Maggio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Camera dei Rappresentanti americana blocca il tentativo di mettere sotto accusa il presidente della Camera Mike Johnson | Notizie di politica

La Camera dei Rappresentanti americana blocca il tentativo di mettere sotto accusa il presidente della Camera Mike Johnson |  Notizie di politica

Con una rara mossa bipartisan, repubblicani e democratici hanno facilmente sconfitto gli sforzi della deputata Marjorie Taylor Greene.

La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha votato a stragrande maggioranza per sconfiggere il tentativo della repubblicana Marjorie Taylor Greene di mettere sotto accusa il presidente della Camera Mike Johnson, un collega repubblicano.

Con una mossa insolita, mercoledì i democratici si sono uniti ai repubblicani con un voto di 359-43 per mantenere Johnson nel suo ruolo di leadership ed evitare ulteriori disordini alla Camera.

“Apprezzo la fiducia che i miei colleghi hanno dimostrato nel sconfiggere questo tentativo fuorviante”, ha detto Johnson dopo il voto. “Ci auguriamo che questa sia la fine dell’assassinio di carattere che ha caratterizzato l’attuale Congresso”.

Il rappresentante della linea dura Green ha cercato per settimane di espellere Johnson dopo una serie di concessioni fatte ai democratici su una fattura da 95 miliardi di dollari per l’assistenza alla sicurezza agli alleati degli Stati Uniti Ucraina, Israele e Taiwan.

Green è una voce di spicco dell’ala di estrema destra contraria agli aiuti all’Ucraina. Dopo che la Camera ha approvato il disegno di legge in aprile, ha definito Johnson una “anatra zoppa”.

Mercoledì, quando ha lanciato la “mozione di sgombero”, Greene ha dichiarato che la leadership di Johnson era “patetica, debole e inaccettabile”.

La stessa procedura è stata utilizzata per rimuovere l’ex presidente della Camera repubblicana Kevin McCarthy in ottobre, segnando la prima volta nella storia degli Stati Uniti che la Camera dei Rappresentanti ha votato per rimuovere il suo leader.

I repubblicani hanno una risicata maggioranza di 217-213 alla Camera dei Rappresentanti. La maggior parte di loro si è opposta al voto per licenziare Johnson, con solo 11 favorevoli e 196 contrari.

READ  Nuove immagini di una collisione mortale in uno spettacolo aereo emergono mentre gli investigatori indagano sulla tragedia di Dallas

“Come ho detto fin dall’inizio, e ho chiarito qui ogni giorno, intendo fare il mio lavoro”, ha detto Johnson. “E lascerò che le cose cadano dove vogliono. Secondo me, questa è leadership.”

I democratici, guidati dal deputato Hakeem Jeffries, avevano promesso di mantenere Johnson al suo posto, a fronte di 163 voti contrari alla proposta.

“La nostra decisione di impedire a Marjorie Taylor Greene di far precipitare il paese in un ulteriore caos è radicata nel nostro impegno a risolvere i problemi”, ha detto Jeffries, leader della minoranza alla Camera, dopo il voto.

La mossa di Greene rappresenta una rara sfida repubblicana al presunto candidato presidenziale Donald Trump, che ha affermato in un post sui social media dopo il voto della Camera che questo “non è il momento” per i repubblicani di cercare di spodestare il loro presidente.

“Questo non è qualcuno che sa guidare”, ha detto il repubblicano Marcos Molinaro di Greene dopo il voto. “Non è una persona che sa negoziare. Certamente non sembra avere alcuna preoccupazione per la stabilità del Congresso o per le persone che rappresentiamo”.

Alcuni repubblicani hanno affermato che potrebbe affrontare un’azione disciplinare per aver tentato di seminare divisione all’interno del partito.