Luglio 1, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ufficiale kazako decapitato e manifestanti uccisi mentre gli uffici governativi presi di mira in mezzo ai disordini

Decine di manifestanti sono stati uccisi in Kazakistan in attacchi a edifici governativi e almeno 12 agenti di polizia sono stati uccisi, compreso uno che è stato trovato decapitato.

La portavoce della polizia Sultana Azerbek ha dichiarato sul canale ufficiale Khobar 24 che ci sono stati tentativi di prendere d’assalto edifici durante la notte ad Almaty, la città più grande del paese, e che “dozzine di aggressori sono stati eliminati”.

I tentativi di irruzione negli edifici hanno seguito i disordini diffusi nella città mercoledì, compreso il sequestro dell’edificio del sindaco che è stato dato alle fiamme.

L’agenzia di stampa russa Tass ha citato il ministero della Salute kazako secondo cui più di 1.000 persone sono rimaste ferite durante le proteste e che più di 400 di loro erano in ospedale.

Il canale di notizie di stato Khabar 24 ha citato l’ufficio del capo della città che ha detto giovedì che altri 353 agenti delle forze dell’ordine sono stati feriti, oltre a 12 uccisi.

Il Kazakistan sta assistendo alle peggiori proteste di piazza nel paese da quando ha ottenuto l’indipendenza tre decenni fa.

L’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva, una coalizione militare guidata dalla Russia, ha dichiarato giovedì che invierà forze di pace in Kazakistan su richiesta del presidente Kassym-Jomart Tokayev.

Un uomo in piedi davanti all'edificio degli uffici del sindaco in fiamme
L’edificio del sindaco è stato dato alle fiamme nella città più grande di Almaty.(Reuters: Pavel Mikheev)

Il Kazakistan ha assistito all’escalation delle proteste iniziate domenica per il forte aumento del prezzo del gas di petrolio liquefatto (GPL).

Le proteste sono iniziate nell’ovest del paese ma si sono estese ad Almaty e alla capitale, Nur-Sultan.

Mercoledì, il sig. Tokayev ha promesso di adottare misure drastiche per sedare i disordini e ha dichiarato uno stato di emergenza di due settimane per l’intero paese, estendendo lo stato di emergenza dichiarato sia nella capitale, Nur-Sultan che nella più grande città di Almaty che era stato imposto. Coprifuoco notturno e restrizioni alla circolazione all’interno e intorno alle aree urbane.

Il governo si è dimesso in risposta ai disordini.

I manifestanti guidano un camion durante una dimostrazione.
Le proteste si sono estese alle manifestazioni antigovernative.(Afp: Vladimir Tretyakov )

I disordini sono iniziati sotto forma di proteste contro l’aumento dei prezzi del gas di petrolio liquefatto, un carburante utilizzato dai poveri per alimentare le loro auto.

Ma presto si è diffuso in più ampie rivolte antigovernative, portando a tre decenni di radicato risentimento nei confronti del governo dello stesso partito da quando ha ottenuto l’indipendenza dall’Unione Sovietica nel 1991.

Tokayev ha descritto i manifestanti come terroristi che hanno ricevuto un addestramento straniero, sebbene non abbia fornito prove a riguardo.

Il Kazakistan, il nono Paese più grande del mondo, confina a nord con la Russia e a est con la Cina e possiede grandi riserve petrolifere che lo rendono di importanza strategica ed economica.

‘Il vecchio va’: i manifestanti sono arrabbiati per l’influenza dell’ex presidente

Nonostante queste riserve e ricchezze minerarie, il risentimento per le cattive condizioni di vita è forte in alcune parti del paese.

Molti kazaki si risentono anche per il predominio del partito al governo, che detiene oltre l’80% dei seggi parlamentari.

Le forze dell'ordine kazake si radunano in una piazza durante una protesta
C’è insoddisfazione per le condizioni di vita in alcune zone.(Reuters: Pavel Mikheev)

Rapporti precedenti nei media kazaki hanno affermato che molti manifestanti che si sono radunati nell’ufficio del sindaco mercoledì portavano manganelli e scudi.

L’agenzia di stampa TASS ha poi affermato che l’edificio ha preso fuoco.

Le proteste sembrano non avere leader o richieste specifiche.

“Sheikh, vai”, hanno gridato molti manifestanti, un apparente riferimento a Nursultan Nazarbayev, il primo presidente del paese che ha continuato a esercitare un’enorme influenza dopo le sue dimissioni nel 2019.

L'attuale presidente kazako e l'ex presidente vanno di pari passo
Il presidente Kassym-Jomart Tokayev (a sinistra) cammina con l’ex presidente Nursultan Nazarbayev (a destra).(Reuters: Maria Gordeeva)

Lui e la sua famiglia hanno mantenuto il controllo e hanno ricoperto posizioni chiave nella supervisione delle forze di sicurezza e dell’apparato politico a Nur-Sultan, la capitale appositamente costruita che porta il suo nome.

Nulla è stato visto o sentito di lui da quando sono iniziati i disordini.

Dopo che le manifestazioni si sono estese a Nur-Sultan e Almaty, il governo ha annunciato le sue dimissioni, ma Tokayev ha affermato che i ministri rimarranno in carica fino alla formazione di un nuovo governo, rendendo incerto se le dimissioni avrebbero avuto un impatto significativo.

All’inizio dell’anno, i prezzi del GPL sono quasi raddoppiati poiché il governo si è allontanato dalla fissazione dei prezzi come parte degli sforzi per la transizione verso un’economia di mercato.

AFP/Reuters

READ  Decine di persone sono perse e si teme uccise dopo che una barca che trasportava 165 affondò nel fiume Niger in Nigeria