Giugno 16, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Irlanda, Norvegia e Spagna riconoscono lo Stato palestinese

Irlanda, Norvegia e Spagna riconoscono lo Stato palestinese

Caterina Armstrong,notizie della BBC

Primo Ministro irlandese: Abbiamo chiesto al mondo di riconoscerci e ora riconosciamo la Palestina

Irlanda, Norvegia e Spagna hanno annunciato che riconosceranno ufficialmente lo Stato palestinese a partire dal 28 maggio.

Spagna e Irlanda hanno affermato che la decisione non è né contro Israele né a favore di Hamas, ma piuttosto a sostegno della pace.

Israele ha risposto con rabbia, avvertendo che questo passo significherebbe maggiore instabilità nella regione e convocando i suoi ambasciatori nei tre paesi.

Hamas e il suo rivale, l’Autorità Palestinese, hanno accolto con favore questo riconoscimento.

La Norvegia è stata la prima a fare il suo annuncio mercoledì, in una mossa in coordinamento con gli altri due paesi.

Il primo ministro Jonas Gahr Sture ha affermato in un discorso che la mossa è venuta “per sostenere le forze moderate che si stanno ritirando in un conflitto duro e a lungo termine”.

Ha aggiunto: “Questo è un investimento nell’unica soluzione che può raggiungere una pace duratura in Medio Oriente”, riferendosi alla cosiddetta soluzione dei due Stati, che richiede l’esistenza di due Stati israeliani e palestinesi che vivano in pace fianco a fianco. .

Irlanda e Spagna seguirono l’esempio subito dopo.

Il ministro degli Esteri irlandese Michael Martin ha dichiarato: “Oggi dichiariamo chiaramente il nostro inequivocabile sostegno all’eguale diritto alla sicurezza, alla dignità e all’autodeterminazione per i popoli palestinese e israeliano”.

Il primo ministro Simon Harris ha poi sottolineato che “Hamas non è il popolo palestinese”.

Ha detto: “La decisione odierna di riconoscere la Palestina è stata presa per contribuire a creare un futuro pacifico”.

Ai commenti di Harris ha fatto eco il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez, il quale ha affermato che la mossa “non è contro Israele, e non è contro gli ebrei”.

READ  Sutton: tre incarcerati per aver abusato di residenti di case di cura con difficoltà di apprendimento

Ha aggiunto: “Questo non è nell’interesse di Hamas, come è stato detto. Questo riconoscimento non è contro nessuno. È nell’interesse della pace e della coesistenza”.

Israele ha risposto a questi annunci con rabbia. Il ministro degli Esteri Israel Katz ha detto di aver ordinato l’immediato ritorno degli ambasciatori israeliani nei tre paesi per tenere “consultazioni”.

Ha aggiunto: “Israele non rimarrà in silenzio su questa questione, e ci saranno altre gravi conseguenze”.

Katz ha anche detto che gli ambasciatori dei tre paesi saranno convocati in Israele per “colloqui di rimprovero” durante i quali sarà mostrato un video del rapimento delle donne soldato israeliane avvenuto il 7 ottobre.

Mappa che mostra Israele, la Cisgiordania occupata e la Striscia di Gaza

Hamas, che controlla Gaza Attualmente in guerra con IsraeleHa detto che gli annunci di mercoledì rappresenterebbero “un punto di svolta nella posizione internazionale sulla questione palestinese”.

In una dichiarazione all’Agence France-Presse, il leader di Hamas Bassem Naim ha affermato che dietro questo passo c’è la “coraggiosa resistenza” del popolo palestinese.

L’Autorità Palestinese, rivale di Hamas, che controlla parti della Cisgiordania occupata da Israele, ha affermato che Norvegia, Spagna e Irlanda hanno dimostrato il loro “impegno costante” nel “fornire la tanto attesa giustizia al popolo palestinese”.

Sempre mercoledì, l’esercito israeliano ha acconsentito al ritorno dei cittadini israeliani nei siti di tre insediamenti nella Cisgiordania occupata, nei quali è loro vietato l’ingresso dal 2005.

