Giugno 16, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un fotografo è “disgustato” dalla triste scoperta in un noto luogo di pesca australiano

Un fotografo è “disgustato” dalla triste scoperta in un noto luogo di pesca australiano

Un fotografo naturalista ha scoperto almeno 30 cigni morti che galleggiavano su uno dei laghi più famosi dell’Australia. Le foto condivise da Jeffrey Looney con Yahoo evidenziano la carneficina sul lago Menindee, che un tempo era un paradiso sia per gli osservatori di uccelli che per i cacciatori.

Purtroppo, questo non è il primo disastro ambientale che affligge l’avamposto nell’estremo ovest del New South Wales. L’anno scorso, le acque di Menindee hanno fatto notizia a livello internazionale quando il fiume Darling è stato soffocato dalla morte di 30 milioni di pesci che sono morti soffocati dopo che i livelli di ossigeno sono diminuiti durante un’ondata di caldo. Questa settimana, il regolatore dell’ingresso del lago Menindee sta facendo notizia a causa delle preoccupazioni sulla qualità dell’acqua.

Parlando con Yahoo, Looney ha descritto il tempo trascorso ieri pomeriggio nel suo amato Lago Menindee come “triste”, dicendo che sarebbe preoccupato per chiunque peschi lì o entri in acqua.

“Stavo fotografando uccelli vivi e ho notato che c’era un uccello morto lì, quindi ho iniziato a guardare. “Ho camminato sul lato destro e devo aver visto 30 pellicani morti lì, e poi ce n’erano altri anche dall’altra parte.” Lui continuò.

“Ero così disgustato.”

Cigni vivi sul lago Menindee nel Nuovo Galles del Sud.

Sebbene nel lago ci fossero ancora cigni sani, alcuni sembravano malati e non erano in grado di volare via. Fonte: Jeffrey Looney

Yahoo News ha contattato la NSW Environmental Protection Authority (EPA) per cercare di determinare la causa della morte.

A giudicare dall’esperienza, una possibilità è il botulismo, un tipo di batterio che spesso uccide gli uccelli in Australia. L’anno scorso si sospettava che avesse causato la morte in almeno tre stati.

READ  La Cina lancia la missione con equipaggio più lunga di sempre per costruire una stazione spaziale

Mentre molti cigni erano già morti, altri stavano lentamente morendo. Secondo quanto riferito, alcuni stavano lottando per tenere la testa fuori dall’acqua, sintomi coerenti con un’intossicazione alimentare. Senza nessuno sul posto per aiutare gli uccelli morenti, Lonnie teme che le cose possano solo peggiorare.

“Anche gli esseri viventi erano seduti lì. Normalmente ti avvicini a un uccello e vola via. Ma il primo uccello a cui mi avvicino nuotava via, e non era in grado di volare, e il secondo si limitava a sedersi Là.” Egli ha detto.

Sebbene stia ancora aspettando ulteriori informazioni sull’uccisione di massa di cigni, sospetta che potrebbe essere collegata al rilascio di acque nere da parte delle autorità del NSW a Coby Hollow e al canale di interconnessione che porta al lago Menindee.

Altro sta arrivando.

Ami l’ambiente strano e meraviglioso dell’Australia? Ottenere Nuova newsletter Visualizza le migliori storie della settimana.