batten durante il suo volo di ritorno in Inghilterra a Sydney, 1936;  Il pilota di Formula 1 Bruce McLaren si trova su due ruote mentre Jack Brabham entra in una curva durante una gara di go-kart, 1965;  Gli All Blacks battono la Cornovaglia per 29 punti a Camborne, Inghilterra, 1924;  I manifestanti marciano contro il tour degli Springbok sudafricani a Wellington, 1981.
In senso orario da in alto a sinistra: un sorriso di addio della pilota neozelandese Jane Batten durante il suo volo di ritorno in Inghilterra a Sydney, 1936; Il pilota di Formula 1 Bruce McLaren si trova su due ruote mentre Jack Brabham entra in una curva durante una gara di go-kart, 1965; Gli All Blacks battono la Cornovaglia per 29 punti a Camborne, Inghilterra, 1924; I manifestanti marciano contro il tour degli Springbok sudafricani a Wellington, 1981. Composito: thefairfaxarchives.co.nz

È probabile che tali vendite continuino per anni e Miller, che non aveva intenzione di diventare un curatore della storia degli Antipodi, spera che un eminente neozelandese si faccia carico del progetto.

“Questo è solo per la Nuova Zelanda e dovrebbe essere gestito da neozelandesi”, afferma. “Ci sono molti soldi spesi per salvare la cultura qui, ma l'archivio è più in forma che mai ed è pronto per essere messo nelle mani della Nuova Zelanda.”

READ  I genitori chiedono scuse dopo la morte di un bambino durante una vacanza in famiglia