Era il parlamento israeliano Ha votato per consentire il ritorno dei suoi cittadini nel marzo dello scorso annoMa per attuare il disegno di legge era necessario il permesso militare.

READ  Lunedì inizia il lockdown in Austria, vaccinazione obbligatoria dal 1° febbraio, in mezzo alla quarta ondata in Europa

La maggior parte della comunità internazionale considera gli insediamenti illegali secondo il diritto internazionale, sebbene Israele lo contesti.

La questione dello Stato palestinese ha lasciato perplessa la comunità internazionale per decenni.

Dopo gli attacchi del 7 ottobre, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha raddoppiato la sua opposizione a tale piano, affermando che la creazione di uno Stato palestinese metterebbe a repentaglio la sicurezza di Israele.

Mercoledì Netanyahu ha aggiunto che la creazione di uno Stato palestinese porterebbe a una ripetizione degli attentati avvenuti il ​​7 ottobre, e ha denunciato il passo compiuto da Norvegia, Spagna e Irlanda, descrivendolo come un “premio per il terrorismo”.

Circa 1.200 persone sono state uccise negli attacchi senza precedenti del 7 ottobre, quando gli uomini armati di Hamas hanno preso d’assalto Israele. Ne hanno presi altri 252 a Gaza come ostaggi.

Da allora, secondo il Ministero della Sanità guidato da Hamas, più di 35.000 persone, la maggior parte civili, sono state uccise nell’offensiva israeliana su Gaza.

La maggior parte dei paesi del mondo riconosce già lo Stato di Palestina. All’inizio di questo mese, 143 dei 193 membri dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite hanno votato a favore dell’adesione alle Nazioni Unite, cosa che solo i paesi possono fare.

Prima degli annunci di mercoledì, solo nove paesi europei sostenevano la creazione di uno Stato palestinese, e la maggior parte di questi paesi prese la decisione nel 1988 quando faceva parte del blocco sovietico.

La maggior parte degli altri paesi europei, e gli Stati Uniti, credono ancora che il riconoscimento dovrebbe avvenire solo come parte di una soluzione a lungo termine al conflitto a due Stati.

READ  Funzionari cinesi ritirano l'avviso chiedendo alle famiglie di fare scorta di beni di prima necessità in mezzo a "acquisti pazzi di panico"

Un portavoce della Casa Bianca ha affermato che il presidente americano Joe Biden è un “forte sostenitore” della soluzione dei due Stati e ritiene che “uno Stato palestinese debba essere raggiunto attraverso negoziati diretti, non attraverso il riconoscimento unilaterale”.

Anche Slovenia e Malta hanno recentemente annunciato che stanno prendendo in considerazione il riconoscimento ufficiale.

Mercoledì il primo ministro norvegese ha anche detto che spera che il riconoscimento di uno Stato palestinese da parte dei tre paesi possa ridare slancio ai colloqui di pace.

I negoziati di lunga data al Cairo volti a raggiungere una tregua e il rilascio di altri ostaggi sono attualmente sospesi.

Nel frattempo, la situazione umanitaria a Gaza continua a peggiorare. Lo hanno detto le Nazioni Unite all’inizio di questa settimana La distribuzione alimentare è stata sospesa anche nella città di Rafah, a sud della Striscia di Gaza A causa della mancanza di rifornimenti e dell’insicurezza.

Recentemente, il procuratore della Corte penale internazionale Ho presentato una richiesta per emettere mandati di arresto contro Netanyahu e il leader di Hamas a Gaza. Yahya Al-Sinwar, accusato di aver commesso crimini di guerra. Sia Israele che Hamas hanno condannato la mossa.

Israele afferma che un attacco a Rafah è necessario per eliminare Hamas, ma la comunità internazionale ha messo in guardia contro un simile attacco, affermando che peggiorerebbe significativamente la crisi umanitaria a Gaza.