Giugno 16, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un popolare luogo di villeggiatura è stato chiuso ai turisti dopo un altro evento “pericoloso”.

Un popolare luogo di villeggiatura è stato chiuso ai turisti dopo un altro evento “pericoloso”.

Un popolare punto di immersione frequentato dai turisti è stato chiuso “fino a quando la situazione non sarà risolta” dopo un altro evento di “grave sbiancamento dei coralli”. Un problema crescente che colpisce i parchi marini di tutto il mondo, qui in Australia, lo sbiancamento dei coralli e come combatterlo sono stati oggetto di un intenso dibattito tra scienziati e attivisti ambientali, con la Grande Barriera Corallina che attualmente soffre di danni potenzialmente senza precedenti a causa dei cambiamenti climatici.

Secondo un rapporto pubblicato lo scorso aprile dalla Great Barrier Reef Marine Park Authority, più della metà delle 1.000 barriere coralline analizzate – su oltre 2.900 in totale – presentavano livelli di sbiancamento elevati, molto elevati o molto elevati. Solo un quarto di essi è rimasto relativamente indenne.

È un problema che le autorità cercano da tempo di gestire, con un aumento di 5 milioni di dollari per gli operatori turistici che proteggono le barriere coralline annunciato lunedì dal governo federale. Sebbene i finanziamenti abbiano offerto un barlume di speranza, immagini inquietanti hanno recentemente rivelato che parti della barriera corallina che in precedenza erano sbiancate e mostravano segni di ricrescita, ora stanno morendo.

In Tailandia, i funzionari del Parco Nazionale Nopparat Thara, nella provincia di Krabi, hanno recentemente annunciato la chiusura temporanea del turismo e delle attività subacquee a causa del “sbiancamento sempre più grave dei coralli”. Le principali località turistiche tra cui Kai Island, Bat Bay, Buda Island, Buea Bay, Daeng Island, Railay Bay e Yavasum Island sono tutte chiuse ai turisti fino a nuovo avviso.

READ  La Corte Suprema del Colorado ha dichiarato Donald Trump non idoneo a candidarsi alla Casa Bianca
Un’immagine scattata nel marzo 2024 mostra un grave sbiancamento delle barriere coralline sulla Grande Barriera Corallina.

Nel marzo 2024 è stato filmato un grave sbiancamento dei coralli sulla Grande Barriera Corallina. Fonte: George Ruff, CSIRO

La mossa riflette le conseguenze devastanti che lo sbiancamento dei coralli può avere, poiché non viene colpito solo l’ambiente naturale, ma anche i settori del turismo in tutto il mondo e coloro che dipendono da loro per il reddito.

Nonostante gli annunci di finanziamenti di alto profilo, in realtà gli eventi di sbiancamento hanno continuato a diventare più gravi e frequenti: le barriere coralline stanno ora vivendo il quinto evento del genere in soli otto anni, con circa l’80% di esse esposto a stress da calore. Il corallo colpito durante la precedente operazione di sbiancamento era morto prima di compiere sette anni.

Parlando a Yahoo News Australia, il professor Terry Hughes della James Cook University ha affermato che “non è cambiato molto” a livello locale nonostante gli aiuti finanziari. “Nessuna di queste soluzioni magiche e costose è riuscita a ridurre la vulnerabilità della Grande Barriera Corallina al riscaldamento antropico”, aveva affermato in precedenza.

L’inviato speciale per la Grande Barriera Corallina, la senatrice Nita Green, ha concordato che l’estate è stata “una sfida per le barriere coralline”. “È importante che questo programma continui durante questo periodo critico per monitorare le barriere coralline e rafforzare la loro resilienza”, ha affermato lunedì.

A sinistra, corallo sbiancato della Grande Barriera Corallina.  Direttamente alla foto di Tanya Plibersek. A sinistra, corallo sbiancato della Grande Barriera Corallina.  Direttamente alla foto di Tanya Plibersek.

Mentre Tanya Plibersek sottolinea che dobbiamo fare “tutto il possibile per proteggere” la Grande Barriera Corallina, gli ambientalisti hanno criticato il governo per aver continuato ad approvare nuove miniere di carbone. Fonte: George Roff, CSIRO/AAP

“Gli operatori turistici sono un occhio in più sulla barriera corallina, sono in acqua ogni giorno, quindi sono davvero ben posizionati per svolgere questo importante ruolo di monitoraggio e protezione. Finora il programma ha ottenuto ottimi risultati Sono lieto che il lavoro continuerà nel “Parco marino, che è particolarmente importante dopo il periodo estivo, quando le barriere coralline sono state esposte allo stress da caldo”.

READ  Israele sta lavorando per ridurre le vittime civili a Gaza mentre il bilancio delle vittime sale a 1.900

Il ministro dell’Ambiente e dell’Acqua Tanya Plibersek ha affermato che il governo è impegnato a investire nel futuro delle barriere coralline. “Siamo davvero lieti di collaborare con gli operatori turistici, che non solo creano posti di lavoro per gli abitanti del Queensland, ma ci aiutano anche a prenderci più cura del nostro ambiente”, ha affermato.

“Stiamo investendo nella resilienza e nel recupero delle barriere coralline, utilizzando le ultime scoperte scientifiche per prenderci cura delle barriere coralline, rispondendo agli impatti dei cambiamenti climatici e fornendo preziose conoscenze sulla salute delle barriere coralline nel tempo”.

Le barriere coralline ospitano alghe microscopiche chiamate zooxantelle che vivono nei loro tessuti e li fanno apparire dai colori vivaci. Quando la temperatura dell’oceano aumenta di solo 1 grado Celsius, i coralli possono stressarsi ed espellere alghe colorate. Quindi sembra essere sbiancato.

Un sub viene mostrato accanto al corallo sbiancato, mentre le autorità sono alle prese con eventi di sbiancamento di massa in tutto il mondo. Un sub viene mostrato accanto al corallo sbiancato, mentre le autorità sono alle prese con eventi di sbiancamento di massa in tutto il mondo.

Lo sbiancamento dei coralli ha colpito le barriere coralline di tutto il mondo, compreso questo sito in Indonesia. Fonte: Getty

Sebbene lo “sbiancamento” non uccida completamente il corallo, senza le alghe perde una fonte di cibo fondamentale e questo spesso porta a malattie e infine alla morte. L’aumento della temperatura dell’acqua a causa dei cambiamenti climatici è uno dei principali fattori che determinano lo sbiancamento, ma le basse maree, il deflusso agricolo e l’eccesso di luce solare sono alcune delle altre cause conosciute.

Le barriere coralline ospitano migliaia di creature marine tra cui pesci, tartarughe marine, uccelli marini, granchi e meduse. Anche gli esseri umani ne sono colpiti, perché quando le barriere coralline muoiono e le reti alimentari si rompono, industrie come la pesca e il turismo iniziano a collassare.

READ  Un cambiamento nel governo australiano porrà fine alla guerra commerciale con la Cina?

Il primo sbiancamento di massa al mondo è stato registrato negli anni ’80, ma tali eventi si sono verificati ripetutamente negli ultimi due decenni, lasciando i coralli senza tempo per riprendersi.

Hai un suggerimento per la storia? e-mail: newsroomau@yahoonews.com.

Puoi anche seguirci su Facebook, Instagram, tic toc, Twitter E Youtube.