Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un viaggio straziante dal Senegal all'Europa: il film “Io Capitano” a Venezia

Un viaggio straziante dal Senegal all'Europa: il film “Io Capitano” a Venezia

Il nuovo film di Matteo Garrone “Io Capitano” segue il viaggio straziante di due giovani africani mentre si fanno strada dalla loro terra natale verso l'Europa, con due cittadini senegalesi nel ruolo dei protagonisti. Il film ha ricevuto una standing ovation al Festival del cinema di Venezia.

“Io Capitano” ha ricevuto una standing ovation e una standing ovation di 12 minuti alla Mostra del Cinema di Venezia. È il nuovo film del regista Matteo Garrone, in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia e potrebbe essere il candidato italiano all'Oscar. Il film tratta un argomento molto contemporaneo.

Il film è stato girato nelle lingue locali e presenta due giovani protagonisti senegalesi, Seydou e Moussa (Seydou Sarr e Mustapha Fall). Questi due minorenni lasciano Dakar e le loro famiglie con la speranza di una nuova vita nel Vecchio Continente.

Due giovani in cerca di un futuro migliore

I due giovani non sfuggono alla guerra civile che devasta il loro paese, cosa che Jaroni non mostra mai. Sono semplicemente due giovani che, come tanti altri, vogliono vedere il mondo e diventare rapper famosi: “I bianchi verranno a chiederci i nostri autografi”, dice a un certo punto Sidhu a Musa. Questo è il loro sogno, ma una volta arrivati ​​in Libia inizia la vera guerra.

Intanto c'è il deserto spietato, dove Sidou e Musa si trasformano in due persone che hanno pagato il biglietto di un camion che non torna indietro se qualcuno cade durante il viaggio.

Poi arriva l’orrore dei detenuti libici, compresa la tortura, e vengono accolti da una voce urlante che grida: “Sei in Libia, o hai soldi, o vai in prigione”.

READ  Priyanka Chopra finisce di sparare al castello e dice "Avanti e su". Guarda le foto del dietro le quinte | Hollywood

Tutto questo accade finché Sidhu non raggiunge il mare. A questo punto i trafficanti libici gli hanno chiesto di diventare il capitano di una delle tante imbarcazioni dirette in Europa. Dice che non sa nemmeno nuotare, e nella scena successiva appare su una barca affollata di migranti e dice con orgoglio di essere il capitano di quella barca dagli animi disperati.

L'ispirazione per il film è venuta dall'attivista Kwasi Blé Adama Mamadou, che ha dato un contributo significativo alla sceneggiatura del film. Durante una conferenza stampa a Venezia 80, raccontò le fatiche del viaggio quando affrontò la disperazione, dicendo: “Non hai più alternative, e sei pronto per iniziare un viaggio che non sa se sopravvivrai o no”.

Chi sopravvive e arriva in Italia, ha aggiunto, “inizia poi il difficile e tortuoso percorso per ottenere un permesso di soggiorno per poter godere di una vita dignitosa”.

L'impegno di Mamadou nasce dalla sua stessa sofferenza. Ora è completamente integrato, vive a Caserta con la sua compagna, cresce due figli ed è attivamente coinvolto come intermediario culturale in un centro comunitario e nel movimento dei migranti e dei rifugiati. Si batte per i diritti dei gruppi più vulnerabili e combatte lo sfruttamento lavorativo.

“L’ingiusta differenza tra giovani europei e giovani africani”

Parlando all’agenzia di stampa italiana ANSA, Garrone ha affermato che il film è “(a) un’epopea contemporanea in cui due ragazzi sono il simbolo di una generazione globalizzata, parte di una migrazione che non si limita solo alla fuga da guerre e disastri climatici”.

“Il 70% degli africani sono giovani e hanno un legittimo desiderio di migliorare la propria vita e di godere della libertà di viaggiare. È una questione di giustizia: perché ai loro coetanei europei dovrebbe essere permesso di andare in vacanza in aereo in Senegal mentre loro sono in viaggio? viaggio in Senegal? Invece dovrebbero “In viaggio della speranza senza sapere se arriveranno vivi”.

READ  Festeggia il Ringraziamento a Hutchinson e in Italia con una varietà di cibi

Garrone ha scelto deliberatamente il Senegal come sfondo e ha scelto due protagonisti provenienti da ambienti poveri che sognano di migliorare la propria vita in Europa, lavorando, mandando soldi a casa e intraprendendo una carriera come calciatori e rapper.

Il film è stato girato a Casablanca, Dakar e nelle acque al largo di Marsala.

Garrone ha sottolineato il suo punto di vista “(v) vedere l'Europa dall'altra parte, quella africana” e mettere in luce “un mondo di persone con i loro sogni e desideri e persone e non numeri come i numeri dei morti” nel Mediterraneo percorso a cui siamo tutti abituati”.