Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Cina espelle i funzionari dell’ospedale dopo che una donna incinta ha perso il suo bambino a causa delle regole di blocco del Covid | Cina

Funzionari dell’ospedale cinese sono stati licenziati dopo che una donna incinta ha perso il suo bambino dopo che gli era stato negato il ricovero all’ospedale di Xi’an a causa delle restrizioni di blocco del coronavirus.

La notte del 1 gennaio, a una donna in travaglio è stato negato il ricovero all’ospedale di Xi’an Gaoxin perché il risultato del test era negativo all’età di quattro ore. Ha iniziato a sanguinare copiosamente mentre aspettava fuori, e alla fine è stata accettata, ma il bambino è morto.

La storia della donna e un videoclip di accompagnamento sono diventati virali sui social media e sono stati pubblicati dai media cinesi locali. Un hashtag correlato è stato visualizzato su Weibo 600 milioni di volte.

La provincia dello Shaanxi e la Commissione sanitaria municipale di Xi’an hanno dichiarato mercoledì di aver avviato un’indagine e concluso che la morte del bambino è stata un “incidente causato da negligenza”. Due funzionari dell’ospedale sono stati licenziati e un manager è stato sospeso.

Il capo della Commissione sanitaria della città di Xi’an ha anche ricevuto un avvertimento ufficiale dal Partito comunista cinese per aver gestito male le cure di emergenza della città.

Xi’an, una città di 13 milioni di persone nella provincia dello Shaanxi, è sottoposta a due settimane di rigoroso blocco che ha tenuto i residenti al chiuso e luoghi di intrattenimento, negozi e trasporti pubblici chiusi. Le autorità affermano che il blocco ha permesso loro di seguire lo scoppio dei casi di Covid, che secondo loro sono ora destinati a finire nello scarico. Tuttavia, Ci sono state anche segnalazioni inquietanti Carenza di cibo e ritardi o negazione dell’accesso alle cure mediche. I severi requisiti di vaccini e test per chiunque cerchi cure mediche sembrano causare confusione e impedire ad alcune persone di accedere alle cure di emergenza.

In una dichiarazione riportata dai media statali, l’ospedale preoccupato per le condizioni della donna ha affermato di aver fatto “tutto ciò che dovrebbe essere fatto”.

Ora la commissione sanitaria e l’Unione delle donne stanno indagando. Tenevano molto a lui, ed erano più che giusti”.

All’ospedale è stato ordinato di scusarsi con il pubblico, migliorare le sue operazioni e assicurarsi che tutti i pazienti abbiano accesso alle cure di emergenza. Le autorità hanno affermato che la prevenzione e il controllo dell’epidemia non sono ragioni per impedire che un paziente venga curato e che verranno aperti nuovi canali “verdi” per consentire ai pazienti con malattie gravi e acute di ottenere cure.

I funzionari hanno anche affermato mercoledì che i casi sono in calo nella città di Xi’an, con la maggior parte dei nuovi casi rilevati in quarantena o in aree chiuse. E i media statali hanno riferito che più di 42.000 persone sono state collocate nei centri di quarantena. La città di Xi’an ha registrato circa 1.800 casi dal 9 dicembre.

Il continuo impegno della Cina per eliminare il COVID-19 Ha un chiaro sostegno pubblico in un paese che ha registrato molti meno casi di molti altri nonostante il virus sia stato rilevato per la prima volta lì. Tuttavia, vi sono crescenti preoccupazioni sull’impatto delle restrizioni in corso, che stanno diventando più severe poiché i funzionari locali cercano di prevenire e rispondere all’epidemia o affrontare potenziali punizioni.

Segnalato da Xiaoqian Zhu

READ  KFC affronta un contraccolpo sulla rappresentazione "fuorviante" dell'allevamento di polli nel Regno Unito | Ambiente